Work in progress

WORK IN PROGRESS...
STO CAMBIANDO GRAFICA
SCUSATE PER IL DISAGIO CAUSATO DALLE CONTINUE MODIFICHE

lunedì 4 dicembre 2017

Videogiochi sotto l'albero: i Natali con la PlayStation

Come già scritto, questo mese le rubriche regolari subiscono una modifica per renderle natalizie.
La mia idea sul lunedì videogiochi era di raccontare di tutte le console o di tutti i videogiochi ricevuti in dono in questa festività ma solo per oggi ho deciso di fare una piccola modifica, raccontando una splendida esperienza dell'era della prima PlayStation.
L'arco di tempo di cui voglio parlare va tra il '96, quando ancora non avevo una PSX mia (sarebbe arrivata a primavera dell'anno dopo grazie alla cresima, regalo del mio defunto nonno materno, nonché il compare scelto) e il '99.
La tombola mi aveva ormai fracassato gli zebedei e non ero mai stato un amante delle carte (salvo quel noiosissimo 31 o Sette e Mezzo, a Bestia e Poker avrei iniziato a giocarci molti anni dopo), quindi che rimaneva da fare per un adolescente che ormai non riceveva più giocattoli da montare e con cui giocare tutto il pomeriggio?
Ci pensa mio zio Eugenio, il più giovane dei fratelli di mamma, poco
più di 10 anni più grande di me, che da quell'anno inaugura questa nuova tradizione, mentre i grandi giocavano a carte e i piccoli a tombola o coi giocattoli ricevuti, noi mezzani ci distruggevamo gli occhi dalla fine del pranzo (nel tardo pomeriggio) fino a notte fonda!
Specifico che sto parlando del 25 dicembre, Natale e non vigilia, di cui ne ho parlato la scorsa settimana, quindi sono vicende legate alla mia metà materna... però non sono mancati i miei cugini paterni, già visti la sera prima, intrufolati per quanto stessero bene anche con parenti non loro (Federico, sei stato nominato!).
Il titolo più giocato, ovviamente, fu Winning Eleven o ISS Pro, stesso gioco ma col rispettivo titolo orientale o occidentale (quando ancora non si chiamava/lo chiamavano Pes - vomito!). Quando si è in tanti quale videogioco migliore se non uno sportivo, per la precisione con lo sport nazionale? Inizialmente uno contro uno ma poi con la PS2, mio cugino Fede ed io iniziammo a portare il nostro multitap, quindi due contro due ma questa è un'altra storia.
Se in gruppo mi piaceva giocare al calcio, per le partite in singolo preferivo altro, ed ecco che i miei preferiti erano i platform come Crash Bandicoot o Rayman!
Ma senza dimenticare uno dei titoli migliori di quegli anni, ovvero Die Hard Trilogy
Ma era anche il periodo giochi copiati (masterizzati), quindi se ne potevano provare tanti nonostante il proprietario della console non fosse un figlio di papà ultra viziato!
Quindi ho/abbiamo giocato anche al simulatore di F1 al quale non avrei mai dato la minima possibilità in altra circostanza (la Formula 1 non mi piace minimamente), al primo Gran Turismo e a tanti altri che ho completamente rimosso.

Se ti è piaciuto questo articolo prova anche:
- I videogiochi dimenticati: Lomax
I videogiochi dimenticati: Exhumed

25 commenti:

  1. Risposte
    1. Sì ma solo per la versione mobile. Come ti avevo accennato volevo si vedessero le etichette e questa è l'unica grafica preimpostata che li mostra.
      Purtroppo non sono personalizzabili e questa non mostra il logo...

      Elimina
  2. Grandi titoli, non solo quelli delle immagini ma anche quelli citati, come Gran Turismo.
    Ho un vago ricordo che mi riporta a quegli anni, forse qualche anno dopo, salivamo io e Fede da te per giocare ad un titolo che forse qualcuno conosce...GTA, quello con la visuale dall'alto.
    Crash ha colorato quella che prima era una console sbiadita, facendone la storia.
    Die Hard trilogy,che titolo!! ci giocavo sempre con mio cugino (l'altro Emanuele), ci piaceva perchè era pieno di parolacce.

    Eugenio, il grande "Zio Eugenio"..gli dobbiamo molto...riuscivo a vederlo solo a Natale e al tuo compleanno. Anche se non è un mio zio carnale, ha sempre sopportato me e i miei fratelli più grandi, lo tartassavamo di domande sui videogiochi.
    E' grazie a lui se ho potuto finire alcuni dei giochi quando la PS1 si bloccava, come?...STUZZICADENTI!

    Da buon amante dei videogiochi sul pallone, Winning Eleven ha segnato la mia infanzia, anche se devo dire che le canzoni presenti nei vari FIFA sono uno spettacolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GTA quello vero! Quando non vedevo l'ora di tornare a casa da scuola per giocarci.
      Vero su Crash.
      Die Hard era di una violenza inaudita per l'epoca! Molto prima di GTA. Era divertente uccidere gli ostaggi.
      Ahahah lo stuzzicadenti lo avevo rimosso, è vero! 😁
      Grande zio Eugenio, prima che appendesse il joystick al chiodo.
      Di FIFA era bella la voce iniziale che diceva "i ei sport, zenigheim!" (in realtà diventa "it's in the game" ma va be', fa lo stesso) e le canzoni, come dici tu. Il gioco mi piaceva solo su Super Nintendo.

      Elimina
  3. Io mai avuto la PSX (a parte in epoca recente come collezionismo) però ricordo partitone a FIFA 98 da un mio amico che l'aveva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FIFA a fine anni 90 e quasi tutti i 2000 era una chiavica di gioco 😝

      Elimina
    2. Fifa 97 e Fifa 98 leggende.

      poi sì, i titoli seguenti da dimenticare.

      Mi sono appassionato al 2004-2006, ma Pes l'ho trovato migliore, nettamente.

      Dal 2008 in poi ho smesso di giocare e lì Fifa ha fatto il sorpasso :D

      Elimina
  4. Bellissimo IssPro-Winning Eleven, all'epoca non c'era davvero confronto con Fifa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già!
      Pensa che oggi anche se è superiore FIFA, continuo a giocare solo col titolo Konami

      Elimina
  5. Duuunque, anche per me è esistito questo periodo: forse due annate, ma comunque si giocava alla Play alternandola comunque alla tombola ecc (io ho sempre amato i giochi natalizi).
    Fu proprio durante un Natale che finii Tombi!, per dire.
    E durante un altro, ci si sfidata a Syphon Filter 1vs1 o Crash Team Racing 1vs1 o ancora l'immancabile Street Fighter :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io come scritto ho avuto una pausa, però la tombola e 31 non li sopporto più.
      Oggi gli diamo di pokerini ma solo a tarda notte, dopo che quasi tutti sono andati a dormire, fino al mattino.

      Ai tempi della scuola era fantastico giocare ogni giorno durante le feste, non solo il giorno di Natale.

      Street Figther non ha girato molto sulla mia PSX.

      Elimina
  6. Stavolta passo, niente Playstation per me...per fortuna c'erano altre console e ora c'è il PC ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Male, molto male! Sei passato a casa di un sonaro 😝
      Non giocavi neanche con le altre console a Natale?

      Elimina
    2. Sì, il SMS, ma avevo giochi poco "famosi" ;)

      Elimina
    3. Tanto erano quasi tutti belli, anche quelli poco conosciuti.
      Ma sono di parte, parliamo della mia console preferita in assoluto! Nonostante abbia giocato a pochissimi titoli.

      Elimina
  7. Io per il post pranzo del 25 dicembre, ricordo interminabili pomeriggi passati a giocare al Mercante In Fiera... 😱😱😱
    Tremendi!
    Alla Play ci ho giocato veramente poco... mio nipote, che ha appena 10 anni meno di me, ha provato tante volte a farmi i giocare... ma ha sempre concluso ogni esperimento con la frase "zia sei proprio negata"! 😥
    Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al mercante ci ho giocato due volte, a casa di un compagno di classe alle medie e ad una festa pre natalizia.
      Non l'ho mai visto come un gioco natalizio però.
      Ahah dai, consolati che voi donne siete una minoranza nel videogaming. La mia ragazza invece gioca poco ma se ci si mette è forte!
      Buona settimana a te!

      Elimina
  8. Sei andato en surplace nel raccontare questi ricordi di post-abbuffate natalizie smaltiti a pestare i tasti del joypad della Plei (detta anche Pleistescion).
    Anche se non sono mai stato un appassionato di calcio, riuscii a convertire nel 1999 dei miei amici che giocavano a FIFA a Winning Eleven. Non hanno più giocato al titolo EA da quel giorno.
    Crash non lo comprai (ero fedele a Sonic e Mario), ho rimediato quest'anno con la "remastered".
    Die Hard Trilogy era un signore-gioco. L'ho giocato allo sfinimento. Un vero outsider che venne fuori prepotentemente una volta infilato nel lettore. Vario nella giocabilità e fedele a catturare lo spirito del film (che da noi fu tradotto in "Trappola di Cristallo").
    La Formula 1 cui accenni credo sia quella della Psygnosis che con il suo Formula One fece cadere la mascella a terra a parecchi grazie a una grafica mai vista su una console (sui computer c'era la simulazione di Geoff Crammond dai tempi dell'Amiga)
    Bello questo tuffo nello spirito del Natale passato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mi piacciono i ricordi del passato e mi piacciono ancora di più quelli legati al Natale. Ed ecco il risultato, un blog che sembra il laboratorio di Babbo Natale!
      Molto meglio plei o pleistescion di piessedue o piessetre (io lo scrivo solo per abbreviare ma le pronuncio sempre per intero!).
      Die Hard merita un articolo in assolo, magari in futuro! Tutto vero ciò che scrivi.
      F1 sì, quello del gufo!
      Grazie per aver apprezzato questo tuffo 😀

      Elimina
  9. Bello Die Hard, impossibile da finire ricordo. Il nostro intrattenimento il 25 erano i Lilli (due zii gemelli, che da quando entravano a casa a quando se ne andavano, ti faceva male la pancia per le risate). Il pesce della defunta e santa Zia Francesca che tutti aspettavano con la bava alla bocca, cappa di fumo (il 98% delle persone fumava), Una poltrona per due o Mamma ho perso l'aereo alla tele, gli auguri di Natale del Berlusca ahahah e io che logicamente non mi inculavo nessuno e iniziavo a consumare (letteralmente) il mio regalo di Natale, qualunque fosse stato, e guai a chi mi rompeva, morso al naso e passava la paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Die Hard impossible la parte col mirino, un gioco da pistola ma senza pistola...
      Mitici i Lilli, li ho vissuti qualche volta il 26 insieme a zia Francesca!

      Elimina
  10. Ricordo un Natale con gli amici passato a giocare a Crash Team Racing e qualche tempo dopo a Crash Bash.
    Il videogioco unisce anche a Natale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come Moz. Io invece credo di non aver mai giocato a Crash Team Racing.
      Il videogioco era una valida alternativa ai classici giochi natalizi, con conseguente incazzatura dei genitori: "state sempre appiccicati lì davanti, pure a Natale!". Oggi scommetto rimpiangano i videogiochi dato che i ragazzini odierni stanno sempre con la faccia sul cellulare...

      Elimina
  11. Ottimo articolo! Ho raggiunto il tuo blog dal post di "ilblogdidelux" in cui ti cita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il complimento e grazie a Delux per averti fatto giungere qui.
      Ho dato un'occhiata al tuo blog, articoli interessanti. Appena ho tempo passo a leggerli e commentare. Ci si vede o qui o lì 😉

      Elimina