Work in progress

WORK IN PROGRESS...
STO CAMBIANDO GRAFICA
SCUSATE PER IL DISAGIO CAUSATO DALLE CONTINUE MODIFICHE

giovedì 24 maggio 2018

Giocattoli anni 90: La Fabbrica dei Mostri

In queste settimane iperimpegnative ho deciso di fare come fanno altri amici blogger, ovvero un guest post. Piccola introduzione, copio e incollo e buonanotte!
Passo quindi il testimone a mio cugino Tancredi, il più grande fan del Regno!
La settimana scorsa gli stavo chiedendo un consiglio su cosa trattare e mi ha suggerito La Fabbrica dei Mostri... unico problema, quando è uscita ero già grande, quindi ho solo qualche vago ricordo di lui e il fratello che ci giocano, nulla di più.
Ho scritto pure troppo, quindi vi lascio a lui!

“La Fabbrica dei mostri ha aperto giù in città!”
Con questa frase si apriva la pubblicità di un giocattolo che per anni avrebbe accompagnato la mia infanzia.
Innovativo, divertente e pericoloso…Vi presento il mio ricordo nostalgico:
La fabbrica dei Mostriiiiiiii.

Se non sbaglio, la fabbrica fu messa in vendita nel 1993 dalla GiG, all’epoca avevo solo 2 anni, ancora non ero in grado di intendere e di volere, ma il fato, qualche anno dopo ha fatto si che io e la magica scatola ci incontrassimo (in questo caso “il fato” fu mia madre che me la comprò, o mia zia non ricordo) per passare mattinate, pomeriggi e serate a creare un esercito di mostri.
Nella confezione, c’erano la fabbrica, l’alimentatore per farla funzionare, 3 boccette contenenti liquido “di mostro” gelatinoso (mi sembra che quelli nella scatola fossero di colore nero, rosso e verde) 2 piastre di ferro scavate che sarebbero servite per dare un corpo ai nostri mostri e la paletta verde che serviva ad inserire le piastre dentro la fabbrica. 

La struttura e le funzionalità della fabbrica erano molto simili a quelle del Dolce Forno, una scatola cubica arancione e verde (solo i colori invitavano qualunque bambino a volerla) con un adesivo davanti che riportava gli occhi di un mostro nascosti nel buio con le dita sporgenti da un tunnel verde, come se volesse uscire dall'ombra per prenderti e un cassetto frontale dove inserire la piastra con le forme dei mostri. Crearli era semplice ma molto affascinante, soprattutto agli occhi di un bambino. Bisognava versare il liquido dei mostri nelle piastre con le formine, inserirle con la paletta verde dentro la fabbrica, accenderla, ammirare la scatola che si illuminava di un arancione accecante (ultra fantascientifica come cosa) aspettare qualche minuto e… “Si, può, fareeeeeeeeeeeeeeee”
Una volta tirate fuori le piastre con la paletta, bisognava fare attenzione a non bruciarsi e come per magia i nostri mostri, prima fatti solo di liquido, finalmente avevano un corpo elastico ed areno pronti ad impaurire qualunque forma di vita femminile nella casa.

Lo scopo era naturalmente quello di fabbricare mostri a go go e visto che da piccolo il mio sogno era diventare uno scienziato pazzo alla conquista del mondo, quale altro modo se non con una armata di mostri al mio cospetto pronti a sacrificarsi alla causa. Ricordo di averci giocato tantissimo insieme ai miei fratelli più grandi e mio cugino. Ci divertivamo a mischiare i colori e facevamo a gara a chi creava il mostro più potente e colorato di tutti
Mostri, che poi non erano altro che insetti 😆 
Tarantole, vermi, scorpioni, mosche e scarafaggi…non sono mai riuscito ad incoronare il mio sogno di conquista, ma la fabbrica mi ha fatto divertire, mi ha insegnato a creare dal nulla dei giocattoli dai colori che volevo io, a fraternizzare con altri bambini, a PIANGERE perché come accennato prima bisognava stare attenti a tirare fuori le piastre incandescenti come lava dalla fabbrica e aspettare che si raffreddassero, ma io ero solo un bambino e ogni ustione riportata sulla mano per la fretta di prendere “il nuovo arrivato” valeva la candela 😉

37 commenti:

  1. Fabbrica dei mostri citata recentemente anche da Zerocalcare :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrò essere sincero, sono dovuto andare nel web per capire chi fosse Zerocalcare XD non sono un grande appassionato di fumettistica, però mi sono informato e girando ho trovato la vignetta a cui ti riferisci...divertente :)

      Elimina
    2. Poi la vignetta la fai vedere anche a me... a me Zerocalcare piaceva quando non lo conoscevo, ora ha un po' stancato.

      Elimina
  2. La Fabbrica dei mostri, a me non piaceva però la pubblicità si, da morire ahah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai tu stavi solo davanti alla Play, ne avevi il controllo assoluto e in qualche modo dovevo passare le giornate...o giocavo a creare mostri, o facevo finta di giocare insieme a te alla play con il controller staccato XD

      Elimina
    2. Ahahah el rincoglioniton da pleistescion!
      Mortacci sua me lo ricordo meglio io che lui...

      Elimina
  3. La fabbrica dei mostri
    colora d'avventura un buio scantinato
    e lasciata tutti quanti senza fiato,
    perché stravolge la realtà...
    la fabbrica dei mostri mostri
    può mandare all'aria il mondo e l'universo,
    e fare andare tutto di traverso
    a chi non ci crederà! :)

    Non ho resistito.
    Bene, ovviamente la amavo... c'era anche una versione con la caramelle gommose, chissà se qualche bambino è morto per aver scambiato questa Fabbrica con l'altra :D
    Evoluzione anni '90 dei giochi similari anni '80 (Lo scienziato pazzo) mi è rimasta nel cuore!
    Bell'articolo, cugi-ema! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'era anche una versione con la caramelle gommose, chissà se qualche bambino è morto per aver scambiato questa Fabbrica con l'altra :D

      ahhahhahha :D

      Elimina
    2. Grazie mille ;)
      Cosa non si fa per aiutare un cugino XD

      Ahahahahahahah ho il vago presentimento che qualche bambino abbia avuto la sfortuna di confondersi.

      Elimina
    3. Sicuramente! Sarà stato divertente^^

      Moz-

      Elimina
    4. @Moz: ahahah i vermi sembravano davvero le caramelle delle feste!

      @tanc: grazie infinite per il sostegno!

      Un cero ai bambini morti avvelenati!

      Elimina
  4. Inquietante la scottatura a ogni sfornata :D.

    Io ricordo molto bene questo giocattolo per le pubblicità topolinesche.

    Che dire..complimenti a Cugi-Ema (rubo la definizione al Moz). Attendo i prossimi guest-post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ricordo di aver provato una volta a infilarci la mano nel cassetto bollente, pessima idea e fortuna che ero piccolo e non ho provato ad infilarci quals'altro...ad oggi sarei stato presentato come la CUGINA-Ema XD

      E' difficile trovare una pubblicità di quegli anni che non sia geniale.

      Grazie per i complimenti :)

      Elimina
    2. @Ricy: gliene farò fare sicuramente altri!
      Le pubblicità meriterebbero un post!

      @Tanc: ahahah, così facciamo la figura dei cugini "infila l'uccello ovunque!"

      Elimina
    3. Hahahahaha i fotti tutto Di Giuseppe XD

      Elimina
    4. AHAHAH! 😂
      Hai presente Scary Movie col fratello che infilava il pisello nell'aspirapolvere?
      "mamma, ho detto che nessuno mi deve disturbare mentre uso l'aspirapolvere!"

      Elimina
  5. Ce l'avevo! Adoravo creare con lo stampino haha, poi li scassavo subito, mi ricordo che utilizzavo tanto il colore fucsia e una forma con una sottospecie di scoprione, ho sempre desiderato anche quelli dove si creavano biscotti (probabilmente tossici XD) ma mi sono accontentata bene, con i mostri era decisamente più figo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti il bello era anche quello di creare mostri per poi distruggerli e crearne altri XD

      Giorni fa mio cug ha fatto un post sulla macchina che faceva i gelati, (tossici anche quelli probabilmente XD) ottima anche quella :)

      Elimina
    2. hahaha si ricordo qualcosa con il gelato infatti.

      Elimina
    3. @Isolde: eri maschia fin da piccola? I biscotti tossici non li ricordo! 😆 ma sicuramente erano del Dolce Forno!
      E non mi toccate la Macchina del Gelato, te e quell'altro perché avevano un sapore stupendo, sicuramente migliore di quello dal McDonald's!

      Elimina
  6. Eheh questa ce l'avevo anch'io, o meglio, ce l'aveva mio fratello maggiore e quando arrivò a me era già piuttosto vecchia XD
    Io avevo comprato la versione dei Pokémon, da buon fissato di Pokémon Blu XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio mi ero quasi dimenticato di quella versione :O

      Anche io ero abbastanza fissato per i Pokémon, ricordo di averli avuti tutti i giochi per il GBoy, però ho sempre preferito la fabbrica originale alle altre ;)

      Elimina
    2. @Kiral: Ecco, tuo fratello maggiore ha l'età di mio cugino minorissimo, quindi tu sei all'incirca mio figlio!

      @Tank: i Pokemon li abbiamo scoperti prima io e Nico, contemporaneamente a quando abbiamo iniziato ad andare a figa!

      Elimina
  7. Ce l'aveva un mio amico ai tempi delle elementari, con mia somma invidia. Io ricordo con affetto la sigla di Marco Destro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sigla di Marco Destro me l'ha riportata alla mente Moz privatamente!
      Adorando quel ragazzo, nonostante fossi già grande, viva la sua sigla!

      Elimina
  8. Grande Marco Destro, voce della nostra infanzia ;)

    Era carina la sigla della Fabbrica, ma il cartone non era tra i miei preferiti di quegli anni.
    Ricordo che amavo la serie Masked Rider sempre con la sigla di Destro che però non potevo sentire e amavo sigla e cartone/film di Action Man XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iniziavo ad essere grande per Marco Destro ma resta il mio ultimo idolo, lo ha succeduto Vanni che io odio!
      Il cartone non lo ricordo per niente, se lo ricordi anche un minimo ti ci faccio fare un post!
      Action Man è uno dei migliori suoi successi!

      Elimina
    2. Mmmmm il cartone non piaceva tanto, cercavo sempre di evitarlo.

      Action Man era geniale!
      La sigla bellissima e le scene del cartone si interrompevano con scene interpretate da veri attori.
      Mi piaceva tantissimo

      Elimina
  9. Mai avuta, credo fossi già fuori target.
    Però la pubblicità era un tormentone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ho voluto infatti citarla per prima nel post ;)

      Io però se sento "Fabbrica dei Mostri", la prima cosa che mi viene in mente è il suo fantastico logo...mi ha sempre terrorizzato XD

      Elimina
    2. @Pirkaf: idem, ero fuori target (per questo ho passato il testimone)!

      @Tank: il logo è STUPENDO! Mi ricorda un prodotto di cui parlerò il prima possibile!

      Elimina
  10. Lo avevamo in casa, i miei fratellini andavano matti per questogioco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, tu i fratellini, io i cuginetti, come l'autore del post!
      Dai che quelli poco più piccoli di noi avevano ancora belle cose... è dopo che hanno avuto sfortuna!

      Elimina
  11. Da bambino la desideravo ardentemente. Poi uscì il cartone e iniziai a desiderare i pupazzi plasticosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginavo dato che sei un po' più giovane di me, mi sa che sei proprio coetaneo a mio cugino.

      Elimina
  12. Me la ricordo bene ma non c'è l'avevo, avevano fatto anche un cartone animato, ve lo ricordate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è tornato in mente perché il giorno stesso in cui ho pubblicato questo post, Moz su Telegram ha mandato un messaggio vocale con un pezzo della sigla, altrimenti l'avevo proprio rimossa.
      Non credo però di essere mai andato oltre la sigla.

      Elimina