domenica 3 febbraio 2013

Dishonored

Circa 20 giorni per completare un videogioco abbastanza breve. Questo sono io, fissato con la perlustrazione totale degli ambienti, anche quando non è richiesto, fissato col fare l'uso di tutte le vie che portano all'obbiettivo, durante la MEDESIMA PARTITA (e in Dishonored ce ne sono sempre almeno 3), fissato con la perfezione e così quando non concludo le azioni nel migliore dei modi, ricomincio il quadro (sì, "quadro", so' vecchio e mi piace chiamarlo così dato che ai miei tempi non c'erano i capitoli ma i quadri).
Purtroppo questo mio brutto vizio mi ha portato a soffrire durante gli ultimi due o tre capitoli, rendendo l'esperienza estenuante.

Ma passando oltre i miei problemi di modus giocandi (lo so, in latino non si dice così ma se uso il verbo "ludo" perde il verso al termine "modus operandi"), siamo di fronte ad un ottimo videogame, piuttosto originale, tenendo conto che di solito il gameplay in prima persona è riservato agli sparatutto. Guardando il trailer, infatti mi sono detto "ehi, non è il solito gioco in prima persona, mi ricorda il sottovalutato e forse dimenticato Mirror's Edge", probabilmente perché ci si arrampica su edifici, soffitte, impalcature...
Oltre questo, ci troviamo di fronte a un titolo che ti prende e ti incolla al televisore, non tanto per la storia me per la parte giocata, ti dona voglia e curiosità, quasi dipendenza nell'andare alla scoperta di come si vada avanti, se lì o là, se su o giù. Una prerogativa che in passato ho sempre avuto con la serie Tomb Raider.

La grafica non è delle migliori ma per me 'sto aspetto non è essenziale, quindi chi se ne frega!

La giocabilità invece è eccellente. Impossibile bloccarsi perché non si riesce ad effettuare un'azione come vorremmo.

Dishonored lo riterrei perfetto se non fosse per un banale difetto, che facilmente si sarebbe potuto evitare e che avrebbe invogliato di più il giocatore verso un'altra partita, ovvero ciò che affligge alcuni titoli, l'impossibilità di rigiocare una partita scegliendo il capitolo che si vuole o farlo coi vari potenziamenti ottenuti, tra poteri ed armi.
Senza che vada a ripetermi, basta riprendere il mio ultimo intervento nel blog, quello su I Am Alive, perché questa mancanza è pressoché identica. Anche per l'obbligo di tenersi un salvataggio subito prima della conclusione, unico modo per rigiocare tutti i capitoli... almeno penso, perché io durante l'esperienza di gioco, ho sempre avuto un grosso lucchetto su ogni capitolo.

Sorvolando questa sola unica nota dolente, accattatevillo, altrimenti a perderci siete voi!

Nessun commento:

Posta un commento