lunedì 18 dicembre 2017

Videogiochi sotto l'albero: Daze Before Christmas

Per stavolta il senso di questa rubrica natalizia, che rievoca i miei ricordi natalizi legati ai videogame, cambia un po', nessun vecchio ricordo ma un vecchio gioco che non conoscevo, giocato proprio in questo periodo, un futuro ricordo per gli anni a venire.
Apri l'immagine per leggere il balloon!
Così come promesso lunedì scorso (leggi il bonus in basso), eccomi a "recensire" questo videogioco che ho scoperto per puro caso sette giorni fa. Recuperata la rom, ci ho giocato oggi pomeriggio.

Sviluppato da Funcom (casa norvegese, ma guarda un po'!) e distribuito da Sunsfot per Sega Mega Drive nel 1994 e poi anche per Super Nintendo (la versione che ho giocato io), è un tipico platform a scorrimento orizzontale, che inizia nel modo più semplice ma con una difficoltà crescente!

La storia, originale, vede il povero Babbo Natale alle prese con una minaccia che lo priva delle renne e degli elfi.
Quindi il compito sarà quello di andare alla ricerca di questi ultimi, rapiti dal perfido Snowman! Procedendo in vari livelli che mi hanno ricordato il bellissimo Castle of Illusion Starring Mickey Mouse, tra giocattoli e bastoncini di zucchero.
Ma non solo, alcuni livelli, diciamo di fine capitolo, hanno una musica che ricorda il capolavoro Ghouls 'n Ghost, quando si arriva al castello finale.
I livelli sono suddivisi nel calendario dell'Avvento, così si parte dal primo dicembre, per procedere fino a Natale! Anche se in capitoli di intermezzo dovremo distribuire regali sui tetti di varie città (Inghilterra e Russia fin dove sono arrivato io). Eppure Natale ancora non è arrivato...
I regali da distribuire non sono illimitati ma in base a quelli raccolti nei livelli precedenti, quindi in caso si sbagli troppe volte la mira nel comignolo, possono finire prima del compimento del livello (non scende, beve il latte e mangia i biscotti, si lanciano dalla slitta in corsa) ma sono talmente tanti che a me non è mai capitato e non succede nulla se non li prendi tutti, il quadro si porta comunque a conclusione. È solo questione di punti. Come il trovare o meno tutti gli elfi e i passaggi (un vero peccato per me che adoro questo genere di cose, il completamento al 100%).
Ammetto di non averlo ancora finito, ci proverò nei prossimi giorni... il problema principale è stato semplicemente uno, ovvero le troppe bestemmie! Alla decima ho dovuto staccare la PlayStation per evitare ire divine! Almeno questo periodo voglio fare il bravo!
Lo avessi giocato 23 anni fa, avrei spaccato almeno 8 controller ma siccome col tempo ho imparato a controllarmi, nessun Dual Shock ha perso la vita per questo articolo. E penare che ai primi livelli lo avevo ritenuto troppo semplice. Ma quante Madonne puoi tirare giù quando HAI PREMUTO QUEL FOTTUTO TASTO "JUMP" MA QUEL FIGLIO DI PUTTANA CADE?! Storia che si ripete dal quasi trent'anni a casa mia...
Per questo forse un titolo poco adatto al Natale... ma a quei tempi quali non ti facevano tirare giù tutti i santi?

Mi spiace pubblicare una recensione incompleta ma ho sonno, non ho altri spazi per inserirla prima di Natale e, ultimo ma non ultimo, chi se ne frega!

14 commenti:

  1. ahah un gioco natalizio che fa bestemmiare, perfetto!

    RispondiElimina
  2. Ahahahaha non lo avevo mai visto il gioco su Babbo Natale.

    Si narra che i rumori che si sentono dalle scale della palazzina, siano le anime dei controller spaccati in due XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ben ritrovato!

      Ahahah quelli di tuo fratello soprattutto! Aveva un comodino pieno di cadaveri!

      Elimina
  3. Non conoscevo questo titolo, ma sembra fighissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto, perfetto da giocare a dicembre, incazzature a parte ma come ho scritto, in quella generazione era così un po' per tutti.

      Elimina
  4. Lo conosco perché ne ha parlato il Dottor Game XD
    Però non c'ho mai giocato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande dottor Game!
      Io invece l'ho scoperto per caso.
      Ora cerco il video del dottore!

      Elimina
  5. Ema scusami mi ero perso questo post! Ahahha ti avrei voluto vedere imprecare davanti alo schermo e di fronte al povero Babbo Natale e ai suoi tuffi nel vuoto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, mica sei obbligato a partecipare a tutti i post!
      Stavolta niente pugno che rotea ma solo il gesto di lanciare il Dual Shock (senza farlo, ovviamente) 😁

      Elimina
  6. Siamo in due ad impazzire con i videogiochi allora XD non l'ho mai giocato ma avevo il bellissimo Castle of Illusion! Però l'ho finito solo nella modalità corta, in quella normale mi fermavo sempre proprio nel mondo dei dolci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, nell'era dell'8 e 16 bit ho avuto delle vere crisi nervose/isteriche. Quei giochi avevano una giocabilità che sfidava anche la persona più calma!
      Mi è capitata la tua stessa identica cosa per Castle, come avevo scritto nell'articolo dedicato al remake! Solo che io ho giocato alla versione per Mega Drive 😀

      Elimina
    2. Facciamo che siamo almeno in tre! Io però bestemmio solo le divinità dei videogiochi, tipo Yevon... e mi sa che questo non lo toccherò mai :P

      Elimina
    3. Ahahah porco Scrotus! A dire il vero non so se il protagonista di GoW sia un dio...
      Io la Madonna e Gesù (con conseguente ceffone o tirata d'orecchie da parte della mia ragazza), Dio mai! 😝

      Elimina