Work in progress

WORK IN PROGRESS...
STO CAMBIANDO GRAFICA
SCUSATE PER IL DISAGIO CAUSATO DALLE CONTINUE MODIFICHE

domenica 8 maggio 2011

Green Lantern Emerald Wariors #1/7

Last Will
Storia: Peter J. Tomasi
Matite: Fernando Pasarin
Chine: Cam Smith
Copertine: Rodolfo Migliari

L'universo lanterniano è troppo bello e vasto, così l'inizio di una terza serie non può che avermi fatto piacere, nonostante solitamente propenda per il minor numero di serie possibili. Poi se a scriverla è il bravissimo Tomasi, che a differenza di quel farabutto di Gleason non ha abbandonato le serie smeralde, tanto di guadagnato.

Serie stupenda che non ti lascia un attimo di respiro, alla fine di ogni numero c'è un colpo di scena. Ma non colpi di scena per nerd, dei VERI colpi di scena.
Altro che Johns, Tomasi è la vera star lanterniana. Ho sempre preferito il Corpo alla serie ammiraglia, quando la scriveva lui, e ora che è passato a questa nuova serie, è questa quella che preferisco.
Magari poi le idee sono tutte di Johns, non lo so, però vengono gestite meglio da Tomasi.

I disegni di Pasarin, che ricordavo solo come sostituto di Eaglesham su Justice Society of America, mi hanno fatto ricredere. Ricordo che all'anteprima del primo numero non ero rimasto molto entusiasta. Invece in questi primi sette numeri ha fatto un ottimo lavoro e ho imparato ad apprezzarlo veramente tanto. Ora mi piace proprio!


Note:
- "home to the Guardians--" ma è corretto quel to?
- da quand'è che una voce che esce da un costrutto dell'anello, è rossa?
- l'immagine copiaincollata (quella che appare nel display della videocamera) l'accetto perché è all'interno della stessa vignetta e dalla stessa identica prospettiva.
- mi chiedo come mai venga chiamato Guy per l'emergenza, non c'è la Lanterna del settore?
- fantastico Guy in Harley Davidson!
- chissà se gli operai che lavorano su Oa faranno parte delle 7200 Lanterne o sono comuni civili.
- l'ennesimo soprannome divertente di Guy che stavolta chiama brother Warth, Babar.
- il ragazzino dice a Soadm: "once you changed our sun back to yellow, all our powers shut off like a light."
Ma che cazzo sta dicendo? Il sole giallo mica annulla i poteri, è il contrario.
- la spada infuocata di Zardor mi ricorda l'arma del protagonista del videogioco God of War.
- fa strano vedere degli alieni capaci di viaggiare nello spazio, usare ancora piccone, carrelli da miniera su ruote, o altri attrezzi antichi.

Nessun commento:

Posta un commento