Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

lunedì 7 ottobre 2013

The Last of US

Messo da parte tra inizio luglio e fine settembre per i motivi che ho citato nel mio precedente post, sono riuscito a completare il capolavoro della Naughty Dog.
C'è altro da aggiungere a quelle mie prime impressioni avute a inizio giugno (che confermo), dopo aver provato la demo? Non molto, è un capolavoro. Miglior gioco in assoluto di questa generazione di console.
Quello che mi preoccupava di più era la longevità. I 3 Uncharted, ad esempio, si finiscono in un attimo. Ma nessun problema, dura molto di più dei titoli dedicati a Nathan Drake, senza stancare, senza ripetersi. E' un on the road che non torna mai sui propri passi, nessun luogo viene visitato più di una volta. Una cosa che lo ha reso un titolo lineare, cosa che amo!

Grazie ancora una volta, Naughty Dog, per puntare tutto su generi che oggi non vanno più di moda, dato che i bimbiminkia/casual gamers li snobbano.

Nessun commento:

Posta un commento