Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

lunedì 25 aprile 2022

Film: Un Piccolo Favore; Desperados; The Open House; La Finestra di Alice; C'era un Castello con 40 cani


Gli ultimi film che ho visto.
Come già detto, le "recensioni" vengono pubblicate in anteprima sul canale Telegram (seguitemi!), qui vengono raccolte, rivedute e corrette (se mi va).
Torno dopo ben sei settimane con questa rubrica semplicemente perché ne ho visti davvero pochi, sempre perché ho dedicato tutto il tempo libero ai videogiochi e alla serie Vikings.
Non manca l'inedito!


Un Piccolo Favore
(2018, su Netflix)
In cerca di emozioni la mamma single Stephanie stringe amicizia con l'elegante Emily, che svanisce nel nulla dopo aver chiesto un piccolo favore.
Un thriller quasi commedy, per qualche battuta di troppo che regala qualche risata più del dovuto per un genere che dovrebbe puntare più sulla tensione.
Imprevedibile ma troppo lungo tanto che dopo svariati schiaffoni che ti mandano da una direzione all'altra, sei più rincoglionito che sorpreso dai continui colpi di scena.
Comunque si lascia guardare con piacere, da provare!
★★★/5


Desperados
(2020, Netflix)
Da ubriaca, l'inguaribile romantica Wes invia al suo nuovo amore un'email imbarazzante e va in Messico con le sue migliori amiche per eliminarla prima che lui la legga.
Una commedia demenziale, prevedibile fin dall'inizio (non solo per la trama) e che quindi sa di già visto ma nonostante ciò si lascia guardare e strappa qualche risata grazie alle tre attrici, più le amiche che la protagonista che risulta spesso irritante.
★★★/5 (2.75)


The Open House (2018, Netflix)
Dopo un tragico evento, una madre raggiunge con il figlio adolescente la casa di villeggiatura di una parente, dove forze strane e inquietanti tramano contro loro.
Da una trama che sa di già visto, riesce a intrattenere fino alla fine, sia per capire dove voglia andare a parare e sia per scoprire se dietro il mistero ci sia una minaccia fisica o paranormale.
Si arriva ai titoli di coda con una conclusione insipida e inutile dove tutti i 90 minuti appena trascorsi vengono buttati nel cesso, quelli dei personaggi e quelli della tua vita!
Un film di merda, ma così di merda che più merda non si può e chiedo scusa alla merda.
★/5

La Finestra di Alice (2013, su TV Donna)
Gabriele, aspirante scrittore pieno di debiti, passa le giornate a spiare dalla finestra la bella dirimpettaia Alice. Non riuscendo a sostenere le spese per l'appartamento avuto in eredità, decide di affittare una stanza allo spagnolo Fabio. La convivenza fra i due si rivela piuttosto complicata perché i ragazzi si scontrano spesso per via di grosse diversità caratteriali, ma poco dopo nel palazzo di Alice avviene un omicidio e Fabio diviene il principale indiziato.
Una piacevolissima commedia tinta di giallo, che strizza l'occhio a La Finestra sul Cortile.
Beccato per caso facendo zapping quando sono rimasto senza connessione, si è rivelata una apprezzatissima sorpresa! Era iniziato da poco e non sono riuscito più a staccarmi dalla TV. Bravissimi gli attori e ottimi i personaggi, gli intrecci, il mistero e un perfetto finale a sorpresa.
Merita il massimo!
★★★★/5

C'era un Castello con 40 Cani (1990, su Rai Movie e RaiPlay)
Un manager milanese eredita un castello in Toscana e vi si trasferisce con la sua compagna e il figlioletto di lei, trasformandolo in un asilo per cani. Dal romanzo di Remo Forlani.
Si parte con una introduzione che vuole copiare quella di Una Poltrona per Due, dove al posto della borsa di Wall Street si vede quella di Milano, ma poi il tiro viene corretto e ci si sposta in una campagna toscana, come da sinossi, in un racconto che mi ha ricordato Pistaaa... Arriva il Gatto delle Nevi.
Una pellicola gradevole che mi ha fatto storcere un po' il naso per alcune situazioni forzate... mi riferisco a quelle sentimentali dell'imprenditore milanese e della sua compagna. Senza fare spoiler, sembra tutto troppo semplice come si arrivi a conclusione. Lei che all'inizio è un punto chiave ma che poi viene messa improvvisamente da parte e lui che sembra un irritabile rompicoglioni che poi magicamente si scioglie.
Bastava poco per ottenere il massimo del voto ma ci si perde in quisquilie.
★★★/5


A lunedì prossimo... spero! Ho già visto un paio di film, quindi non dovrei assentarmi per settimane come fatto quest'ultima volta.

8 commenti:

  1. Un Piccolo Favore a me è piaciuto molto, poi ha costumi molto belli e la Kendrick l'ho vista svariate volte^^
    Invece, perke non metti la possibilità di poter commentare i post nel tuo canale Telegram? Così lo trovo frustrante non poter commentare ma solo ricevere la notifica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei io proprio non la sopporto, ha un faccia da schiaffi, con quei denti da topo... poi le danno sempre doppiatrici odiose. Però non ho visto molti suoi film, a memoria solo Mike & Dave e Noelle. Il film mi sarebbe piaciuto di più con meno minuti e meno sterzate. Concordo sui costumi.
      Per i commenti su Telegram sono combattuto, li sto valutando da mesi, li vorrei mettere per quegli interventi che poi non riporto qui, mentre vorrei evitarli quando notifico un nuovo post, tempo l'effetto social, ovvero quelli che ti commentano senza aver manco aperto il link 🤦‍♂️ In generale ho sempre preferito concentrare i commenti sul blog, sia perché sono più facili da ritrovare e sia per far interagire i lettori (anche se accade raramente), se uno commenta da una parte e uno dall'altra, non si incrociano.
      Continuerò a studiare una soluzione! 😝

      Elimina
  2. Ho visto solo il primo e diciamo che concordo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene!
      Puoi evitare tranquillamente gli altri, il secondo penso sia troppo volgare per i tuoi gusti, il terzo è una merda per chiunque e i due italiani non so, forse quello del castello potrebbe piacerti.

      Elimina
  3. C'era un Castello....rimane un film molto divertente, lo rivedo sempre con piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi eri finito in spam, non capisco perché... me ne sono accorto solo ora perché non ho più aperto il PC queste settimane...
      Il film non è niente male, nonostante il difetto che mi ha fatto storcere il naso.

      Elimina
  4. Finalmente riesco a commentare!! non mi si caricava il pannello nuovo del commento!
    Cmq, il primo film mi ispira... il secondo... ma perchè devono andare fino in messico? come pensano di impedire la lettura di una mail?
    ahahaha il terzo, sembrava decente poi nelle ultime righe siamo andati alla fase dello sciacquone!
    La finestra di Alice nonostante l'orrenda locandina sembra interessante. Ma che rete è TV donna?
    Quello del castello mi ricordo di averlo sentito, ma mai visto. Ma è Peter Ustinov l'interprete?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti questa novità di Blogspot fa abbastanza schifo, non si capisce subito dove bisogna scrivere... poi sono stato completamente assente nelle ultime due settimane, me ne accorgo solo oggi.
      Vanno in Messico semplicemente perché questo ragazzo si trovava lì e cercano di entrare nella sua stanza (dove ha cellulare e portatile) mentre lui è in ospedale per un incidente.
      Non mi ci far ripensare a quello schifo di film, spero di rimuoverlo presto dalla mia memoria 🤦‍♂️
      Concordo, veramente brutta la locandina, da solita commedia romantica e invece ho beccato un bel film. Non conosco il canale e manco mi ricordo dove trovarlo... credo sia uno di quelli dove per la maggior parte del palinsesto ci sono televendite.
      Sì, Wikipedia mi conferma che si tratta di lui, però non è il protagonista (che stranamente non c'è nella locandina), è il veterinario del paese che si occupa anche delle persone 😅 Tra l'altro un gran bevitore, come me 😝

      Elimina