mercoledì 19 febbraio 2020

Amalgama Space Zombie #1

Gli zombie e la space opera sono tra i miei generi preferiti ma abbinati mi sanno di schifezza e mondezza (per non dirlo in termini anglofoni che hanno rotto il cazzo!).
Mi sarà piaciuto questo primo numero? Scopriamolo!

Storia: Jason Martin
Disegni: Winston Young
Copertina: Winston Young
Casa: Action Lab Comics
Prezzo: $ 1.99 0.99
Pagine: 24
Data d'uscita: 16 ottobre 2019
Acquistabile digitalmente su ComiXology

Una donna nuda, una morta vivente, si risveglia su uno shuttle diretto su Marte, mangiando l'equipaggio. E scopre anche di avere della "abilità mutaforma", tipo il mutare il suo braccio in un'arma da fuoco.

Trattandosi del mio primo fumetto di questa casa editrice, non conosco il suo passato ma dalla sinossi, scopro che si tratta di un personaggio che già era apparso in una qualche serie (se non sbaglio si tratta di Zombie Tramp), che ora ha la sua propria serie.

Un albetto che si legge in meno di un minuto, anche se sei un lumacone come me! Che, ovviamente, non giustifica il prezzo, anche se scontato da ComoXology.
Troppo poco per trarre un giudizio e, ahimè, mi toccherà provare anche il seguito, nonostante con questo fumetto volessi far debuttare una nuova rubrica per il blog, dedicata ai numeri 1 che non intendo proseguire. Ma non è detto che molli già dal secondo!
Posso però confermare che disegni e colori sono promossi.

Per il seguito, restate sintonizzati!

18 commenti:

  1. Mi attirava un pochino per i disegni in stile “american manga”, ma non mi aspettavo certo un titolo rivoluzionario. Ecco, mi hai confermato che è anche meno di così ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non vale manco il secondo, come ho scritto, mollo! Ho dato troppe possibilità, arrivando almeno alla conclusione del primo arco, a fumetti che non lo meritavano.
      Al di là dei disegni e delle tette della protagonista, che sembra tutto fuorché uno zombie, non c'è altra sostanza.

      Elimina
  2. Il braccio in arma da fuoco, ricordo una con un fucile al posto della gamba, era in un film pazzesco, era Grindhouse - Planet Terror ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco e ricordo bene quel personaggio ma non ho mai visto il film. Mi pare che mio cugino me lo avesse stronzato ma se per te è pazzesco, una possibilità gliela voglio dare!

      Elimina
    2. Divertente quel film! ispirato al mitico "Incubo sulla città contaminata". Sì, era fighissima la ragazza con la mitragliatrice al posto di una gamba, anche un po' trash 😁

      Elimina
    3. Incubo sulla Città Contaminata non lo conosco proprio ma da 2 secondi di video che ho visto, so che potrei amarlo!
      Molto trash quella zampa di mitraglia 😅

      Elimina
  3. Ma Amalgama non era quella casa editrice fittizia sorta quando hanno fatto le storie con i personaggi Marvel-DC fusi? Forse qui intendono la fusione di due generi...comunque devo ammettere la mia ignoranza, proprio non lo conoscevo, anche se donna nuda+zombie+space opera è un ottimo mix :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, la Amalgam Comics, mi pare uscisse ai tempi in cui ero alle medie e adoravo questi ibridi. Oggi manco se mi pagassero li leggerei 😆
      Qui invece credo sia solo il suo nome, con la A finale ma non capisco il perché, non è amalgamata a nessuno, è più una mutaforma stando alla scena del braccio-arma da fuoco.
      Sia il personaggio che la casa editrice sono semi-sconosciuti, credo sia normale non conoscerla. Io stesso, se non spulciassi tutte le uscite USA ogni mercoledì (giorno fisso in cui escono i fumetti negli States), non la conoscerei.
      Comunque il genere è proprio il tuo, ora che ci penso. Mi ricorda qualche autoproduzione che hai recensito 😁

      Elimina
  4. Dalla copertina, sembra una Vampirella manga.
    Indubbiamente, non ha un cavolo dello zombie, nell'aspetto - forse l'autore non aveva lo sbatti di piazzare putrescenza sempre negli stessi posti e si è detto "ma sì, tanto sono supereroi" e le ha aumentato la taglia del reggiseno per rimediare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero! Non ci avevo fatto caso ma le assomiglia.
      Un tipo di zombie da commedy horror, che non vanno in putrefazione? Tipo l'assistente di Dylan Dog (il film), in cui però doveva cambiare parti del corpo. O Warm Bodies. O iZombie (di cui ho intravisto solo una puntata).

      Elimina
    2. Ricordo pochi zombie non putrescenti, in storie varie. Una volta mi sono imbattuto in una sitcom per ragazzini in cui un'adolescente normalissima finiva a studiare in una scuola per mostri, e faceva amicizia con una tipa che dichiarò di essere una zombie (a me sembrava solo una tipa con l'ombretto pesante, ma contenti loro...)

      Elimina
    3. In effetti sono pochissimi.
      Non conosco la serie ma posso solo immaginare.

      Elimina
  5. A me sembra una via di mezzo tra Vampirella ed Harley Quinn, però già solo graficamente non mi piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questo doppio accostamento è azzeccato.

      Elimina
  6. No, non mi ispira, nonostante le tette e gli zombie😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però sono tette che non vanno in putrefazione! 🐷
      Mi sa che quando era in vita se le era rifatte, il silicone ha una scadenza più lunga 😝

      Elimina
  7. Immagino che abbia i suoi fans ma se devo comprare comics a base di zombie sceglierei altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti questo è, anche solo da provare, solo per quelli che come me hanno un "feticismo" per gli zombie! Come ho scritto, proseguirò solo fino al secondo numero, salvo una degna svolta.
      Non so quanti fan abbia, credo sia semi-sconosciuto anche in patria.

      Elimina