lunedì 10 maggio 2021

[VIDEOGIOCHI] Oddworld Abe's Oddysee (PSX)

Quando mi sono messo all'opera per il post su tutti i videogiochi dedicati a Oddworld, per il quale ci ho impiegato un paio di settimane, ho recuperato e giocato di nuovo a questo titolo per la vecchia prima PlayStation.

Sviluppato da Oddworld Inhabitants e distribuito da GT Interactive, viene pubblicato nel 1997 per PlayStation e Windows. Trattasi di un platform a scorrimento orizzontale, quindi bidimensionale.

Nei panni del mudokon Abe, l'obbiettivo è quello di fuggire dai Mattatoi Ernia, dove lavorano schiavizzati lui e i suoi simili.
La fuga inizia quando il protagonista, impiegato del mese, assiste per caso a una riunione tra l'amministratore delegato Molluck e un consiglio di Glukkon che a causa del calo di vendite dei loro prodotti principali (la Torta di Scrab e il Pasticcio di Paramita), dove il fumatore di sigari presenta la nuova idea che come ingrediente propone i mudokon!
In preda al panico e dopo essere stato beccato, Abe si mette in fuga ed è qui che il giocatore prende il comando, con l'obbiettivo opzionale di salvare tutti gli impiegati, ovvero tutti i mudokom schiavizzati.
Il gioco è diviso in 3 parti, si inizia con la fuga dai mattatoi ma presto si esce nei recinti degli scrab, una zona adiacente ai mattatoi, sempre intensamente sorvegliata.
Alla fine di questa, Abe cade e perde i sensi. Al suo risveglio inizia la seconda parte, nelle linee Monsaic, la sacra terra dove i mudokon vanno a meditare. Passata questa si arrivai ai templi nel deserto di Scrabania e nella foresta di Paramonia, dove si trovano rispettivamente scrab e paramiti allo stato selvatico.
Portata a termine queste e acquisito un nuovo potere, si torna ai mattatoi in modo da liberare i restanti dipendenti, per la terza e ultima parte.

Gioco, difficoltà e giocabilità: 4/5
Nel tentativo di risolvere i tanti enigmi e/o puzzle, mi è venuto immediatamente in mente il classico indovinello/rompicapo di logica del pastore con pecora, lupo e cavolo. Tutto il gioco si può riassumere così, perché per salvare tutti gli impiegati o solo per procedere, sono questi i quesiti che si devono risolvere.
Per portare a termine il gioco, è doveroso utilizzare il dialogo e imparare in fretta a quale parole corrisponda ogni tasto, altrimenti si fa subito una brutta fine. Un "ciao" non porta necessariamente alla morte ma può farti beccare da uno slig e anche se sei protetto su un rialzo, potrebbe sbroccare e uccidere il primo dipendente che gli si trova a tiro.
Se non gli do il massimo del voto è per i comandi che arrivano con qualche decimo di secondo in ritardo, facendoti spesso precipitare o saltare in aria nonostante tu abbia premuto il triangolo (per saltare) al momenti giusto.
Grafica: 5/5
Nonostante la bassissima risoluzione dovuta ai soli 32-bit, resta comunque ottima e oggi, 24 anni dopo l'uscita, è invecchiata benissimo.
Sonoro: 5/5
L'edizione italiana ha un ottimo doppiaggio, simpatico e quasi inconfondibile con l'originale. Se parli solo italiano, consiglio l'edizione con questo idioma per capire tutta la trama ma se ci si interessa solo al gioco, gli importanti comandi vocali sono facilmente intuibili anche nella lingua di Albione.
Ottimi anche gli effetti sonori e azzeccate le musiche, sempre al momento giusto come quando si fa una morte stupida e scatta lo "zan zan".
Longevità: 5/5
Nonostante le ore effettive siano 3 o 4, si prolungano fino a circa 18 a causa degli svariati tentativi per portare a termine ogni livello (l'ho concluso il 30 aprile, dopo 2 settimane).
Gran parte del merito va alla difficoltà (vedi sopra la giocabilità) e poi se si decide o meno di salvare tutti i dipendenti mudokon, gran parte in aree nascoste agli angoli del quadro, quindi bisogna perlustrare ogni centimetro!

IL FINALE
Possono infatti esserci due finali, uno positivo e uno negativo: se sono stati salvati almeno 50 dei 99 Mudokon, questi a loro volta salveranno Abe teletrasportandolo in un posto sicuro dove verrà accolto da eroe. In caso contrario, i Mudokon lo abbandoneranno e Molluck lo farà cadere in un tritacarne.

Se si termina il gioco uccidendo almeno 80 dei 99 Mudokon, una volta visto il finale negativo si avranno granate infinite.
Non esistevano ancora i trofei ma qualche soddisfazione la potevi avere completando il gioco al 100%. In questo caso lo si fa salvando tutti e 99 i mudokon. Ci ho messo 2 settimane ma finalmente ci sono riuscito, dopo che negli scorsi 2 decenni ho portato a termine due volte Abe's Oddysee ma senza riuscire nell'impresa. Tra salvarne 98 o 99 cambia poco, perché al posto dei crediti finali, ci viene data la lista intera dei video, da riguardare a piacimento. Ma una volta riavviata la console, sparisce tutto, non resta nel menu principale.


Con un solo difetto dovuto alla giocabilità, per un pelo non ottiene il massimo dei voti con lode. Nonostante ciò per me è comunque il miglior puzzle-platform della quinta generazione, uno dei migliori di sempre, ancora oggi a 24 anni dalla sua uscita!

Ora sotto con Abe's Exoddus!

8 commenti:

  1. Un grandissimo videogioco che mi fa scappare sempre una lacrimuccia. Tuttavia, ricordo anche i santi e i calendari buttati giù per andare avanti nel livello e cercare di salvare il maggiori numero di prigionieri. Il secondo poi era probabilmente stato creato da figli di madri dedite al mercimonio fisico, ma questa è un'altra storia. Io a Abe gli voglio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbiamente bello tosto, sia nella ricerca di tutti i mudokon che per il difetto di comandi di chi ho parlato...
      In passato ha fatto imprecare parecchio anche me. Di meno oggi che sono più calmo 😝
      Exoddus dovrei rigiocarlo a breve 😍
      A memoria ricordo delle migliorie ma potrei ricordare male...

      Elimina
  2. Non avendo una Playstation ci giocavo sporadicamente da un mio amico ma ricordo che, almeno per quanto mi riguarda, sono andato avanti pochissimo, all’epoca per me era troppo difficile.
    È però uno di quei giochi a cui ogni tanto ripenso e che vorrei rigiocare prima o poi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era ed è tosto per i giocatori più incalliti, figuriamoci per uno che ci giocava occasionalmente da un amico.
      Se ne hai occasione, non indugiare! Altrimenti c'è il remake (ne parlerò in futuro), degno dell'originale (da quel che ricordo) e disponibile su più piattaforme (non so dove videogiocheggi). E tra un po' potrebbe piacere anche al piccolo orsetto! 😉

      Elimina
  3. Classicone, al tempo ho sfondato la demo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo letto ma mi sono dimenticato di rispondere. Scusa!

      Immagino. Io non ho mai provato la demo, ho preso direttamente il gioco (masterizzato). Idem per il seguito. Poi li ho entrambi ricomprati ma in originale, quelli con cui sto giocando ultimamente 😍

      Elimina
  4. Mai riuscito a finire, tu provavi a portarlo a termine bene mentre ci giocavamo insieme, io poi ti rovinavo il tutto facendomi beccare, sacrificando i mudokon al posto di Abe e scappando ahahahah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah avevo completamente rimosso di averci giocato insieme! 😄

      Elimina