Work in progress

WORK IN PROGRESS...
STO CAMBIANDO GRAFICA
SCUSATE PER IL DISAGIO CAUSATO DALLE CONTINUE MODIFICHE

venerdì 11 maggio 2018

I mitici giocattoli della mia infanzia: La Macchina del Gelato

Torna la mia rubrica sui mitici giocattoli della mia infanzia, che mancava da novembre (esclusa la parentesi natalizia e i Winspector) e in vista delle giornate calde, quale prodotto migliore se non La Macchina del Gelato?!
Non so quanto possa essere considerato giocattolo, dato che era sì per bambini ma produceva prodotti commestibili che potevano essere realizzati solo insieme ai genitori (o ai più grandi).

In quegli anni c'era un'altra linea identica che la faceva da padrona,
sempre sui giocattoli legati alla cucina, la Harbert con un riconoscibile colore rosso, c'erano la macchina dei pop-corn, del gelato (Dolce Gelato '90), lo zucchero filato, la granita, il forno (Dolce Forno '90), probabilmente il prototipo della Fabbrica dei Mostri e non so quanti altri.
Noi, da bravi anticonformisti (io lo sono, la mia famiglia no, quindi è stato un caso o forse costava di meno) avevamo accolto la linea concorrente, quella bianca e azzurra prodotta (o distribuita) dalla GiG, che però credo abbia fatto solo questo.
Il prodotto era un regalo che la Befana aveva portato a mia sorella ma ci abbiamo giocato entrambi. Gelato d'inverno? Eh, se hanno deciso di farlo uscire nel dicembre del 1991 che ci posso fare?
Per prepararlo era semplice, bustina col gusto in polvere (credo sia del tipo che usava il McDonald's dei primi tempi per risparmiare la corrente dei frigoriferi - ho visto il film) mescolata col latte in un recipiente, cubetti di ghiaccio da inserire dentro un contenitore cilindrico di metallo, l'impasto ottenuto si metteva nella parte esterna a questo, si girava la manovella fino a che non iniziava ad uscire fuori il buonissimo gelato, almeno lo ricordo tale, poi magari era solo perché ero un comune bambino goloso. Sinceramente non ricorso se ci volessero veramente solo 3 minuti, forse era un po' di più o forse era solo l'impazienza di un bambino.
Non mi pare che abbiamo mai usato la semplice frutta (non mi sono mai piaciuti i gelati alla frutta a parte quello alla banana), si poteva fare anche così, sempre le bustine ma nostra madre non ce ne ha comprate tantissime, lo avremo preparato non più di 10 volte, forse molte di meno. Il mio gusto preferito era alla vaniglia, che mangiavo solo con questa macchina, mai in gelateria, lì non mi piaceva.

Nei primissimi anni 90 le pubblicità ci bombardavano di quei macchinari e mio cugino Nicolò ne aveva più di uno della Harbert, sicuramente quello dei pop-corn e dello zucchero filato, altre non ricordo.
Vi lascio con la pubblicità de La Macchina del Gelato, che non guardavo da quasi trent'anni ma il jingle non se ne è mai andato dalla mia testa, canticchiandolo di tanto in tanto senza motivo, con il mitico Bruno Sacchi/Carletto Staccioli/Fabrizio Bracconeri (lui non ricordavo affatto ci fosse nello spot):

30 commenti:

  1. Pensa te, avevi la macchina del gelato! Mia mamma a quei tempi aveva la gelatiera vera e proprio, ma adesso mi devo ricordare come funzionasse :D. In dispensa dovrebbe esserci ancora, nel suo scatolone. Comunque sì, abbasso i gusti fruttosi del gelato XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia nonna paterna aveva una cosa del genere ma molto vecchia (stile anni 70), ora è a casa di mia madre ma non credo sia per i gelati.
      Me la devo comprare che mi diverto a fare 'ste cose.
      I gelati alla frutta sono per i ciccioni a dieta! 😆

      Elimina
    2. muahhahaahah meglio pochi gelati ma buoni piuttosto che tanti gelati alla frutta!

      Elimina
    3. Mia nonna (l'altra) ogni volta che andavamo da lei, dopo pranzo/cena tirava fuori queste vaschette alla frutta che mi prendeva uno sconforto...

      Elimina
  2. Ma sai che ho in programma un post con tutti questi accrocchi per cucinare-cuocere-gelatare?
    Comunque mamma mia Ema, non ti riconosco più: e Marmalade Boy, e la macchina per fare il gelato... ti stai addolcendo davvero!!! :D
    Oh, questo l'avrei voluto pure io, lo spot era convincente, con quel rosa che scendeva a crema tipo diarrea... *___*

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che palle, mo ti faccio una scheda di tutti i post futuri e magari riusciamo a sincronizzarci per qualcuno, anche se questo l'ho deciso al volo ieri pomeriggio perché non sapevo proprio che giocattolo trattare.
      Da piccolo/giovanissimo ero dolce, poi mi sono rovinato crescendo e invecchiando 😝
      Ahahah mi hai appena fatto passare la voglia di comprare una gelatiera 😅

      Elimina
    2. Comunque mia sorella aveva il dolce forno :D. Con lei ci giocavamo a fare la cucina (senza cucinare niente). Poi non ricordo se sia mai stato usato o meno per fare pietanze :D

      Elimina
    3. Io ho giocato alla cucina finta da qualche amica, ora non ricordo, mia sorella non l'aveva.

      Elimina
  3. La macchina del gelato me la ricordo vagamente, però ho il ricordo che guardavo lo spot e la agognavo, sai farti quanto gelato volevi a casa? Bracconeri qui era ancora pingue e simpatico, ora è diventato smilzo e un trollone di internet :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La volontà era di farselo spesso ma poi come molti giocattoli, veniva messo da parte per quello nuovo. Mettici anche che ti dovevano seguire i genitori che non erano svogliati come quelli di oggi ma avevano comunque i loro cazzi.
      Bracconeri ho smesso di seguirlo dopo l'esperienza con Forum, non sapevo fosse diventato un troll internetiano 😆

      Elimina
  4. L'ho desiderata per anni....purtroppo i miei non me l'hanno mai regalata...sigh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vero peccato anche se non è tra i miei giocattoli preferiti, un modo originale per gustarsi un gelato, come lo erano i ghiaccioli fatti in casa con gli sciroppi. Era anche per passare un po' di tempo con amici e/o famiglia.

      Elimina
  5. Ahahah guarda cosa hai tirato fuori. Me lo ricordo e no, ricordo inmacelli che abbiamo combinato ahahah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche tanti confronto ad altre cose che facevamo 😄
      Era bello però avere cose realizzata da soli.
      Mo mi è venuto in mente che quella dello zucchero filato l'aveva Eugenio, non sono sicuro se pure tu, comunque ne avevi 2 o 3.

      Elimina
  6. Non mi hanno mai attirato questi tipi di giocattoli e non ne ho mai avuti, anche perché "giocare" col cibo proprio non mi piaceva, comunque ricordo interessante ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hai mai fatto le polpette con la sabbia? 😄
      Comunque ognuno ha le proprie preferenze 😉
      Grazie per l'apprezzamento!

      Elimina
    2. Quelle le fanno in ogni parte del mondo, a prescindere dalla cultura 😄
      Perché non potrebbero essere l'equivalente delle palle di neve? Ovvero palle di sabbia. Da bambini passiamo troppo tempo in cucina con le donne di casa 😝

      Elimina
  7. Fighissima, penso d'averla vista da piccolo da qualche parte, ma non l'ho mai avuta!
    Non so nemmeno se oggi ci sia un oggetto del genere pensato per i più piccoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari da qualche amico più grande o con fratelli più grandi...
      Durante la tua infanzia non lo so, mi sa che non c'era nulla in commercio ma cercando le immagini di questa, ho visto che qualcosa ancora la fanno, più colorata e con più curve, credo che una fosse legata a Frozen.

      Elimina
  8. Quanti ricordi mi hai tirato fuori dal mio vecchio cassetto della memoria. Fantastico. Se non vado errato c’era anche la macchina per fare i biscotti. Ora la nostra società è formata da molti chef...chissà se qualcuno di loro ha mai “giocato” con la macchina del gelato. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione perché questo blog è anche retro nostalgico, può fare sia bene che male 😝
      Quella dei biscotti forse era il Dolce Forno ma non ne sono sicuro.
      Ottima domanda quella che ti poni, mi hai incuriosito!

      Elimina
  9. La ricordo, nel senso che qualcuno dei miei amici l'aveva, ma i risultati non erano poi così entusiasmanti. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non eseguivate bene le istruzioni o non avevate una adulto a supervisionare 😄

      Elimina
  10. ecco, io a mia figlia avevo preso il Dolce forno...un disastro !!! però era carina l'idea :)) poi ci siamo soffermate sulla casa di Barbie, sulle Bratz e cose così :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cibi del Dolce Forno sono un po' più complicati del gelato, ti capisco. Comunque sì, come idea resta carina e i bambini lo come vedono qualcosa di reale e più interessante di una cucina giocattolo che non fa nulla.
      Le bambole non nuocciono nessuno.

      Elimina
  11. Ricordo la pubblicità di una macchina da gelato, sicuramente non questo modello (1991 annata straordinaria, nasco io e il giocattolo per fare gelati XD)

    Quando ero più piccolo, i soli giocattoli che uscivano per le femminucce sulla gastronomia erano cucine dove poter giocare ma senza fare intrugli di nessun genere (forse perchè alla fine hanno capito quanto fosse rischioso far mangiare ai bambini cose preparate da loro, poi te e Nicolò...mica stavate tanto bene).

    Comunque mi sarebbe piaciuto assaggiare un gelato fatto da te e Lola, anche se, penso sia stato meno rischioso andare in gelateria XDXDXDXD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabile che abbiano riproposto il giocattolo qualche anno dopo ma non ricordo.
      Avevi pochi mesi perché mi pare che fu lanciato per Natale.

      Le cucine finte c'erano anche prima ma dici tu erano solo per le femmine, per i maschi facevano il tavolo da lavoro. Comunque sì, con tuo fratello diventavo pericoloso anche io che ero piuttosto tranquillo 😆

      Erano buonissimi quei gelati! 😁
      Ma come ho scritto, facevi poco se usavi la bustina, magari per quelli alla frutta serviva più impegno.

      Elimina
  12. A casa ne avevo una, ma non funzionava... Ho sempre pensato che questi giocattoli fossero dei tarocchi XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O ne avevate una difettosa o non eravate capaci ad usarla 😄

      Elimina