Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

mercoledì 16 gennaio 2013

Assassin's Creed III

Prodotto da Ubisoft e sviluppato da Ubisoft Montreal e Ubisoft Bucharest, è il quinto e conclusivo capitolo della saga dedicata agli Assassini. È un multipiattofrma (titolo che esce su più console) uscito in Europa il 31 ottobre 2012 per PlayStation 3 e Xbox 360, mentre per Microsoft Windows è uscito il 22 novembre dello stesso anno.
Si vestono i panni di Connor Kenway/Ratonhnhaké: ton (che significa "vita piena di graffi"), un Assassino mezzosangue, in un open world ambientato durante la guerra d'indipendenza americana.

Difficile dare un giudizio univoco. Come nei precedenti capitoli, ci sono pro e contro. Resta comunque un titolo da avere assolutamente. Proverò a fare una pagella stile calcio, dando un voto con successivo commento ad ogni categoria.

Storia: ★★★★★/5
Coinvolgente e avvincente e non solo, porta al pettine tutti i nodi, chiude tutti i cerchi aperti, facendo combaciare tutto nel modo più appropriato. Infine, Connor non fa rimpiangere Ezio, al quale immagino che tutti si fossero affezionati.


Grafica ★★★★/5
Sarebbe stato da dare il massimo a questo videogioco, stando alle potenzialità della console... ma poi per caso ho notato l'erba. Questo piccolo particolare mi ha deluso tantissimo, l'erba bidimensionale in un ambiente tridimensionale. Provo a spiegarmi meglio. Quando si è accucciati tra l'erba sembra tutto fatto bene, fino a che non vi spostate da un'altra angolazione ed ecco che si avrà "l'effetto foglio" guardandola di profilo, cioè che pare sia stata disegnata su di un foglio di carta, ritagliata e messa lì come una scenografia da teatro.

Longevità: ★★★/5
Da dividere in 3, quella totale, quella principale e quella essenziale.
La prima è estenuante, veramente troppo lunga. Finito il gioco non arrivo al 70%, mi ero promesso di tornarci a tempo perso ma proprio non mi va. La seconda è forse troppo corta tanto che ci rimani male alla fine, "ma come, già finito? Tutto qui?" sarà la domanda che vi farete. La terza invece posso dire che sia giusta, aiuta la longevità ma non ti sfinisce, senza dimenticare che aiuta a facilitare il gioco.


Giocabilità ★★★★/5
E' migliorata tantissimo, dal primo capitolo è stata un continuo crescendo. Non è mai stata pessima ma sicuramente sempre da migliorare. Quella di questo capitolo è ottima ma non da lode, non è abbastanza per raggiungere la perfezione. Così mi sono ritrovato ancora una volta in difficoltà quando volevo arrampicarmi da una parte e invece finivo da un'altra e cose simili.

Missioni secondarie ★★★★★/5
Ormai la ripetitività non è più di casa, cambiano i luoghi, tra città, boschi e mare, cambiano le cose da fare anche se si tratta sempre di aiutare qualcuno.

6 commenti:

  1. Pensa che io ho giocato a questo titolo 5 anni fa e non avevo il blog, comunque mi piacque parecchio, le missioni navali troppo belle, e il resto bene, ma non benissimo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo mancano anche a me tante "recensioni". Anche se ho preso la PS3 che avevo già il blog, inizialmente usavo più i forum per dire la mia. Ormai tutti spariti 😡
      Ve be', farò come i post sui videogiochi dimenticati, scrivendo oggi quello che mi ricordo.
      Confronto alla trilogia di Ezio, concordo sul non benissimo. Le battaglie navali le ho odiate ma credo di avertelo già detto. Ho fatto solo quella obbligatoria.

      Elimina
  2. Piacque anche a me, la serie ha fatto e continua a fare epoca, ricordo però anche qualche effetto spiacevole di questa fama, come quella tremenda puntata della -per fortuna defunta- trasmissione Mediaset "Mistero" nel quale ipotizzavano che la macchina "Animus" esistesse davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo ahahah grazie a Dio non so nulla di quella puntata. I complottisti proprio non li digerisco 😆
      A me è piaciuto fino a questo capitolo, poi è diventato quasi un obbligo commerciale farne uscire uno nuovo all'anno (era lo stesso con la trilogia di Ezio, per carità ma almeno c'era alta qualità e c'era ancora la storia di Desmond dietro, dopo è diventato ripetitivo e gratuito - non certamente in senso di "gratis" 😝). Per fortuna poi si sono dati una calmata e il risultato è stato l'acclamato Origins (che sto giocando ora).

      Elimina
  3. Parlo da fan di Assassin's Creed fin dal primo: credo che questo sia il capitolo che mi è piaciuto meno della saga, l'ho finito per dovere, senza il piacere insieme a Syndicate. Il Black Flag tutta altra storia, uno dei più belli (secondo me) con i veri pirati come Barba Nera. Ho appena finito Origins e appena posso compro Odyssey, sono frocio per l'antico Egitto e antica Grecia si.

    Tuo cugino Nico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacciono i pirati (anche se hanno un po' rotto dopo l'ennesimo film su quelli dei Caraibi) ma ho smesso col 3 sia perché la storia di Desmond era finita e sia perché ho odiato le battaglie navali del terzo.
      Dopo Origins, mi riavvicinerò a un Assassin's Creed tra 10 anni. Stupendo ma troppo lungo e immenso... vorrei giocare anche ad altro 😝
      Però Odyssey prima o poi lo prendo, mi attira un po' ma prima aspetto il tuo giudizio 😉

      Elimina