Work in progress

WORK IN PROGRESS...
STO CAMBIANDO GRAFICA
SCUSATE PER IL DISAGIO CAUSATO DALLE CONTINUE MODIFICHE

mercoledì 22 novembre 2017

Il Topolino moderno piace a qualche 30-40enne?

Una domanda che mi faccio da tempo e che si è rafforzata negli ultimi mesi, quando ho avuto modo di confrontarmi con altri lettori, abituali o occasionali, che la pensano come me.
La mia opinione in breve l'ho già esposta sul Moz O'Clock.

Preciso che mi riferisco ai redazionali e alle rubriche, non alle storie.

Apri il magazine e dopo la (non sempre) divertente vignetta della Ziche con "Che Aria Tira A..." ti arriva l'editoriale di una cafona che da anni tiene i piedi sulla scrivania, con contenuti brutti e/o noiosi.

Vai avanti e dopo il sommario che non mi dispiace, arriva Chiedilo Al Topo, che non sarebbe neanche male perché è l'odierno angolo della posta... se solo non fosse rivolto ai personaggi Disney con domande idiote.
Riporto quella sulla richiesta di età di Brigitta perché è una (noiosissima) costante.

Poi ci sono interviste a cantanti che quasi sempre non conosco e realizzate da bimbetti secchioni che prenderei a schiaffi dalla mattina alla sera (mi ero già pronunciato da Moz qui). Alcuni VIP vengono trasformati in fumetto e quella è l'unica parte che salvo.

Gli articoli sulle attività extrascolastiche non sono male per gli argomenti trattati, è la grafica che rovina tutto.

La rubrica sull'informatica (quella che trattava videogiochi e non solo) è finita da un ventennio (grosso modo) a Chi L'Ha Visto?

Concludo con la cosa che odio di più. Ricordate Risate Boom? Dimenticatele! Oggi c'è Barze e Colmi. Da un mio commento al Moz O'Clock:
Emanuele Di Giuseppe 23 ott 2017, 10:05:00
Barzellette? Già che la rubrica si chiama "barze", mi sta sulle palle, poi sono freddure di lettori cerebrolesi che non fanno MAI ridere, ho smesso di leggerle saltando a pie' pari la rubrica da mesi. Pietosa! Risate Boom era su un altro pianeta, con l'alano Sansone, Dennis la minaccia e Isidoro.
Seguono altri botta e risposta in caso vi interessi o ve li foste persi.
Non c'è proprio nulla da ridere, Gasto'!
Dopo le barze sono arrivate le figu ma solo in un articolo, per fortuna... [seguono imprecazioni à la Lino Banfi]

Spesso (l'ultima volta qui) ho detto "se li fanno così è perché ai giovani piace" ma a noi vecchi chi ci pensa? Non saremo lo zoccolo duro degli acquirenti ma siamo parecchi (basta guardare l'utenza di Papersera.net). Non so come fosse essere un 30-40enne negli anni 70 o 80 ma sono certo che per loro, leggere Topolino era molto più piacevole, con rubriche indirizzate a bambini ma per tutti, gradevoli anche per i più grandi (anche perché il loro Topolino era mezzo bianco e mezzo nero, senza rubriche). O forse è solo una mia illusione e anche loro si lamentavano dicendo che vent'anni prima era migliore.

Voi come la pensate? Sono curioso e sfido a trovare qualche adulto a cui piaccia.
Nel frattempo incrocio le dita delle mani e dei piedi affinché venga presa in considerazione la proposta del Moz.

23 commenti:

  1. Dunque Ema, io ti rispondo di sì.

    Per me l'essenza di Topolino sono le storie a fumetti e quindi posso rispondere in modo convinto di sì, anche perché se la mia risposta fosse stata diversa, verosimilmente avrei dovuto interrompere l'acquisto e la lettura.

    E' chiaro che sono d'accordo sulla scarsa qualità della sezione barzellette e sul fatto che un confronto con risate 'Boom' sia impietoso; sono d'accordissimo su 'Chiedilo al Topo', che potrebbe benissimo essere cestinato.

    Sul resto dei redazionali non me la sento di condannare il nuovo corso. Topolino secondo me è sempre stato calibrato sul pubblico principale a cui è rivolto. Il problema è che una volta Topolino copriva una fascia dai 6 ai 13 anni, oggi arriva a pelo agli 11. I dodicenni-tredicenni di oggi sono come i quattordicenni-quindicenni di una volta. E' quella l'età in cui Topolino si abbandona.

    Quindi Topolino è calibrato su una fascia più ristretta, perché quello è il pubblico principale.

    Sono cambiati i tempi, Topolino si è adeguato.

    I cantanti purtroppo sono quelli che vanno di moda, quindi bisogna tenerseli, perché sono quelli che spopolano in radio.

    ps non sono d'accordo su Valentina De Poli, w la Vale :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima analisi e ci sta che si sia adatto ai tempi ma lo ha fatto male.
      Non discuto gli argomenti trattati (a me la sezione cantanti non piaceva manco 25 anni fa) ma l'impostazione e la grafica.

      Oh, mi sta troppo suo coglioni la redattrice, non ci posso fare nulla.
      Ma anche se togliesse quella immagine sono una rottura i suoi editoriali.
      Con più fatica ho letto solo quel volantino che trovi in chiesa la domenica (non mi viene il nome).

      Elimina
  2. Io i fumetti li apprezzo ancora molto, gli articoli centrali li salto quasi sempre in blocco :D Però su uno degli ultimi c'era lo speciale scientifico sui ponti di Konigsberg che ho trovato molto interessante.. sei impietoso con la De Poli, come mi dissero prima Casty poi Pastrovicchio ha lasciato molta libertà d'azione agli autori (per fortuna)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono eccezioni per fortuna ma troppo rare.
      Quello sui ponti lo avrei apprezzato se avessi capito il problema di Paperino nella storia.

      Ricordo che ne parlammo e già all'ora ti dissi che non la sopportavo.
      Probabilmente il lavoro dirigenziale lo fa bene ma per le pubbliche relazioni lasciasse perdere (e io critico quelle, la persona come appare, perché quella che è non posso saperlo).

      Elimina
  3. Purtroppo non posso considerarmi un lettore di Topolino, sebbene lo sia stato, e anche molto. A memoria credo di aver smesso intorno al 1988, quando ho conosciuto Tex e Dylan Dog, ma per i 14 anni precedenti ho letto SOLO Topolino! E lo confesso, MAI ho letto le rubriche, di cui non me ne fregava molto. Però Isidoro e Sansone li adoravo...
    Posso però testimoniare che negli anni Ottanta nessun "adulto" leggeva quel fumetto, era "roba da ragazzini" e così era impostata: se continua ad esserlo, mi sa che gli autori non hanno fatto bene i conti. Temo che i ragazzini di oggi, con milioni di possibilità che noi degli anni '80 non avevamo, se ne sbattano di Topolino, che continua a rimanere nel cuore di una generazione di adulti che non corrisponde agli "adulti di una volta": i 30-40enni dell'epoca aspettavano la Rivoluzione, oggi aspettano il nuovo Batman al cinema...
    Forse dovrebbero cambiare il format perché gli adulti sono i nuovi ragazzi e i ragazzi ormai sono tutti on line. Quando avevo 10 anni non c'era niente per me al mondo, se non giocattoli e fumetti, e con quelli passavo il tempo. Oggi per i ragazzini ci sono universi interi, ci riescono a stare fermi mezz'ora a leggere un albo?
    (Che bello quel giorno della settima a in cui usciva Topolino, la sensazione di avere nuove storie da leggere e rileggere... Ci sono storie che ho imparato a memoria, dopo averle lette tipo mille volte. Le reinterpretazioni di Star Wars, Via col vento, Marco Polo... mado', mi fermo se no scatta la lacrimuccia :-P )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece avevo il vizio di leggere TUTTO, pure il numero di pagina e i crediti alla fine.
      Grandi Isidoro e Sansone!
      Allora negli anni 80 mio padre era l'unico trentenne a leggerlo, non abitualmente ma solo quelli che comprava a me per gli allegati, io li sfogliavo solo a meno che non me li leggesse lui.
      Non so chi compra il settimanale oggi ma sono certo che di 30-40enni ce ne sono parecchi.
      Che brutto essere bambini degli anni 2000 o anni 10.
      Condivido le emozioni del mercoledì e la possibilità di rileggere le storie fino a consumare le pagine.
      Comunque non ci ripensare, la nostalgia è canaglia!

      Elimina
    2. Bellissima analisi Lucius :)

      Eh sì Ema, anche io credo che sia brutto essere bambini di quelle annate.

      Guardo mio nipote e facendo il confronto mi dico: quante belle cose ha perso.

      Elimina
    3. Io ho un nipote di un anno e già ho perso le speranze. Ama Alvin ma quello nuovo. Fosse mio figlio guarderabbe solo il cartone vecchio! Già sa come funziona il touchscreen e i genitori lo piazzano davanti a YouTube. Mi sono arreso in partenza, nonostante non manchi di rimproverare i genitori... ma alla fine è figlio loro, io non ho voce in capitolo. Più di regalargli giocattoli idonei alla sua età, non posso fare.
      Se avrò un figlio a qualsiasi ospite farò lasciare il cellulare in un cassetto all'entrata, come i giapponesi con le scarpe!

      Elimina
  4. Quand'ero piccolo li leggevo tutte queste rubriche, ma è da parecchio che non faccio più, perché in effetti mi danno l'orticaria ;)

    RispondiElimina
  5. Praticamente mi hai fatto un megaspot per il blog, con questo post XD

    Tornando seri: noi abbiamo vissuto l'epoca d'oro di Topolino Magazine, perché comunque era il mondo attorno a essere... D'ORO. Erano gli anni '80, i primi anni '90.
    Proprio ieri, privatamente, chiedevo a Riccardo Giannini da quando Topolino ha effettivamente perso gli spot.
    Oggi sopravvivono solo quelli della Marvel (Disney) e di Star Wars(Disney). Un tempo acquistavamo Topolino per tutto tranne che per i fumetti. Perlomeno io, che comunque amavo le storie proposte.
    Ma per me Topolino era in primis VIDEOCASSETTE, la rubrica dove scoprivo nuovi film e cartoon in vhs.
    Poi Risate Boom che citi. Poi ovviamente gli spot, ti facevano innamorare.
    Amavo anche l'agenda. E i programmi tv, specie negli anni '90.

    Ed è proprio questo, che ho proposto alla redazione: tornare per un attimo a quel tempo.
    Topolino ha bisogno di più redazionali, meno confusi nella grafica.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah la fattura dove la invio?
      Scherzi a parte, queste citazioni vanno un po' a sostituire Posts in da Blogs, quindi da quando ho chiuso la rubrica, c'erano solo questi miei commenti salvati, gli altri sono stati già citati in passato.

      Delle pubblicità ne abbiamo parlato da te, amavo quelle della Pritt ma erano tutte belle perché figlie di un periodo d'oro, come dici tu.

      L'ultima frase è da incorniciare nell'ufficio della redattrice!

      Elimina
    2. Io ti dico che col fatto dei piedi sulla scrivania mi hai fatto MORIRE^^

      Moz-

      Elimina
    3. Che poi a me la cafonaggine piace, io per primo, essendo scurrile, sono un super cafone ma sto attento al contesto, in ufficio non dico parolacce!

      E poi aggiornala la foto dopo un po', avrai cinquant'anni ora e lì ne avevi meno di trenta (per dire). Ma no, si vede proprio che le piace, che si sente fica!
      E io mi innervosisco di più!

      Elimina
    4. ahhaha io faccio coming out: a me piace :D. Non so se davvero ha 50 anni, ma li porta bene. Le offro volentieri tutti i miei tavoli e tutte le mie scrivanie per metterci i piedi sopra.

      Poi magari le mie percezioni sensoriali sono inquinate dal desiderio di una donna che non consideri Topolino come una cosa che può essere usata al posto della carta igienica :D

      Elimina
    5. Lei ha comunque un bel curriculum Disney, mi pare di ricordare... :)

      Moz-

      Elimina
    6. Riky feticista! 😁
      Io ci incartavo le uova ma ho lasciato perdere perché ne riuscivo a mettere solo una a pagina 😝 Comunque ti regalo volentieri la mia ragazza! Non legge Topolino ma non giudica gli adulti che lo fanno! Però rompe i coglioni su tutto il resto, non so se ti conviene!

      @Moz: in che senso curriculum? Di storie lette o quelle che ha fatto realizzare?

      Elimina
  6. Ciao Ema!
    Sai già come la penso su Topolino!
    Secondo me non c'è proprio confronto tra quelli di oggi e quelli degli anni 80 e 90 (che custodisco gelosamente e rileggo sempre con piacere!).
    Per quanto riguarda le storie a fumetti, secondo me, anche oggi ne stanno uscendo di belle ed è il motivo per cui continuo a comprare Topolino... anche se gradirei qualche storia in più sui topi e meno sui paperi!
    A molti sta antipatico Topolino perché è sicuro di sé ed è un vincente... io invece lo amo proprio per questo!
    Le rubriche e le iniziative, invece, proprio NO!
    Quella della scorsa estate (TOPOESTATE DI RISATE) ad esempio, a me ha fatto un po' pena!
    Facciamo una raccolta firme per la proposta di Miki?
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Benedetta!
      Ricordo bene la nostra ultima discussione nell'articolo dell'utilimo Topolino che ho letto, ho anche inserito il link nella parte finale dell'articolo.
      Concordiamo sul poco spazio dedicato a Topolino e anche io l'ho sempre amato.
      Topoestate ha fatto pena, dici bene.
      La raccolta firme per esperienza personale dico che non ha mai portato a nulla ma possiamo fare una prova!
      Buona serata!

      Elimina
  7. Non leggendo topolino e soprattutto non ricordando assolutamente niente dei redazionali non posso esprimermi ma a naso direi che c'era roba molto più interessante una volta.

    RispondiElimina
  8. Io Topolino non lo leggo più da una vita. Qualche storia la recupero saltuariamente, perché incuriosito.
    Non posso rispondere alla tua domanda. Però ti dico che all'epoca nemmeno le leggevo le rubriche. Mi interessavano solo i fumetti XD

    RispondiElimina
  9. Be', in quel caso non hai problemi di questo genere 😁
    Come scritto a Lucius, io invece leggevo ogni pagina e ogni angolo!

    RispondiElimina