Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

martedì 14 febbraio 2017

Aquaman Vol 8 #15; The Flash Vol 5 #15

Si conclude The Deluge e lo fa mantenendosi sugli altissimi livelli dell'intero story arc!
Con tutta i torti subiti e la conseguente rabbia, la lotta con Manta non poteva finire in modo diverso... nonostante ciò non manca il bel colpo di scena!
Obama fa la figura della marionetta, non apre molto la bocca d'innanzi ad Arthur e neanche si scusa per la sua assenza, alla fine tutti i danni li ha fatti quell'imbecille di Granty (il capo dello staff). Inutile dire che preferisco quando nei comics vengono usati presidenti fittizi. Nei prossimi mesi continuerà 'sta storia con Trump o vengono riportati solo presidenti democratici? Clinton negli anni 90 appariva, Bush lo saltarono usandone uno inventato, con Obama si tornò ad usare quello vero.
Bello il discorso composto da stima reciproca tra Aquaman e Superman, fuori dalla Casa Bianca.
I disegni di Briones mi sono piaciuti di nuovo piaciuti, esclusa la fibbia dell'Azzurrone e la sua S, che ha quell'inutile linea  che la percorre, come nel film.

Altro numero carino per Flash. Potrei abituarmici!
Nella seconda parte di Rogues Reloaded si scopre il vero piano di Gelo e gli altri, oserei dire uno specchio per le allodole, anzi per i velocisti. Questo tutto dopo un inizio caciarone che avrei abbreviato in meno pagine, senza dover arrivare ad usare un intero albo per arrivare alla conclusione.
Di Giandomenico non mi è dispiaciuto neanche a 'sta botta.

Nessun commento:

Posta un commento