Work in progress

WORK IN PROGRESS...
STO CAMBIANDO GRAFICA
SCUSATE PER IL DISAGIO CAUSATO DALLE CONTINUE MODIFICHE

domenica 25 febbraio 2018

New Super-Man #15-19 Equilibrium

La vicenda riprende esattamente da dove si era interrotta, coi tantissimi personaggi, divisi per gruppi, ognuno che ce l'aveva con un altro per propri motivi.
La serie continua a piacermi e la confermo come una delle più piacevoli e interessanti del marchio DC Rebirth. Piccola parentesi: Deadshot sbaglia di proposito il nome del protagonista in Super-Boy, mi sa che non sono il solo a ritenerlo una variante di Conner, piuttosto che dell'Azzurrone.
L'ultima storia è un fill-in dedicato alla reporter alla quale fa il filo
Kenan, scritta però da Mariko Tamaki. Carina ma non se ne sentiva il bisogno!
Viceversa, coi disegni non è mai stata fortunata e questi ultimi numeri letti sono forse i peggiori, di Brent Peeples, che salvo giusto per la parte nella Chinatown del '37 e Joe Lalich che per fortuna fa solo il numero 17 perché è ancora peggiore, mi ha ricordato una versione meno brutta del pessimo Roleau. Non li boccio ma non mi sento neanche di dare la sufficienza.

Sono sempre tanti gli omaggi a situazioni storiche che ci dona questo mensile, ad esempio come avevo riportato per il quinto numero. Oggi invece tocca alla morte di Superman e ad una delle gare tra l'Uomo d'Acciaio e Flash:
Il ritorno di Slam Bradly, personaggio co-creato dagli stessi creatori di Superman, ripreso in questa situazione da un nemico che vorrebbe imporre le sue idee di razzismo contro gli occidentali perché questi lo sono stati in passato (ed è vero, il fumetto degli anni 30 mostrava spesso questi cinesi stereotipati, presi sempre a botte dal protagonista, esiste anche qualche storia con Superman, anche con i giapponesi del patto d'Acciaio):

12 commenti:

  1. Da non esperto di Superman ricordo anche io lo scalpore per la morte dell'eroe! E ricordo benissimo quella tristissima vignetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora più tragica se letta insieme al seguito, Funerale per un Amico, nonostante già si sapesse allora che i personaggi DC o Marvel tornano sempre dalla morte.

      Elimina
  2. Cavolo la copertina è strabiliante! Ottimo articolo Ema ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le copertine sono una delle poche cose che salvo di questi 5 numeri (lato artistico) ma non sono tutte belle.
      Comuque grazie 😃

      Elimina
  3. Cavolo, omaggi a gogo alla Morte di Supes! Mi interessa, però, giusto per quel personaggio anni '30 :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quel caso ti basta recuperare il #16, sono solo le prime pagine 😉

      Elimina
  4. Sarai contento di sapere che dal 20 la testata è diventata NEW SUPER-MAN AND THE JUSTICE LEAGUE OF CHINA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, negli articoli sui primi numeri mi chiedevo perché la serie non si chiamasse così.

      Elimina
  5. Ecco, queste sì che sono le cose che adoro.
    Certo, la differenza del disegno è abissale (ma davvero qualcuno preferisce lo stile odierno? Guardate quanto sono più evocativi i pannelli tratti da La morte di Superman!). La cover però fa paura davvero.
    Bellissimo Slam, e... bizzarra l'idea degli scrittori per la trama che lo riguarda XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro lo stile retro anche se faccio fatica con quello Golden Age (anni 40 e 50), per leggere gli archivi di Superman ci ho messo una vita.
      Slam lo dovrebbero riprendere per le storie odierne, possibilmente senza farlo prendere troppo sul serio, era semplicemente un rissoso tipo Bud Spencer e Terence Hill.

      Elimina