Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

lunedì 11 gennaio 2021

PlayStation VR Worlds (PS4/PSVR)

Lo scorso 28 dicembre mi è arrivato il visore per la realtà virtuale di PlayStation 4 (comprato a prezzo stracciato dall'amico Salvatore Cuffari, che non aveva manco mai aperto).
Dato che sto completando altri due titoli, ho riscattato il codice per la versione digitale di questo titolo, che fa parte del bundle insieme alla PlayStation Camera ed è più un gioco di prova che un titolo vero a proprio. Alla fine con poche ore si completa quasi tutto.

PlayStation VR Worlds è una raccolta di videogiochi sviluppata da SCE London Studio e pubblicata da Sony Interactive Entertainment. È stato distribuito nel mese di ottobre 2016, come titolo di lancio per il visore di realtà virtuale PlayStation VR. Il gioco include cinque diverse esperienze, tra cui London Heist, VR Luge, Scavenger's Odyssey, Ocean Descent e Danger Ball.

LONDON HEIST
Nei panni di un mafioso, si deve rubare un diamante in uno sparatutto a binari (nel senso che non si muove il personaggio, si punta e si spara, come i giochi per PS3 che richiedevano il PlayStation Move, ad esempio Dead Space: Extraction, che ancora devo giocare, o come The House of the Dead o Time Crisis, che hanno avuto tanto successo nelle sale giochi ma anche a casa, ai tempi della PSX), alternato a momenti in cui siamo legati ad una sedia, in procinto di essere torturati. Ha un finale a sorpresa e possiamo decidere se far vivere il capo o lo scagnozzo tutto muscoli e poco cervello.
Non è male ma dura veramente poco, meno di una demo.
All'esperienza VR do un 3 su 5.
Wikipedia dice che ha ispirato Blood & Truth, che ho in lista.

VR LUGE
Si scende per una discesa con uno streetluge, come in ESPN Extreme Games. Una corsa mozzafiato che avevo avuto modo di provare negli anni 90 grazie al cinema 4-D di Mirabilandia. Per girare bisogna chinare la testa da un lato o dall'altro. Tutto bello? Manco per niente. Alla seconda discesa avevo la nausea. Alla terza ho dovuto spegnere.
Probabilmente lo hanno fatto per velocizzare ma quando si finisce sotto o contro una macchina, non succede nulla, alla peggio si rallenta.

SCAVENGER'S ODYSSEY
Uno sparatutto in cui si controlla un alieno su un mezzo a 4 zampe che pare un ragno, in un ambiente fantascientifico, saltando tra un asteroide e l'altro.
Storia interessante che punta su un tema visto ma sempre interessante, come quello archeologico di civiltà che sono venute prima.
Corto ma non troppo, è il miglior titolo di VR Worlds, infatti do un 5 su 5 all'esperienza VR.
Purtroppo però anche questo mi ha causato problemi di stomaco, non una semplice chinetosi ma dopo colazione, ad un certo punto avrei voluto avere un secchio a portata di mano. Stavo per vomitare! Nelle seguenti 2 ore dopo aver spento, ho continuato fare rutti vicini al rigetto.
Sono un soggetto sensibile, perché anche il cinema 3-D mi dà problemi.
Spero sia una questione di abitudine perché vi assicuro che non demorderò!

OCEAN DESCENT
Da palombaro dentro una gabbia, si scende negli abissi, tra splendori sottomarini e un minaccioso squalo!
Definirlo videogioco mi sembra erroneo, è una semplice esperienza, da luna park o da centro commerciale. Oltre ad osservare non si fa altro ma è comunque d'impatto, perché è bello girarsi intorno nel proprio salone, sembrando dei perfetti imbecilli da chi ci guarda fuori, avendo l'impressione di stare veramente sott'acqua!
A livello di gioco do un punteggio basso ma per esperienza, almeno la prima volta (o la seconda dopo 4 anni) è davvero d'impatto.
Questo è il primo che 4 anni fa ho provato a casa di mia cugina, quando il marito aveva appena preso il visore.

DANGER BALL
Avete presente l'hockey da tavolo col disco che si muove sospeso dall'aria? Immaginatelo in 3 dimensioni e avrete questo gioco, una versione futuristica di Pong in cui bisogna muovere la testa per sposare la "racchetta".
Ci ho giocato poco e lo avevo provato dal marito di mia cugina, comunque è un buon passatempo, magari da avviare mentre si aspetta che l'acqua per la pasta bollisca.


5 titoli in 1 che tra alti e bassi, ti danno un assaggio di cosa è la realtà virtuale.

4 commenti:

  1. Lo sparatutto a binari è quello dove sei fermo staticamente (salvo i cambi di location) e sparare a destra, sinistra, alto, basso, vero?
    Nel 1997 mi flippavo con un videogioco che era la versione da pc del cabinato..Virtua Police o qualcosa del genere.
    Per il resto mi hai fatto ridere con i tuoi problemi di stomaco...ho pensato a me, non potrei giocare mezzo secondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È sia quello (infatti a parte la corsa in macchina, si sta sempre fermi, su una sedia o dietro una scrivania) ma anche quando il personaggio cammina ma non sei tu a muoverlo, lo fa il computer, come se stessi in un carrello da miniera.
      Mi sa che ho capito qual è Virtua Police ma potrei confonderlo con Time Crisis, che ho citato.
      Mamma mia, un giorno sono stato proprio male! Se non mi abituerò, si giocherà solo a stomaco vuoto e con un secchio accanto!

      Elimina
  2. Io forse sarei più incuriosito dall'esperienza in fondo all'oceano... avevo provato una cosa del genere ad una fiera ma era tipo cinema 4D, non col visore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È il più adatto per chi non gioca molto. Certo, se avessero aggiunto qualche minima interazione, sarebbe stato meglio.
      Poi ci sono 3 varianti, compresa quella senza squalo, per i più impressionabili 😅

      Elimina