giovedì 5 dicembre 2019

Catalogo GiG è Bel - Natale 1989

Conosciuto anche come "l'orgasmo multiplo di ogni bambino", GiG è Bel è stato la contrapposizione di Play Boy per i bambini nati tra gli anni 70 e i primi degli 90.
Ringraziando il sito retroedicola.com che ha condiviso l'intero catalogo, riscopriamo insieme l'edizione del 1989! Cliccando sul link, potete ammirare l'intero catalogo, qui invece mi limito a riportare solo le pagine più interessanti per me (per sicurezza, in caso il sito dovesse chiudere, ho salvato tutte le pagine).
Si parte con le macchine telecomandate della GiG Nikko (ho ancora la Turbo Duello, credo senza telecomando) ma subito dopo arrivano le mie macchinette preferite, le Micro Machines (se le ami quanto me, non perdere questo post!). Ma che belli erano i treni? Purtroppo non li ho mai posseduti.
A proposito, sapete che tra un anno torneranno in commercio? E sapete che probabilmente ci spenderò tanti soldi, probabilmente rinunciando a qualche cassa di birra?
Si prosegue coi Micro Transformers, poi con gli Xpanders che sinceramente non ricordo.
Invece gli Army Gear li avevo completamente rimossi ma qualcuno lo aveva quel maledetto viziato di mio cugino Nicolò. Ricordo benissimo la sua Pistola Uzi, che spettacolo! Erano una sorta di antenato di Mighty Max, con un oggetto di guerra che una volta aperto, diventava una base con tanto di mini soldatini. Li voglio tutti, cazzo!
Seguono i Dino Riders, questi li ricordo bene e ne aveva una marea sempre il suddetto cugino. Io avevo giusto un paio di cattivi, il cobra e la formica.
Non possono mai mancare i mitici Playmobil! Il galeone dei pirati lo aveva mio cugino Francesco, quello di Tomb Raider II che ho citato questo lunedì. È presente anche il fortino del west di cui ho già parlato un paio d'anni fa come ricordo e un anno fa ricostruendolo fisicamente coi pezzi sopravvissuti dalla mia infanzia.
Immancabile Bebi Mia (ne ho parlato qua). Subito dopo una variante della Barbie, con pancione e bebè nella pancia, si tratta di Mami la Bambola Mamma, che aveva mia sorella, con la quale ci ho giocato anche io... ao, era divertente la pancia piatta retraibile, col neonato che si inseriva dentro. Si continua con Sbrodolina e altre bambole e pupazzi.
Nelle pagine che seguono c'è la Macchina del Gelato, insolito per l'inverno, infatti ho trattato il giocattolo nell'estate del 2018.
Da notare La Grande Corsa, una pista per le Mini 4WD, molto prima dell'anime, quando nel Bel Paese ancora non erano conosciute. Una sorpresa per me!
Si conclude coi videogiochi dalla grafica a calcolatrice, i mitici GiG Tiger! Di questi avevo quello del football, uno dei più brutti. Mentre sempre il cugino viziato aveva quello grosso con joystick di aerei ma era bello solo esteticamente. Forse aveva anche Double Dragon, non ricordo con certezza.
Conclude la pagina dedicata a Video Driver, emulatore di guida con VHS, anche questo posseduto da Nicolò ma non tra i più giocati. Ci si stancava presto.

Piaciuto il post? Non mancate giovedì prossimo per un altro post, dedicato al GiG è Bel di un altro anno!
Resto però curioso di sapere se qualcuno abbia mai vinto la familiare, la station wagon che si vede in copertina, premio del concorso di quell'anno.

Ti è piaciuto 'sto post? Pensa che lo scorso anno ho riproposto due spot, di cui uno legato proprio al catalogo presentato in questo post:
Spot: Catalogo GiG è Bel (1987 e 1989)

38 commenti:

  1. Meraviglia delle meraviglie meravigliose!! Essendo io del '74 rientro perfettamente nei soggetti orgasmanti che descrivi.
    Di cataloghi libidinosi in realtà ne ricordo parecchi, quand'era Natale bastava entrare in un negozio di giocattoli per provare piaceri immensi e sconfinati: altre grandi case cacciava fuori un suo catalogo e tu eri lì, in mezzo al negozio, a godere di tanto infinito piacere...
    Ho un ricordo addirittura di Postalmarket con pubblicizzati i masters: lo so, di solito i ragazzi di quell'età guardano tutt'altro settore del catalogo, ma i Masters sono sempre i Masters ^_^
    Quanto mi mangio le mani per non aver conservato i cataloghi che ho stretto fra le mani goduriose. Però ho ancora molti cataloghi pubblicitari della Lego anni Ottanta: dici che valgono uguale? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante farfalle allo stomaco nello sfogliarli! Con l'immaginazione sognavo di giocarci, consumavo quasi le foto.
      Mitico Postalmarket! Sull'uso dei maschietti durante la pubertà, ne stavo proprio parlando con Riky lunedì 😄
      Avevo rimosso la sezione giocattoli ma hai ragione, c'era anche quella e anche lì sognavo ad occhi aperti!
      Mi pento anche io di non averli conservati. Nonostante mia madre fosse la classica mamma che butta tutto, sono riuscito ad addomesticarla e mi ha sempre chiesto il permesso. Probabilmente i cataloghi per me valeva solo quello nuovo, oppure è stato prima che iniziassi a minacciare la vecchia.
      Ha valore ma non uguale. A me Riky ha regalato quelli delle Micro Machines (prima o poi li scannerizzerò) ma monotematico non è la stessa cosa.

      Elimina
  2. Guarda, sono caduta dalla sedia dal ridere al "ma qualcuno lo aveva quel maledetto viziato di mio cugino Nicolò" XD
    Che poi le pistole Uzi ce le ha anche Lara!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante fossi abbastanza viziato anche io, ero niente confronto a lui! Però abitava due piani sotto di me, quindi potevo andare da lui a giocare ogni volta che volevo. Questo ha reso il nostro rapporto molto forte, ancora oggi (ha un anno meno di me). Mi ha promesso che stasera passa a leggere e commentare... vediamo che dice 😁
      Lara ci perseguita! Bellissime quelle pistole, ti davano un senso di sfogo molto appagante.

      Elimina
    2. Ma il cugino dov'è? Che intervenga!

      Elimina
    3. Alla fine, coi suoi tempi, è arrivato 😁

      Elimina
  3. Hai ragione, ma non solo per i giovanissimi: io mi fisso coi cataloghi di giocattoli PURE ORA, e non parlo di quelli retro! XD
    Comunque, mi sa che saremo in due a spendere per le micromachines, immagina se faranno le linee tipo Masters (come fecero coi Power Rangers...)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me cataloghi moderni, a parte LEGO, non mi sono capitati negli ultimi anni ma comunque mi fisso tra gli scaffali dei negozi, con gli occhi spalancati da bambino, col desiderio di averne tanti.
      C'erano anche i Biker Mice mi pare, avevo il bianco con la moto rossa ma non ricordo se avesse il marchio MM. Ci giocavo alle medie, nascondendolo dietro l'astuccio, col righello come rampa. E chi la seguiva mai le lezioni!
      A 'sta botta prenderei anche i treni, altra mia passione che però non ho mai avuto.

      Elimina
    2. Io invece passione che non ho mai avuto.
      I treni in sé :)

      Moz-

      Elimina
    3. Non è una passione poi così diffusa, non siamo tanti 😝

      Elimina
  4. Quando vedevo quei cataloghi, poi scoprivo di desiderare...tutto! :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici! Una sofferenza doverne scegliere solo uno da chiedere a Babbo Natale!

      Elimina
  5. L'After Burner me l'ero completamente scordato, giuro (sbroccavo perché le batterie duravano poco ahah). I Dino Riders sono stati un classico della nostra infanzia, i gig tiger me abbiamo avuti tanti tanti! Però Video Driver devo dire che quasi me l'ero dimenticato. Ora che ci penso era una cazzata ma agli occhi di un bambino di 7-8 anni era qualcosa di spettacolare, molto semplice, basico ma allo stesso tempo precursore di moderni sedili per giocare a Gran Turismo di marche serie (Sparco, Recato ecc. ecc.) e se non avevi il lettore vhs t'attaccavi ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti con After Burner ci giocavo con la fantasia, senza le batterie dentro 😅
      Video Driver anche io ne ho un ricordo vaghissimo. Ci avremo giocato mezza giornata, credo sia per questo. Me lo ricordo più come soprammobile della tua scrivania!
      Per l'appunto, io non ce lo avevo il lettore 😆

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ma il tuo vecchio account te lo sei perso?

      Elimina
  7. Comunque uno dei più bei cataloghi della storia italiana! Nell'89 avevo 5 anni e tu 6, erano i primi anni di mediaset, avevamo orari diversi (causa scuole diverse) la mattina, però il pomeriggio non c'era forza ultraterrena che poteva dividerci. Bellissimo articolo! Tuo cugino, Nico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siete troppo simpatici, tu ed Ema potreste fare una nuova versione del film "mio cugino Vincenzo"

      Elimina
    2. Giovedì prossimo ne arriva un altro, anche se eravamo poco più grandi 😉
      Maledette scuole diverse (però l'asilo ce lo siamo goduti insieme, anche se in aule separate) e vaffanculo al Rossello, dove alle medie ti ho raggiunto!

      @Kuku: ahahah facciamo una sitcom, con le risate in sottofondo... qui siamo in versione nostalgica ma sappiamo anche cazzeggiare alla grande!

      Elimina
    3. Ah beh ma allora se siete in tre viene davvero la riedizione di mio cugino vincenzo! Resta da stabilire chi di vuoi tre fa l'avvocato assurdo di Joe Pesci.

      Elimina
    4. Per "un altro" intendevo un post su un altro cataLoGo GiG è Bel 😆
      Però capendo male, ci hai azzeccato sul terzo cugino, mio coetaneo. Eravamo sempre noi 3 da piccoli 😉
      Il personaggio assurdo lo potrebbe fare bene Francesco, il terzo cugino, che poi è quello di Tomb Raider II 😝

      Elimina
  8. 'Il cugino viziato' mi ha fatta morire dalle risate xD
    Loro le cose belle e noi a vivere di riflesso!! Scherzo, io ho avuto la fortuna di avere due cugini maschi vicino che mi passavano console, giochi e figurine. I Dino Riders li ricordo anche io e di Sbrodolina ne avevo due + versione maschile ( SbrodolinO), il mio feticcio, però, era la rivista Magic (Boy e/o Girl).ù
    Buondì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno!
      Tu ci ridi ma qualche volta era da strozzarlo! Però non è MAI stato egoista o geloso, a parte i videogiochi che monopolizzava per una dipendenza, ha sempre condiviso tutto!
      In effetti non è che fossero sempre di grande scelta i giochi per le femminucce. Però tra una sorella più piccola e una cugina più grande, ho avuto modo di gustarmi anche qualche vostra chicca (Polly Pocket la mia preferita). Mia sorella ha avuto la tua stessa fortuna, tra me e svariati cugini maschi, se li è gustati tutti i giochi per "lui".
      Ricordavo Sbrodolino, mentre Sbrodolina l'avevo rimossa.
      Ammetto che Magic Boy/Girl mi manca oppure l'ho rimossa... non credo mi sia mai capitata.

      Elimina
  9. Probabilmente grazie a questo catalogo ho conosciuto le micro machines, ne abbia poi comprato un po', successivamente una macchina telecomandata, rigorosamente Gig Nikko ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che anche io le ho conosciute con questo catalogo. O su Topolino? Più probabilmente in TV.
      Anche per me solo GiG Nikko!

      Elimina
  10. Le GiG Nikko stabilivano lo Status symbol di ogni ragazzino del quartiere. Più il modello era figo più salivi nella scala sociale.

    Gig Tiger erano l'anticristo dei videogame (dotati di uno schermo marcio come pochi) ma paradossalmente tutti ne avevano almeno un modello (spesso quelli più pezzenti e infidi cinesi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella la gerarchia GiG Nikko! Mio zio, il papà di Nicolò, aveva quelle giganti che erano più grosse di noi a 5-6 anni.

      I GiG Tiger erano obbiettivamente una schifezza ma quanto ci ho giocato! Si faceva a gara sugli score se beccavi quello bello. Adoravo il Donkey Kong a due schermi!

      Elimina
  11. Sai che il primo playset delle micromachines che ho avuto è stato la porta-aerei? Non è sopravvissuto al passaggio del tempo, come il Travel City che mi fu regalato da mamma in virtù della mia passione giovanile per...i distributori di benzina.
    Tralaltro fu un regalo extra: non per Natale, non per il compleanno, né per una "prova medica", né per la pagella.
    Era un regalo di consolazione, ma non ricordo per quale motivo.
    Gli Army Gear lo aveva un mio amico di infanzia: per la precisione il binocolo.
    Io ero un catalogo addicted, come ben sapete.
    Ci passavo le ore sopra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che me lo avevi detto del tuo primo playset MM, dovrei riguardare in uno dei miei vecchi post 😁
      Dovresti aprire una pompa di benzina solo per hobby, ci vai solo nel tempo libero 😂
      Stupendi i regali extra... non ne ricevevo tantissimi ma quando accadeva, erano sempre una ricca dose di adrenalina infantile!
      Che darei, ancora oggi, per un Army Gear!
      Coi cataloghi ci si giocava sognando ad occhi aperti... purtroppo però a me non ne è sopravvissuto manco uno.

      Elimina
    2. ahah stupendo, ci pensi? "ah mi sono regalato un distributore di benzina vero.." :D

      Elimina
    3. Ahahah una bella trama per un film demenziale americano!

      Elimina
    4. Oh, in questi giorni ho rivisto i modellini dei DinoRiders..quanto spaccavano!
      Buffo che nella wave 2 c'erano tipo 7 modelli dei buoni e 3 dei cattivi, questo per bilanciare la wave 1: i modellini erano 5 a 5, ma i cattivi avevano il gigantesco T-Rex :D

      Elimina
    5. I cattivi erano troppo "mostruosi". Mi sarebbe piaciuto avere anche qualche buono! Invece con Small Soldier hanno fatto il contrario, gli umani erano cattivi mentre le bestie erano i buoni 😆
      Hanno bilanciato la disparità dei buoni dando loro (o dandoGLI, dato che per il plurale è accettato... ma quanto è cacofonico?) maggiore numero nella fanteria 😝

      Elimina
  12. ahahah non hai risposto al messaggio! Ti è sfuggito! Raffica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve essermi sfuggito tra tutti quelli che mi avete fatto tu e Conte! Maledetti! Quando sono così tanti li seguo dalla email e non dalla bacheca di Blogspot.
      Rimedio subito!

      Elimina
    2. ahah viva la raffica!
      (l'anonimo sono io :D)

      Elimina
    3. Per vendetta invece io ho deciso di non farti più raffiche, dato che a te piacciono. Solo 2 post al giorno! 😈

      Elimina
    4. ahah, due post al giorno è una raffica interrotta! :D

      Elimina