Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

domenica 24 aprile 2022

Videogiochi in arrivo: gli eredi di Ghouls 'n Ghosts e Comix Zone; avventura on the road; horror spagnolo; LEGO

Ho saltato la scorsa domenica perché sono rimasto senza internet a casa ma per fortuna non sono molti i giochi che mi hanno attratto. Quindi post corto.


Per decidere gli acquisti non leggo recensioni da anni. Non ne perdevo una quando c'erano le riviste cartacee, anche dei giochi che non mi interessavano e non avrei mai avviato neanche se me li avessero regalati o prestati. Al tramonto delle riviste ho iniziato a leggere quelle online, più per avarizia, avendole gratuite.
Col tempo ho smesso di leggere anche quelle. Qualche volta mi affido ai consigli degli amici ma principalmente mi bastano i trailer di lancio (seguo solo il canale YouTube ufficiale della PlayStation). Neanche i gameplay o le videorecensioni che tanto vanno su YouTube, con quei pochi secondi che superano a malapena il minuto riesco a capire se il titolo possa fare per me e anche se mi piacerà. 9 volte su 10 (anche di più ma voglio contenermi) ci azzecco. C'è da dire anche che pagandoli poco (in offerta o dopo qualche anno dall'uscita), mi accontento di poco, deve fare proprio schifo per farmi ammettere che ho sbagliato.
In questa rubrica raccolgo tutti gli ultimi trailer visti di titoli che hanno catturato la mia attenzione e decido se inserirli nella mia lista della spesa o meno.


Chatedral è indie bidimensionale in pixel art, a scorrimento laterale di genere metroidvania.
Sembra l'erede di Ghouls 'n Ghosts, il mio gioco preferito di sempre. Anche se in una versione più frenetica e ricca di azione, fila dritto nella lista. All'amore non si comanda!
È uscito il 12 aprile.

Se sei un fan del vecchio gioco Capcom come me:

Road 96 è un road-trip, un viaggio dove si incontrano varie persone e ogni scelta influenza l'esperienza, come accade in molte avventure grafiche. Altro non ho capito.
Mi ha colpito perché adoro l'on the road americano, soprattutto quello degli horror e mi pare di capire che si potrebbe incappare anche in situazioni del genere. Lo metto però tra i forse.
È uscito il 14 aprile.


Tape: Unveil the Memories è un'avventura narrativa di mistero ambientata negli anni 90 nel nord della Spagna. Con una speciale videocamera capace di riavvolgere il tempo si esplorano le memorie del passato della protagonista, Iria, che ha ricevuto una VHS dal padre, un famoso regista horror, in pericolo e che le chiede aiuto.
Gli spagnoli ci sanno fare con l'horror, al pari dei giapponesi, e da questo trailer noto un genere molto disturbante, tanto da catturare la mia attenzione, però non amo la prima persona e comunque non mi ha convinto. Magari col visore VR gli avrei dato una possibilità ma così, per ora è no.
È uscito il 14 aprile.


LEGO Builder's Journey è un titolo particolare coi famosi mattoncini che però usa la versione miniaturizzata, quella tipo LEGO Architectures, con personaggi e ambiente che ricordano quelli degli inizi. Un puzzle poetico che ricorda tanti indie odierni, nel quale bisogna costruire qualcosa per poter procedere.
Dopo aver visto questo trailer devo dire che ho proprio voglia di risolvere questo tipo di enigmi per giocare a questo titolo.
È uscito il 19 aprile.


Liberated è un action-adventure bidimensionale con ambientazione cyberpunk che si svolge tra le pagine di un fumetto.
Proprio per quest'ultimo aspetto mi ha ricordato il vecchio e difficilissimo Comix Zone, titolo del 1995 della SEGA, e proprio per questo va dritto nella lista!
È uscito il 20 aprile.

BONUS


Galactic Wars EX è uno sparatutto aeronautico in pixel art. Non è assolutamente il mio genere ma lo inserisco come bonus perché omaggia il retrogaming e la pixel art, tanto cara agli amanti degli anni 80 come me!


Per oggi è tutto. Alla prossima e buona domenica!

6 commenti:

  1. Road 96 ho visto giocare e può fare a caso mio, così come Tape, mentre Liberated dipende, se è come Ghostrunner ovviamente è no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ti ci vedo con quei due giochi.
      Per me Liberated basta che sia più semplice di Comix Zone.

      Elimina
  2. Comix Zone ce l'ho sulla switch, altro che difficile, è impossibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ce l'ho su Sega Mega Drive Collection, sia su PS3 che su PSP e concordo, è impossibile! Sarei tentato di provarlo seguendo un gameplay/walkthrough ma mia sa che non concluderei comunque.

      Elimina
  3. Interessanti le due avventure grafiche, ma non abbastanza da farmi smuovere, credo. Il gioco in pixel art, poi, sembra davvero troppo difficile per i miei riflessi arrugginiti.
    Quello del lego sembra bello, ma non ho capito come si gioca! Mi informerò meglio...
    Comix zone non era difficile, era un generatore automatico di bestemmie! Lo trovo difficile anche giocandoci con l'emulatore e potendo salvare quando voglio! Questo sembra niente male, mi informerò anche per quello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scritto da te, io non amo le avventure grafiche ma queste due sono particolari, tanto che non sono sicuro che possano essere messe in questo genere.
      Il metroidvania sembra difficile a prescindere dai riflessi, dote che non mi manca ma la frenesia mi mette ansia, mi va in pappa il cervello e non ci capisco più nulla. Ho recensito vari indie dove erano importanti i riflessi ma erano tranquilli e infatti anche se mi ci sono voluti più tentativi nei punti più difficili, alla fine li ho portati tutti a termine.
      Da quello che ho capito nel gioco LEGO bisogna procedere dal punto A al punto B costruendo il giusto percorso.
      Ahahah concordo sulle bestemmie per Comix Zone 😆 Incrociamo le dita per questo Liberated, i giochi di oggi non sono studiati per rubare monete, quindi hanno quasi sempre una logica.

      Elimina