Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

venerdì 12 agosto 2022

Estatissima (DISNEYssimo n. 107)

Storie e disegni: di AA.VV.
Copertina: Alessio Coppola
Casa: Panini Comics
Prezzo: € 4,00
Pagine: 192
Data d'uscita: 20 giugno 2020

Torna il classico e longevo pocket da spiaggia, tutto a tema estivo, con grandi storie come Zio Paperone e la vacanza senza speranza, scritta da Giorgio Salati e disegnata da Giorgio Cavazzano, in cui Paperone è “costretto” a interrompere i suoi affari per una settimana, trasferendosi alla fattoria di nonna papera mentre i nipoti mandano avanti il deposito. Ma protagonisti sono anche i Bassotti, Indiana Pipps, Archimede e Topolino.
[Sinossi e copertina presi sul sito Panini]

Lo avevo aspramente criticato sul canale Telegram (seguitemi!) ma alla fine ho ceduto (mortacci mia!) Il prezzo sale di 10 centesimi ma l'incapacità di scegliere le storie che non sono state ristampate di recente e la disparità tra storie di topi (2) e storie di paperi (6) resta la stessa (mortacci vostri!).

Come al solito, cliccando sul titolo si va su INDUCKS, con tutti i dati e le pubblicazioni della storia.

I Bassotti in...Fuga di Mezz'Estate (di Sarda/Amendola, 2014)
La banda di ladri esce di prigione proprio a ridosso della stagione estiva e non intende tornare subito al fresco! Malgrado ciò, ci torna per cause slegate alle loro attività criminose.
Un racconto simpatico anche se la risoluzione finale risulta scontata.
Ma è più simpatico il titolo che richiama il bellissimo film Fuga di Mezzanotte!


L'oca antropomorfa fa parte di una sezione della polizia denominata G.N.A.M., gruppo nuovi assaggiatori municipali. In questa storia deve indagare sui dei gelati che escono dalla fabbrica congelati ma arrivano al supermercato sciolti. Un giallo che deve risolvere assieme ai suoi colleghi.
Come ho scritto la prima volta che ho letto questa storia, ritengo Ciccio uno dei personaggi più odiosi della banda Disney ma qui si riesce a sopportare. Nonostante una trama banale, la lettura risulta scorrevole, anche se prevedibile in più punti.
Vada per la sufficienza!


Zio Paperone e la Vacanza Senza Speranza (di Salati/Cavazzano, 2006)
Lo zione è arrivato al limite per il troppo lavoro, così viene costretto ad andare in vacanza, la destinazione è la fattoria di Nonna Papera, l'unico posto gratis ma anche lì non riuscirà a stare fermo, cercando di incrementare i guadagni. Nel frattempo a Paperopoli i nipoti cercando di sostituire il vacanziero ma con pessimi risultati.
Il racconto mi aveva dato l'impressione di già visto nel 2014 (idem quando l'ho riletto e ne ho parlato qui nel 2018) e il giudizio non è cambiato neanche quest'anno, quando me lo sono ritrovato in questa raccolta. Troppo prevedibile.

Topolino e la Vacanza Pericolosa (di Gentina/Ferraris, 1996)
Minni vuole fare una vacanza selvaggia assieme a Clarabella ma il protettivo Topolino decide di seguirle, capovolgendo la situazione.
Ci si trova davanti a una delle situazioni che fanno finire in antipatia il topo, anche a me che cerco di sostenerlo sempre e che mi ritengo un maschilista senza alcun problema. È una classica storia anni 90 dove andava tanto la battaglia "maschi contro femmine", a livello di scuola elementare. La classica storia anni 90 che funziona e che qualche mezzo sorriso lo riesce a strappare.
Errore: a pagina 95 il topo usa "impedirgli" riferito alle due amiche.

L'archeologo è convinto di essere seguito ovunque dal suo acerrimo nemico, il dottor Kranz, uno stress psicologico che può essere superato solo con una vacanza su un'isola deserta.
Con Indiana Pipps l'avventura e il divertimento sono sempre assicurati, anche stavolta in questa storia di continue incomprensioni dovute alla fissa del protagonista.

Non si può dire la parola con la "g"!

Rilassati, Archimede! (di Faccini, 2018)
L'ultima invenzione del gallinaceo crea strambe conseguenze agli abitanti di Paperopoli.
Breve ma simpatico, anche assurdo ma viene spiegato tutto nel finale non tanto a sorpresa. Però non ha nulla di estivo, se non la prima pubblicazione a luglio.
Nota: ma perché il divo di film d'azione si chiama Schwarzenducker ma è un cane?

Zio Paperone e l'Ultima Moneta (di Bosco/Valentini, 2005)
In piena estate lo zione si ritrova a chiudere un affare proprio in uno stabilimento ma è in questa situazione che perda la Numero Uno!
Odio le storie che hanno a che fare con Amelia o i Bassotti e la moneta fortunata di Paperone, mi mettono ansia anche se so che poi questa tornerà al proprietario. Questa storia non fa eccezione.
L'avevo già letta su Estatissima del 2018. Ho riletto il mio commento solo dopo aver scrittomi sono reso conto solo dopo di aver scritto una cosa pressoché identica.


Rockerduck e l'Estate della Rivincita (di Mainardi/De Lorenzi, 2005)
Finalmente il secondo papero più ricco del mondo riesce a superare l'acerrimo nemico... purtroppo in città non c'è nessuno che possa constatarlo e elogiarlo.
È la terza volta che rileggo questa storia nel giro di 5 anni e ormai la conosco a memoria. Qui nel blog ne ho parlato lo scorso anno, nel post su Estatissima del 2009.


CONCLUSIONI
La qualità è sempre la stessa, storie carine che intrattengono bene sotto l'ombrellone, nulla di eclatante ma se come me non si cerca per forza il capolavoro, la lettura è soddisfacente.
Purtroppo solo la metà sono estive, le altre hanno come tema la vacanza in generale. Si poteva fare sicuramente di più e senza andare a ripescare le solite pluriristampate.
Impareranno mai? Io ci ho perso le speranze e se ci riesco evito di comprare queste raccolte, soprattutto quelle di Disneytime.


Per tutti gli Estatissima o i Disneytime (oggi DISNEYssimo), usa le etichette in basso ↓

2 commenti:

  1. La tua critica mi sembra più che condivisibile, se comprando prodotti simili a pochi anni di distanza ci si ritrovano sempre le stesse storie tra le mani... Non è il massimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, mi sono arreso! Questa cosa va avanti da prima che la Panini prendesse i diritti. Rincoglioniti o semplicemente non curanti della situazione (non gliene frega un cazzo), da anni!
      Probabilmente lo richiedono ai colloqui, se sei incompetente ti assumono subito 🤦‍♂️

      Elimina