venerdì 19 aprile 2019

I quadri inquietanti di nostro Signore Gesù Cristo crocifisso

Auguro un buon venerdì santo a tutti i credenti e un "saluti a presto" a tutti gli altri.
Per la solita mancanza di tempo ho deciso di improvvisare questo post, dato che ieri e l'altro ieri non sono riuscito a pubblicare nulla...
Cresciuti in un paese cattolico ("laico stocazzo", parafrasando John Malkovich), sono certo di condividere questo incubo con tanti altri su questo genere di quadri, onnipresente nelle camere da letto dei nonni ma anche, per i più sfortunati come me, in quelle dei priori genitori, metà ambita da tantissimi bambini. Dormire nel lettore di mamma e papà non aveva paragoni durante l'infanzia!
Quello che ho riportato è un ritratto che ancora oggi è presente nella camera dei miei e che nei periodi di malattia, quando si stava tutto il giorno nel loro lettone, l'unica camera ad avere un televisore, almeno "ai miei tempi", al risveglio ti ritrovavi 'sto volto triste dritto negli occhi, che ti procurava una certa inquietudine, con 'sto poraccio sofferente che metteva estrema tristezza e che pareva ti osservasse continuamente.
Per non parlare della versione lenticolare, presente in casa di mia nonna paterna, con nostro Signore che apriva e chiudeva gli occhi... credo di avere ancora gli incubi!!!

Buona Pasqua e buon weekend lungo a tutti!

23 commenti:

  1. Infatti ho sempre pensato anch'io che sono belle le raffigurazioni di Cristo trionfante piuttosto di quello morente.. questa è veramente molto inquietante!

    RispondiElimina
  2. Una volta in una casa in affitto, ho trovato un quadro, immagino di Gesù, che pareva un ritratto di Rob Zombie (storia vera) quindi questo post mi ha fatto molto ridere anche per quello ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  3. Anche in camera dei miei c'è il quadro di Gesù in croce, sofferente! Ma non mi ha mai spaventato. Ricordo però bene anche io quando da bambino venivo "dislocato" nel lettone, era una sorta di palliativo per farmi sopportare meglio la malattia.
    Quadro inquietante, a casa mia, era il pagliaccio del pittore riminese Antonelli..ahahah peggio di It!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo aver visto sicuramente una riproduzione in un'asta che facevano a Viserba, ho un vago ricordo del pagliaccio ma forse mi confondo con quelli di un bambino vestito da Pierrot.
      Viva il lettone!

      Elimina
  4. Io sono stato terrorizzato per ANNI da queste cose.
    Provo anche un senso di... repulsione, con tutto il rispetto.
    Il vero horror è questo, assolutamente.
    Oggi mi fa meno strano, ma ti assicuro che ancora non mi passa del tutto...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero certo di condividere con te questa "fobia" 😁
      Va bene che non puoi ritrarre una morte, un sacrificio, con uno stile gioioso ma perché renderlo così raccapricciante?
      Anche a me non è passata del tutto tento che sento il piccolo Ema in me che gli iniziano a tremare le gambe quando mi capita di rivedere questi ritratti 😝

      Elimina
    2. ti capizco alla perfezione... :o

      Moz-

      Elimina
    3. Ho scritto pure in barese...

      Elimina
  5. Oddio...ah no, volevo di Oh Gesù...ah no scusa, insomma fa paura in effetti :D

    RispondiElimina
  6. Io ho ancora il quadro lenticolare che era nella stanza dei miei, ora però troneggia sul mio divano.
    Non ho mai avuto cuore di toglierlo, certo che è dannatamente inquietante ed ha fatto spaventare più di un ospite all'epoca. ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah stupendo! Se lo si accetta come arredo horror, allora ci può stare. Ma non in camera da letto, come hai fatto giustamente tu 😁

      Elimina
  7. Se venivi in casa dei miei nonni trovavi molto di peggio, te lo assicuro...certe volte ho ancora gli incubi in proposito. ;)

    RispondiElimina
  8. Cosa significa "lenticolare"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quelle immagini che quando le sposti un po', verticalmente o orizzontalmente, si muovono. Hanno una superficie di plastica a dentini minuscoli, guardandola di profilo è a mo' di sega.

      Elimina
  9. Ahahahah ti ricordi quello di nonna Minuccia? Che era in 3d? Che ti seguiva con lo sguardo: andavi a sinistra nel corridoio e ti fissava, andavi a destra e ti fissava. Poi l'avevano messo proprio davanti alla fine del corrdoio, lo odiavo, mi faceva paura tacci sua.

    Nicolò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo il terrore di quel quadro, ogni volta che entravo a casa loro passavo davanti a nostro signore senza guardarlo dalla paura, solo alla fine del corridoio mi ci cadeva all'ultimo l'occhio e BAAAAM!
      Aveva gli occhi aperti...ho ancora i brividi.

      Grandi nonno e nonna per avermi allontanato dalla chiesa grazie a quel quadro.

      Elimina
    2. @Nico: mi ricordo sì quello di nonna, l'ho pure citato alla fine del post! Mortacci di chi lo ha inventato 'sto quadro lenticolare!

      @Tank: tu ti sei allontanato perché non avevi voglia di andare a catechismo, a paraculo! E poi avevi la nausea per il Rossello (mortacci loro, pure!).

      Elimina
    3. Se pensi che la comunione l ho fatta quando avevo 13 anni quando solitamente si fa a 10/11 anni XD
      Andavo a scuola di suore, sapevo la bibbia a memoria non capisco perchè farci fare il catechismo a noi...

      Elimina
    4. Almeno tu l'hai fatta. Fede manco quella 😂
      Perché in quella scuola erano delle sadiche bastarde che godevano nel caricarti di impegni!

      Elimina