Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

mercoledì 12 maggio 2021

Superman: Man of Tomorrow #8

The Obituary
Storia: Van Jensen
Disegni: Nick Robles
Copertina: Wil Quintana
Casa: DC Comics
Prezzo: $ 0,99
Pagine: 16
Data d'uscita: 22 giugno 2020
Acquistabile in digitale su ComiXology

Ancora una volta due storie brevi di 8 pagine l'una, entrambe firmate dallo stesso scrittore, come per il numero precedente. E anche questa settimana non lo conosco. Van Jensen? Chi? Conosco solo Van Johnson!

Giornata fiacca di notizie e dato che al Daily Planet non si sta con le mani in mano, a Clark viene assegnato il compito di scrivere tre necrologi di personaggi famosi ancora non morti, compreso Superman!


Piuttosto originale! Non so se anche nella realtà scrivano i necrologi prima della morte. Si lascia leggere, in un attimo anche perché ha pochi dialoghi e didascalie. Interessante, anche se scontata, la riflessione che il protagonista fa su se stesso.

Molto belli i disegni,
mi hanno ricordato Doug Mahnke con un Superman dal volto squadrato e spigoloso, anche se con una tratto più leggero ma questo dipendeva anche dall'inchiostratore che gli affiancavano.

Deadline
Storia: Van Jensen
Disegni: Andie Tong

Clark segue la campagna elettorale del nuovo candidato come sindaco di Metropolis, Alex Ewell. Manca poco al termine delle 18 in cui il giornale va in stampa, quando scopre che il politico potrebbe stare per compiere qualche nefandezza. 

Un racconto di giornalismo investigativo col reporter protagonista assoluto, mentre il supereroe si vede solo sul finale quando per la situazione che si crea, diventa inevitabile.

Anche se sa di già visto è sempre un piacere quando viene messo così in evidenza il ragazzone del Kansas. Ho sempre ribadito che gradirei tanto una serie tutta dedicata a lui dove il supereroe dal lungo mantello non si vede o si vede appena, un po' come era la serie televisiva Lois & Clark.


Disegni altalenanti
, per alcune tavole ho esclamato "wow!", mentre per altre mi sono chiesto come potesse trattarsi dello stesso disegnatore. Più per le anatomie che per gli ambienti.


Non ho capito perché per la copertina viene accreditato tal Wil Quintana, quando come per gran parte dei numeri precedenti è stata riadattata la prima tavola. Per aver inserito le varie scritte? Oppure la prima pagina è proprio opera sua?

2 commenti:

  1. I necrologi per le persone non ancora morte si chiamano in gergo "coccodrilli" (dal detto "lacrime di coccodrillo") e nelle redazioni in genere ne hanno di già pronti per tutti i personaggi di una certa età. E' macabro, ma aiuta a essere per primi sul pezzo quando viene il momento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu pensa! Lo ignoravo completamente ma ha un senso.
      Stupendo il gergo italiano.
      Grazie per questa precisazione!

      Elimina