Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

martedì 3 novembre 2020

Riverdale (terza stagione)

Finalmente riesco a parlare di Archie e compagnia, quando ho visto gli episodi tra luglio e agosto.

Se dovessi definire con un aggettivo questa stagione, direi: esagerata!

[Possibili spoiler, molto soft ma solo delle stagioni precedenti]

Lo è più delle prima due stagioni, già un po' sopra le righe per quello che fanno dei semplici studenti ma lì veniva tutto inserito nel modo giusto, senza buttare troppa carne al fuoco.
Qui, invece, si parte con un gioco di ruolo tipo D&D che inizia a spopolare, causando anche dei suicidi, con tanto di possibile figura mostruosa e satanica. Iniziato 25 anni prima, quando i genitori dei protagonisti erano alle superiori.
Archie interpreta il padre, identico a Perry da giovane!
Nel mentre, si conclude il processo ad Archie che
Ad un certo punto la polizia recluta i Serpents come aiutanti, membri ormai quasi tutti adolescenti (che fine hanno fatto gli adulti?). Ma non hanno poliziotti usciti dall'accademia e addestrati? No, affidiamoci agli investigatori che puzzano di latte.
Non manca neanche la setta ma quella è la parte più riuscita, sia perché si sospetta sempre di loro e sia per la rivelazioni finali.
Il re Gargoyle in tutto il suo splendore
Davvero troppo esagerato, esagerazioni che col procedere degli episodi hanno iniziato a farmi guardare sempre meno episodi, fino agli ultimi due che ho rimandato per diverse settimane. Ad ogni modo mi ha deluso la rivelazione finale sull'identità dei due cattivi, quello che sembrava un nuovo Black Hood e il mostro satanico.
Ah, purtroppo c'è stato di nuovo un odioso e bruttissimo episodio canterino da musical, il sedicesimo.
Mi ha deluso molto il poco utilizzo di Luke Perry, nella sua ultima stagione prima della morte. Dalla seconda metà inizia ad affievolirsi la sua presenza, fino a sfumare del tutto. Non so se ha dovuto rinunciare a qualche ripresa perché già stava male.

Tutto sommato però resta una piacevole serie da continuare a seguire, sperando che con la prossima stagione venga corretto un po' il tiro.


CITAZIONI
  • Nel quarto episodio c'è un delizioso omaggio a Breakfast Club, che qui diventa Midnight Club. Forse un po' troppo palese, ai limiti del plagio ma da amante degli anni 80, ho molto apprezzato.
  • In una scena del sesto episodio, che non specifico per evitare spoiler, Archie e Jughead camminano lungo una rotaia e parte The Ballad of Paladin, quella che cantavano i ragazzi di Stand By Me!


INCONGRUENZE
Come per la precedente stagione, anche in questa spesso non mi sono tornati i conti.
  • La faccenda del Midnight Club si svolge 25 anni fa, solo che erano i primi anni 90, non gli anni 80 come viene fatto capire nel quinto episodio.
  • Nel decimo episodio, i genitori di Betty fanno 25 anni di matrimonio... ma 25 anni fa non stavano alle superiori?
  • Episodio 15, F.P. compie 50 anni... ma non era alle superiori 25 anni fa? Era un ripetente da guinness, il Pierino americano!

18 commenti:

  1. Uff quanto odio quando succedono queste discrepanze.
    Comunque... questa ancora non la vedo, ma Riverdale mi annoiò un po' già alla seconda, troppo esagerate, con coppie che si creavano e scoppiavano ad ogni episodio.
    Qua mi pare proprio fantascienza.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco perché se ne freghino palesemente. Non parliamo di una pochezza come un oggetto che non potrebbe esistere in un determinato momento storico ma di conti matematici da prima elementare!
      Se ti ha annoiato la seconda, che a me è piaciuta quanto la prima, mi sa che questa ti induce a mollare la serie. Aspetta che guardo la quarta, così se si riprende magari ti invoglio a superare la terza e non abbandonare 😝

      Elimina
  2. Lo spoiler non mi fa pentire di averla mollata 🤣🤣🤣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che ho accentuato tutti i difetti e non ho parlato dei pregi, che sono di più, per non essere prolisso (a metà post mi ero stancato di scrivere, figuriamoci a rileggerlo!) , altrimenti ancora merita. Però oh, se non ti piace, non ti piace, c'è poco da fare. Il genere teen drama esagerato con adolescenti che compiono azioni da adulti, non piace a tutti.

      Elimina
    2. Ma io sono un fan di The O.C., se becco una replica la guardo senza se e senza ma, ma qui si va oltre le cose esagerate, è fantascienza!

      Elimina
    3. O.C. ho visto qualche episodio di sfuggita, mi pareva molto drama e poco teen (attori che sembrano trentenni) ma non ho mai incrociato nessuno che si mettesse a fare l'imprenditore, a parte quando il nerd e un amico si mettono a fare un fumetto e firmano un contratto... ma è probabile che mi siano sfuggiti tutti gli episodi coi minorenni navigati, nel mondo del lavoro.

      Riverdale è diventato un po' troppo inverosimile. Purtroppo!

      Elimina
    4. I protagonisti avevano mediamente vent'anni, a parte Ryan ovvero il Gordon di Gotham che ne aveva qualcuno in più. Che c'entra il mondo del lavoro? 🤔

      Elimina
    5. In Riverdale, ma anche in 90210, mettono i liceali o universitari a fare cose da adulti. Imprenditori, giornalisti, investigatori, poliziotti... se non sbaglio O.C. si salva da questo aspetto.

      Elimina
    6. Per fortuna no, già vivono esperienze che non sono esattamente comuni, ci manca pure il lavoro minorile. Poi erano per lo più ricchi 😆

      Elimina
    7. Eh ma non ti pensare che la ricchezza aiuti, anche in 90210 erano quasi tutti ricchi. C'è uno che si mette a gestire l'azienda del padre, produttore di film porno, dopo che viene arrestato per accuse di attrici minori. Minori che lavorano nel porno 😅 Poi boh, gli Americani hanno 3 maggiori età, 16, 18 e 21, per ogni cosa si è maggiorenni o meno a seconda dell'argomento.

      Elimina
    8. Allora quelli poco teen mi sa che son quelli che guardi tu 🤣

      Elimina
  3. Ho visto un pò della prima stagione, era pure divertente con quel giallo che si dipanava per tutta la stagione, poi non ho più avuto tempo di proseguire oltre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una serie dispendiosa, visti anche i molti episodio. Bisogna stare con la mente libera e avere tanto tempo per godersela. Oppure fai come me che mi appunto tutto sul taccuino, dato che bisogna stare attento a ogni singolo minuto e se in un episodio non ricordo una cosa, non ci capisci più niente 😆

      Elimina
  4. Mamma mia! Ci sta la questione delle sette e il gioco di ruolo che provoca suicidi (ahimé, mi ricorda certe storie, tipo quella della balena blu), ma poi tutto il resto (carcere minorile stile Fight Club) mi sembra un'esagerazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vicenda che poi si è scoperta essere stata inventata da Le Iene? 😝 Fosse stata vera, sarebbe stata agghiacciante.
      La parte del carcere, dei combattimenti e della fuga, è la più brutta. Ha tolto momenti alle trame scolastiche, diventando un'assurdità.

      Elimina
  5. Sono abbastanza d'accordo, non ricordo esattamente cosa scrissi ma è più o meno il mio stesso pensiero. Spero nella quarta un aggiustamento..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena posso passo a leggere la tua, così ti rinfresco la memoria io 😝

      Elimina