martedì 30 settembre 2008

Clark Kent per primo

Ieri, leggendo l'ultimo articolo di Newsarama riguardante il Superman Panel avuto al Comic Con di Baltimora, tra le tante cose che si sapevano e le domande nerd, mi è capitato qualcosa di interessante.

Più volte, in vari forum mi sono ritrovato ad assistere alla battaglia Superman pre-Crisis Vs. Superman post-Crisis. Tra i vari temi affrontati c'era quello sulla vera identità dell'ex-Ultimo Kryptoniano: si sente più alieno o più terrestre?
Nella Siver Age era molto legato al suo pianeta natale e invece, nella riscrittura del da me sempre acclamato Byrne, venne fuori un personaggio che si sentiva terrestre a tutti gli effeti (un aspetto su tutti: il fatto che arrivò sulla Terra come un feto in una matrice e nacque nel momento in cui Jonathan Kent si avvicinò al razzo).

Dal periodo post-Final Crisis le cose sono cambiate ulteriormente e anche se si ha l'impressione di un ritorno netto alla Silver Age, il risultato non è altro che un mescolarsi dei due passati di Superman. Cosa che dovrebbe accontentare entrambe le fazioni e invece no, manco per niente così che alla seguente dichiarazione di Robinson:
“E' Clark l'identità segreta o è Superman?” Robinson: “Questa è la differenza tra Batman e Superman. Bruce Wayne è l'identità segreta. Invece Superman, lui è per primo un ragazzo di fattoria del Kansas City.”
un utente di Message Boards, il forum del sito ufficiale della DC Comics, ha avuto il coraggio di arrabbiarsi con accuse assurde come ad esempio che uno così intelligente, proveniente da una civiltà alla quale messi a confronto siamo dei cavernicoli, non può essere un campagnolo. Per fortuna gli altri utenti gli hanno fatto notare che non c'è nulla di ignobile o di poco intelligente nell'essere un campagnolo e che questo è il mondo in cui Superman vede sè stesso, non come lo vedono gli altri e cioè sempre come un semidio.

Non posso che schierarmi dalla parte di chi ha apprezzato questo intervento di Robinson. Anche se era una ragazzo speciale, Clark è cresciuto come un americano al quale gli sono stati impartiti dei sani principi da due meravigliosi genitori adottivi.

Nessun commento:

Posta un commento