Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

lunedì 25 novembre 2019

Diabolik anno LVIII - n. 10 Violenza di Classe

Soggetto: Mario Gomboli - Tito Faraci
Da un'idea di: Thomas Pistoia
Sceneggiatura: Tito Faraci
Disegni: Pierluigi Cerveglieri - Giorgio Montorio - Luigi Merati
Copertina: Matteo Buffagni
Casa: Astorina
Prezzo: € 2,80
Data d'uscita: 1 ottobre 2019

Eva non è certo impreparata ad affrontare episodi di violenza... ma quando questa si manifesta come brutale bullismo persino lei, per un momento, resta spiazzata. Ma solo per un momento.

Grazie ad un travestimento, la ladra prende il posto di un'insegnante come supplente, così da avvicinare un malavitoso sempre accompagnato da guardie del corpo, padre di uno dei ragazzi di questa scuola.
Numero scontatissimo, sin dall'inizio, dove il bullo non poteva che essere il figlio del cattivo, con Eva che è più odiosa di quando fa la paladina delle donne e con le classiche situazioni da fiction sul bullismo, viste e riviste.
Poi oh, sarò strano io che, salvo rare eccezioni, non ci vedo nulla di male nel bullismo. Io stesso lo sono stato e in qualche raro episodio l'ho anche subito (è durato poco perché ero una testa calda e ho ribaltato la situazione).
Imboccata questa strada, avrebbero potuto osare di più ma quando il ragazzo vittima dei prepotenti perde la brocca, Attenzione Spoiler: ruba la pistola del padre e prende in ostaggio tutta la classe, non riesce a concludere nulla, morendo come un coglione. Almeno una bella strage per far vedere che il bullismo porta all'esasperazione?
Ah, all'inizio c'è un fastidiosissimo spiegone! Ma perché Gomboli e compagnia bella non cambiano il modus operandi per farci capire i piani dei ladri? Invece di vederli sempre raccontarsi a vicenda come è nato tutto, come due rincoglioniti?
A parte 2-3 scene, Diabolik non si vede ma per me questo non è per niente un difetto.
In lizza per peggior albo dell'anno!

Il finto uomo d'affari, nonché trafficante di droga, somiglia a Putin o è solo una mia impressione?

4 commenti:

  1. Ahaha mica ci avevo fatto caso che somigliasse a Putin!
    Un Putin meno spigoloso, direi.
    Comunque, sì: tematica importante ma gestita male, anche perché alla fine non c'è nemmeno un messaggio positivo o una punizione concrate per gli stronzetti.
    Dk e Eva avevano fatto tutto un piano elaborato quando poi sono bastate due vignette di pura violenza diabolika per fare il colpo, al di là del piano progettato.
    Potevano trattare meglio questa tematica, sottolineare come il bullo avesse perso tutto... e invece manca proprio questa, la parte più importante di un albo che voleva essere socialmente utile.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, meno spigoloso, tendente al Silvione nazionale 😅
      Ci sta mettere da parte Diabolik e il colpo, ad esempio adoro le storie che hanno solo Ginko ma qui hanno esagerato. Sembra più un episodio de I Ragazzi della Terza C in chiave seria.
      A me è sembrata forzata anche la classe che improvvisamente alza la testa contro il bullo e la sua combriccola. Per carità, è appena morto un loro compagno ma dovrebbero essere più sotto shock che ribelli.

      Elimina
    2. Infatti, i tempi sono gestiti male.
      C'è tanto colpo e poco sentimento.

      Moz-

      Elimina