mercoledì 5 settembre 2018

Estatissima (2018) con Riky

Dopo mesi, il mio amico blogger Riccardo, de Il Bazar di Riky, ed io abbiamo deciso di tornare a trattare un argomento Dinsey insieme, anche se per lui l'estate è conclusa, mentre per me mancano ancora una ventina di giorni.
In questa ennesima collaborazione, mi sono inventato qualcosa di nuovo, ognuno fa il suo post, lo pubblica sul proprio blog ma alla fine della recensione, aggiunge il commento dell'altro. Un commento dentro il post e non nei commenti per tutti. Spero sia gradito.

Arrivato in edicola ho avuto una spiacevole sorpresa, l'aumento di prezzo, da 3,50 a 3,90 e le imprecazioni si sono sprecate (i membri della Geek League che sono su Telegram, possono confermarlo).
Poi va be', c'è la solita disparità di storie dedicate ai paperi e ai topi (2 su 11 e dedicate entrambe a Pippo).

Paperoga e la Conchiglia Spumiglia
Paperino partecipa ad una gare di conchiglie ma prendendo una decisione sbagliata, allearsi con lo strambo cugino.
Abbiamo un Paperoga non troppo odioso, tanto che la storia si lascia leggere, ma si rifa nel finale quando vorresti rincorrerlo insieme al cugino, per poterlo picchiare!

Pippo e la Millebiglia
Il protagonista è allenatore di biglie in uno stabilimento balneare e proprio lì decide di partecipare ad una gara, con dei veri professionisti ma qualcuno cerca di sabotarla.
Racconto breve ma molto carino, con un Topolino sospettoso ma non odioso.

Paperino, Paperoga e l'Estate al Verde
Paperino deve accudire i fiori della fidanzata, quando Paperoga ha l'idea di aprire un hotel floreale, in modo che i paperopolesi possano lasciare a loro le piante mentre sono in vacanza.
20 pagine simpatiche dove il papero col cappello di lana fa i suoi soliti pasticci ma senza farsi odiare. La vera rompicoglioni, come al solito, è Paperina.

Paperino e gli Ombrelloni Autorientanti
Lavorando come bagnino in uno stabilimento dello zione, Paperino ha dei problemi coi bagnanti troppo esigenti e si fa aiutare da Archimede. Le cose, ovviamente, non andranno come previsto.
Una storia che alterna momenti irritanti a momenti divertenti, carina ma non memorabile, con uno zio Paerone fin troppo buono.

Zio Paperone e l'Ultima Moneta
Il riccastro, dopo la conclusione di un affare avvenuto in spiaggia, perde la numero 1 e sarà compito di nipoti e nipotini aiutarlo nell'ardua ricerca.
Uno di quelle storie che mi mettono ansia, come quando Bassotti o Amelia attaccano il deposito, carina ma non sono riuscito a godermela appieno proprio per questo motivo.

Zio Paperone e la Trappola in Alto Mare
Convinto di aver fatto un affare, l'avarastro si ritrova ostaggio dei Bassotti, insieme a nipote e nipotini, su un'isola dalla quale non si riesce a fuggire.
Questa la ricordavo bene ma non riesco a ricordare dove, dato che è già stata proposta, oltre che sul settimanale (nel 2004), anche sull'Estatissima del 2009, che non è nella mia collezione. Bella e originale ma se conosci la fine perde un po'.

Zio Paperone e i Miliardari al Campeggio
Il Club dei Miliardari organizza un campeggio nel quale i membri dovranno fare a gara a chi si crea l'alloggio migliore, senza limiti de spese.
Racconto ricco di competizione e avventura, tutto reso al meglio ma l'autore è Panaro, quindi una cosa scontata. Finale un po' scontato ma realizzato talmente bene che si riesce ad accettare.

Le Giovani Marmotte: Il Campeggio Estivo
Due ladri sotterrano il bottino in un bosco ma dopo 2 mesi, calmate le acque, andando a recuperarlo scoprono che proprio in quel punto ci stanno campeggiando le Giovani Marmotte.
Storia semplice, simpatica e deliziosa. Nonostante abbia tifato fino alla fine per i farabutti, i loro piani e i conseguenti imprevisti, mi hanno fatto apprezzare la storia.

Paperino e la Vacanza in Burlandia
Pressato da Paperina, il papero più amato del mondo organizza una vacanza col suo bassissimo budget. Una volta trovato qualcosa di originale, dovrà subirsi la diffidenza della fidanzata per gran parte del viaggio.
Nonostante abbiamo una Paperina tra le più odiose mai viste, da prendere a pugni sulle gengive, il racconto è molto carino, con un Paperino fin troppo tranquillo e paziente, davvero adorabile. L'imprevisto finale, scontato fino ad un certo punto, seppure assurdo, funziona bene e fa sorridere.

Ciccio e le Ferie in Pluriproprietà
Lo sfaticato aiutante di nonna Papera decide di prendersi un pausa (da cosa?) ma questa pluriproprietà, che fa il verso alle multiproprietà estive, si rivela una bella fregatura.
Ciccio mi sta più antipatico di Paperoga ma in questa storia, in cui è una vittima, riesce a farmi cambiare idea, tanto da tifare per lui. Gli imprevisti sono sfacciati ma realizzati molto bene, con delle gag divertenti. I tanti antagonisti funzionano bene e vengono tutti presi in simpatia.

Pippo e l'Afa Notturna
A Topolinia fa troppo caldo e il primo pippide non riesce a dormire, così decidere di fare un giro in città, scoprendo di non essere il solo, con tutti in cerca di freschezza, nei negozi o con granite refrigeranti.
Adoro le storie in cui ci sono imprevisti notturni, da sempre, col protagonista che per insonnia gira per casa o nel posto in cui alloggia (albergo, villa o castello) e, proprio per questo, mi sento di premiare quest'ultima come la mia preferita della raccolta. Ma non solo per questo! Ogni gag è realizzata in modo eccellente.


Un'Estatissima che mi ha pienamente soddisfatto, con ogni storia dedicata all'estate, senza paraculate come accaduto in passato. Non ci saranno storie eccelse ma si lasciano tutte leggere.

E ora vi lascio all'opinione che l'amico Riccardo si è fatto della mia recensione:
Poco da aggiungere caro Ema sull'aumento del prezzo! Hai sacramentato anche per me, ahah!

La prima storia non mi è piaciuta, ma sono d'accordo sul fatto che nel finale ci si senta Paperino: che voglia di picchiare suo cugino Paperoga!  Sulla prima delle due storie di Pippo poco da dire, mi piacciono sempre quelle con l'amato Pippide. Bene anche i disegni di Ottavio Panaro. Condivido il tuo giudizio sulle due storie successive, quella dell'estate al verde e degli ombrelloni. Comunque non memorabili, infatti non me lo ricordavo quando ho iniziato a leggerle. Male l'ultima moneta, che non è proprio una storia estiva! Molto meglio la trappola in alto mare. I miliardi in campeggio è divertente soprattutto per la serie di soluzioni che adottano i miliardari per il proprio campeggio di lusso. Il campeggio estivo delle giovani Marmotte è palesemente una storia nello spirito di questi volumi extra (nella fattispecie la rivista dedicata alle Giovani Marmotte). L'hai descritta con tre aggettivi perfetti. La storia successiva ci trova concordi: non pecca certo di originalità! Sono soddisfatto anche del tuo gradimento sulla storia di Ciccio.

E addirittura chiudiamo in sintonia attribuendo l'oscar della miglior storia al Pippo alle prese con l'afa estiva. Obiettivo centrato dal maestro Carlo Panaro!

Il suo post, col mio commento, lo trovate qui!

23 commenti:

  1. Sei una grande conoscitrice di questi fumetti.
    Complimenti!
    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buono!
      Benvenuto nella mia umile dimora.

      p.s. sono un maschietto 😜

      Elimina
  2. Vero, Gus ha ragione, sei un grande conoscitore di fumetti a 360°, mentre io mi accontento della laurea in "topolinogia".

    Sono contento di aver concluso con una bella recensione a quattro mani e non vedo l'ora di rifarlo, magari per Natalissimo 2018.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, un tempo leggevo di tutto, oggi mi limito a DC (dove per Superman non mi batte nessuno, escluso periodo New 52) e sporadicamente ad altra roba.

      È stato un onore che tu abbia concluso con me!
      Per Natalissimo te lo confermo già da ora!

      Elimina
  3. Io continuo a prendere Topolino (quando mi ricordo) Queste raccolte le prendo se le trovo ai vari mercatini. comunque tutte divertenti storie estive!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il settimanale ha troppa mondezza, non riesco più a prenderlo. In passato lo preferivo perché adoravo le rubriche.
      Sì, in media un buon numero, senza storie che non hanno nulla a che fare con l'estate (come capita su Topolino). Il bello di Disney Time 👍

      Elimina
  4. Ho già lasciato le mie bestemmie da Riky, quindi potrai trovarle lì.
    A te dico solo che attendo accora delle coccole che non mi sono giunte.
    Addio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, coccole turbo o normali?

      Elimina
    2. Non l'ho capita sta storia del turbo.
      Le coccole sono sempre normali!

      Elimina
    3. Ahahah ma io non faccio una coccola da quando avevo 3 anni e abbracciavo il mio Topo Gigio 😆
      Non saprei proprio dove "mettere le mani".
      Poi passo a leggere le bestemmie (stamattina devo aiutare il vecchio).

      Elimina
  5. Non ne ho nemmeno una, ma l'ultima mi ispira parecchio!
    Ovviamente gli aumenti di prezzo sono peggio dello spigolo del letto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultima è davvero carina ma è breve (che per me è positivo, non amo le storie lunghe).
      Gli aumenti sono fastidiosi ancora di più se sei un lettore occasionale che va convinto di pagare un tot il fumetto che prende 2 volte l'anno.

      Elimina
  6. Mi sono già complimentato con Riky nel suo blog, ma voglio ripetermi anche sul tuo.
    Grandissima idea quella del post condiviso ;)
    Non ho mai letto tanti fumetti, ma devo dire che queste storie sono carine :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi ricordo Tancre'..nei tuoi pst mi sembra che non amassi molto il caldo..ecco, allora l'ultima storia ti divertirebbe :D

      Elimina
    2. L'estate scorsa ne abbiamo fatte parecchie del settimanale Topolino ma in modo diverso, per ogni storia mettevamo i commenti di entrambi, un botta e risposta e la spazzavamo in due, una parte da me e una da lui.
      Sono quasi tutte carine anche per chi non legge fumetti.

      @Riky: non mi ricordo manco io che sono il cugino 😝

      Elimina
    3. @Riky: io amo il caldo e l'estate, ma quello di Miami era un sole che ti prendeva a pugni in faccia XD

      @Ema: così mi sembra più condiviso su entrambi i blog ;)

      Elimina
    4. Prima eri costretto a seguire entrambi se volevi sapere il commento di tutte le storie, ora invece sei più libero.

      Elimina
  7. La storia delle biglie è figa... perché amo le biglie.
    Comunque io mi tengo sempre alla larghissima da queste raccolte tuttofumetto.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È molto divertente, soprattutto quando la biglia finisce in testa ai bagnanti... e per fortuna che Pippo qui è un maestro di questo gioco.
      Invece io le adoro perché 1) nel settimanale ormai fanno tutte schifo le rubriche e 2) sono tutte storie a tema, una prerogativa per me.

      Elimina
    2. 2) anche se ogni tanto fanno divagazione sul tema, vedi Natalissimo con quella storia che non c'entrava niente (e che ho rimosso).

      Elimina
    3. Infatti ho elogiato questo numero proprio per le cazzate fatte in passato.
      Qui non capita una storia che non sia in linea con spiagge o vacanze estive e la cosa non può che farmi gioire!

      Elimina
  8. Le storie con lo Zio Paperone sono a mio giudizio le migliori. Poi come si fa a non volere bene a uno scorbutico self-made man come lui?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro quelle con lui in cerca di tesori, non tanto quelle in città dove i temi sono l'attacco al deposito dei Bassotti o di Amelia e qualcosa sulla finanza e la sua tirchieria.

      Elimina