Work in progress

WORK IN PROGRESS...
STO CAMBIANDO GRAFICA
SCUSATE PER IL DISAGIO CAUSATO DALLE CONTINUE MODIFICHE

venerdì 18 maggio 2018

Action Comics Special | Superman Special

Credevo che questi due speciali servissero per chiudere tutte le trame lasciate aperte da Jurgens, Tomasi e Gleason ma non è proprio così...
The Last Will and Testament of Lex Luthor, su Action Comics Special è una storia inconcludente scritta da Jurgens che vede Attenzione Spoiler: un vecchio Luthor che viene dal futuro, intento ad uccidere Superman, consapevole della doppia identità e che decide di usare Lois per attirare l'attenzione del supereroe, però muore per infarto prima di compiere il suo ultimo atto.
Dall'altra parte c'è Lex, quello che era diventato buono, che è tornato improvvisamente cattivo e stronzo senza un apparente motivo, quando lo avevamo lasciato alla conclusione della vicenda su Apokolips, togliersi il simbolo della casa di El ma mantenendo buone
intenzioni (a parte qui, vedi penultimo paragrafo del post).
Ciò che però mi dà fastidio è che la vicenda di Zod e famiglia non verrà mai ripresa, almeno da Jurgens, dopo che ce lo aveva mostrato nel futuro nel suo ultimo story arc.
In compenso i disegni di Conrad sono bellissimi.
Segue Suprema Est Lex, di Mark Russell, in un racconto molto mediocre (anche un po' comico senza motivo) che probabilmente è fuori continuity dato che Lex è figlio di un industriale e anche se poi ha ingrandito l'azienda del padre, non è il self-made man che dovrebbe essere. Nell'ultima vignetta decide di concorrere per la Casa Bianca.
Forse è solo ambientata nel passato dato che il costume dell'Azzurrone è quello con mutande ma senza polsini.
I disegni di Jill Thompson non mi sono piaciuti minimamente, a parte una bella Lois ma non in tutte le tavole.
Si conclude con una storia già apparsa lo scorso dicembre su DC Holiday Special, di Max Landis e Manapul e non ho proprio capito il motivo... è bella ma perché ristamparla qui?! Ne riparlerò il prossimo dicembre.

Superman Special inizia con For Those Who Serve, di Tomasi e Gleason, che riprende le vicende dell'Isola Dinosauro, anche se per me erano belle che concluse, con l'Uomo d'Acciaio e figlio che tornano sull'isola per riportare a casa il capitano Storm, ultimo superstite della squadra che durante la Seconda Guerra Mondiale era finito in questo posto fuori dal tempo.
Mi è piaciuta molto, soprattutto Attenzione Spoiler: l'integrazione di Storm nel presente, che fa un po' Capitan America.
I disegni di Scott Godlewski li ho trovati bruttini, con dei visi strani (forse un pizzico deformed) e corpi semplici da cartoon.
Padre e figlio si ripuliscono dalle viscere di un dinosauro col super soffio
Si prosegue con Strays and Strangers, di Mark Russell, che stavolta si rifà con un bellissimo racconto breve, in cui il kryptoniano, appena tornato dallo spazio profondo, allo stremo delle forze dato che stando lontano da un sole giallo i suoi superpoteri si scaricano, deve vedersela con un insetto marino gigante e subito dopo salvare un anziano, le foto della moglie, unico ricordo dell'uomo e un cane. Il fulcro però sono gli insegnamenti di Pa Kent.
Bellissimi anche i disegni di Hitch.
Conclude l'albo un altro bel racconto breve, Split Decision, di Ian Flynn, che prosegue la vicenda diel cattivo Atomic Skull, ormai redento e agente della SCU sulle pagine di Superwoman. Lui e Superman devono fare una sommossa dentro un edificio dove si nasconde Shockwave, il quale avrà Attenzione Spoiler: la meglio sul supereroe ma l'ex cattivo farà la cosa giusta salvandolo.
Purtroppo rovinano tutto i disegni di Kaare Andrews.

9 commenti:

  1. A me piace come cerchi una continuità osservando il costume e i suoi dettagli, ma secondo me spesso sono disegni ad minchiam... nei fumetti americani seriali ci sono svarioni mica da poco!
    Odio i viaggi nel tempo, quindi Lex vecchi che fanno robe; odio i cambiamenti dei personaggi, quindi gente che diventa buona cattiva buona cattiva senza motivo... Nah.
    Mi fa piacere che le storie dove ci sia il figlioletto siano sempre carine^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che sono d'accordo con te (avendo anche sbirciuolato da dentro il mondo del disegno) sul fatto che i disegni sono un po' a minchiam e che ognuno disegna ogni cosa come vuole (magari partendo dalle stesse reference ma prendendo strade diverse)

      Elimina
    2. Anche io come voi credo che i disegnatori spesso se ne freghino, magari lo facevano anche in passato solo che c'era un editor a correggerli, quindi oggi se ne fregano anche loro (in soli 3 albi, Superman è stato rappresentato più volte con mutande e polsini in flashback del passato, quando aveva il costume classico).
      Però qualcuno ci sta ancor attento e voglio sperare che quando lo noto sia quello il caso.
      Luthor redento aveva un senso all'inizio di Rebirth ma poi secondo me non hanno fatto in tempo a portare a termine le trame e lo hanno fatto tornare al vecchio status quo senza una vera motivazione.
      Sia Jurgens (che lo ha trattato di meno) che Tomasi hanno fatto un gran lavoro per le trame col figlio, anche se per un breve momento il secondo me lo ha fatto odiare.

      Elimina
    3. Diciamo che da un po' di anni a questa parte si parla sempre più spesso di libertà artistica, che ci sta pure eh ma cavolo non a discapito di una coerenza narrativa!

      Elimina
    4. La libertà va bene se mi fai una S sul petto leggermente diversa (il sommo Mahnke la faceva bruttissima ai primi tempi), un ciuffo al contrario, un'anatomia grossolana (tipo McGuinness che ho odiato per tutti gli anni che ha disegnato Superman) ma mettere polsini o meno, mettere mutande o meno, è una cosa a cui devi stare attento!
      Nel 2006 Adam Kubert mise per sbaglio la S sulla fibbia, sicuramente per imitare il film e nelle interviste successive ammisero subito che si era trattato di uno sbaglio. Poi magari lo fanno ancora, solo che io non le leggo più le interviste.

      Elimina
  2. Ema sono andato a leggere superman special! I disegni di Strays and Strangers sono stupendi SPOILER soprattutto la scena di Superman che emerge dalle macerie con il cagnolino vivo <3.

    Anche in questa storia ho trovato piccoli echi disneyani anche se ovviamente con una portata di sentimenti più forte.

    Della storia dell'isola dei dinosauri ha colpito anche me la parte dell'adattamento di Storm al nuovo mondo (SPOILER 2 bella la scena di lui che va a dormire nel pick up e guarda la luna).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che se non fossi andato a leggerlo di tua spontanea volontà, ti avrei consigliato proprio qua nei commenti quella del cane!
      La stavo per inserire tra le immagini ma ho evitato per non fare spoiler.
      Molto bello quel momento di Storm, concordo!

      Elimina
  3. Forse avevano semplicemente bisogno di un Luthor di nuovo malvagio ed non hanno voluto spremersi le meningi più di tanto per farlo tornare così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso esattamente come te!
      Però sono certo che quando gli autori si sono seduti a tavolino (lo hanno fatto ogni tot di mesi, compreso Johns che non appare nei crediti), la risoluzione la sapevano già, solo che non hanno avuto il tempo di raccontarcela, probabilmente per un cambio di programma (l'arrivo di Bendis).

      Elimina