Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

domenica 17 ottobre 2010

Legion of Super-Heroes #1

The Scream Heard 'cross the Universe
Storia: Paul Levitz
Matite: Yildiray Cinar
Chine: Wayne Faucher
Copertina: Cinar e Faucher

Questo inizio mi è moderatamente piaciuto. Inizio di serialità più che di trame dato che vengono ripresi i temi visti in questi ultimi anni come Superman and the Legion of Super-Heroes o Legion of 3 World (due parti della trilogia, come la chiamo io, dedicata al ritorno della Legione originale - il primo capitolo di questa trilogia è Lightining Saga). Però la cosa non pesa più di tanto e anche se non è il solito numero con origini e presentazioni dei personaggi (personalmente mi basta la mini descrizione con nome; provenienza e poteri, basta con 'ste origini riscritte ad ogni numero uno o ad ogni numero celebrativo!) può considerarsi lo stesso uno starting point e sono sicuro che se invece del numero 1, questo fosse stato un numero qualsiasi, nessuno si sarebbe lamentanto considerandolo tranquillamente un normale punto di inizio.

Quelle che sembravano trame slegate alla fine dell'albo si sono riunite tutte e la cosa non so se ritenerla positiva. A me interessavano le vicende di Imra, le vicende del Time Institute o la faccenda di Earth Man, solo inizialmente ma poi mi ritrovo anche qui uno scopiazzamento a Johns e alle sue profezie lanterniane. E che palle! A me già non va a genio il personaggio di Sodam Yat, poi se lo affiancano anche a questi eventi inizio a provare un'intolleranza.

I disegni dell'emergente Cinar li ho trovati deliziosi, a parte per alcuni problemi col chiaroscuro, che come scriveva un amico fanno sembrare i personaggi troppo giovani in alcune pagine e vecchi in altre.

Per il resto, solo curiosità o note.
- ancora una volta nella mini storia della Legione (quella accanto ai credits) viene scritto che si ispirarono a Superman e non a Superboy. Strano dato che ormai da tempo la DC è tornata a usare tranquillamente il nome. Ma meglio così! A parte che nell'ultima pagina di Secret Origin #1 e nell'ultima di questo numero, dove nominano Superboy e la Legione, all'interno delle storie ancora non l'ho visto nominare con quel nome ma solo coi nomi propri (Kal o Clark) o come "misterioso super-boy".
- mi fa strano che i Legionari, ormai adulti, usino ancora i nomi giovanili, a parte Starman e Superman.
- quella della Science Police, Gigi, ma che minchia di nome ha? Porella.
- forse ho letto male il monologo ma Imra non dice Attenzione Spoiler: di non aver mai detto a Garth dei propri sentimenti? Se è così come ha fatto a farci 2 gemelli? Sesso e basta dopo una notte alcolica?
- non mi piacciono gli anelli sull'anulare e Cinar li disegna tutti su quel dito. Con un brillocco del genere, il dito più indicato è il medio.
- a proposito delle lacrime di Yat Attenzione Spoiler: che finendo sul suolo di Oa attivano la lumaca aliena. Ora possibile, che durante i tempi di splendore del pianeta, quando i membri del Corpo andavano e venivano, nessuno abbia mai versato una lacrima sul suolo? Mah.

Nessun commento:

Posta un commento