Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

domenica 16 luglio 2017

Superman Vol 4 #26; Action Comics #983

Manca per un solo numero Tomasi e si sente, sia per merito suo che per demerito del sostituto, tale Michael Moreci che ha il difetto di mal scrivere un Jon impulsivo, disubbidiente e antipatico, il contrario di quello che ho imparato ad apprezzare (all'inizio non mi piaceva) nei primi 25 numeri.
Da salvare solo i flashback con Clark e Pa Kent.
Non hanno aiutato neanche gli orribili disegni di Scott Godlewski, che per gli sfondi e i robot non è neanche male ma si perde completamente coi personaggi.

Non va bene neanche alla serie più vecchia della DC Comics, non tanto per la storia che è tutta una scazzottata con qualche dialogo più o meno bello ma per il nuovo disegnatore Viktor Bogdanovic che proprio non mi piace, non mi possono passare dallo stile realistico delle precedenti quattro parti, soprattutto gli stupendi dello scorso numero, a questi leggeri e più cartooneschi. E purtroppo sarà uno dei disegnatori regolari!
Brutto Zod con la barba decorata come neanche A.J. dei Back Street Boys osava, Mongul che sembra uno scemo, Blanc un vecchio rinsecchito e Cyborg Superman brutto quasi quanto quello di Ching (Supergirl).

p.s. ammazza quanto ci sta mettendo la famiglia Kent a trasferirsi a Metropolis, credevo sarebbe accaduto dopo lo story arc che ha coinvolto tutta Hamilton County e invece...

2 commenti:

  1. Personalmente lo stile di Bogdanovic non mi dispiace.
    Forse perché mi ricorda il Greg Capullo nei primi numeri di Batman New 52, e quindi i primi comics che ho letto. Ma concordo che per uno story-arc non si può cambiare disegnatore ogni numero con stili così diversi tra loro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Ad esempio non sono un grande fan di Gleason (preferisco il suo mentore Mahnke), lo preferivo su GL Corps ma con lo stile delle storie di Tomasi è molto azzeccato e poi è il disegnatore regolare, ci fai l'abitudine.
      Sarebbe potuto accadere lo stesso con Bogdanovic, anche se quella barba da tamarro di Zod non posso proprio accettarla! 😝

      Elimina