martedì 16 gennaio 2018

Justice League Of America Vol 5 #12-17 Panic in the Microverese

Dopo tanto tempo torno a parlare della DC Comics, si spera con un po' più di frequenza e con un recupero veloce. Si riparte con una delle saghe che più attendevo tra quelle preannunciate nello speciale DC Rebirth, ovvero la faccenda legata a Ray Palmer.
Panic in the Microverse è di una fantascienza unica, come poche altre volte si è vista in giro in ogni media, infatti molti si chiederanno "che cazzo c'entra Batman lì in mezzo?" (c'entra, c'entra, Batman c'entra sempre, è come il prezzemolo!), che vede una parte della JLA
andare alla ricerca del professor Plamer, sparito da parecchio tempo (qui) in questo microverso che si estende infinitamente e a cui ci si può arrivare diventando più piccoli di un atomo. Con un tema del genere, per me è già 6 politico anche qualora fosse scritto e disegnato col culo... ma non è questo il caso, anzi!
Oltre alla fantascienza c'è tanta avventura esplorativa, altro genere che adoro (colpa di Verne?).
Il finale mi ha lasciato un po' dubbioso, se da una parte sono contento perché abbiamo la conferma che la minaccia è opera di una grande mano blu (Manhattan?) e che tutto è legato alla spilla (de Il Comico?), un altro tassello della trama principale iniziata con DC Rebirth, dall'altra storco il naso perché viene elogiato fin troppo Ryan Choi, il nuovo e giovanissimo Atom e sminuito l'originale.
Vediamo cosa si inventeranno, tanto alla conclusione di tutto mancano pochi mesi.
I disegni sono del sempre ottimo Ivan Reis, che ultimamente si vede sempre troppo poco insieme ad altri grandi come Gary Frank, salvo due numeri in cui c'è Felipe Watanabe, che in copertina è scritto giusto ma nei credits interni diventa Wantanabe (ma che ca--?!) e non mi è piaciuto molto, sicuramente perché è stato preceduto da uno troppo più bravo.
Davvero un bellissimo story arc, nonostante non sia privo di piccolo difetti. Mi ritengo del tutto soddisfatto!
Devo essermi perso qualcosa, ovvero la trasformazione di Ray Terril, da donnaiolo (ha avuto anche una tresca con Black Canary in passato) a ricchione...
No, seriamente e tenendo fuori il politicamente scorretto, il supereroe Raggio non è mai stato lontanamente gay e a parte reciproco conforto, negli scorsi numeri non c'era stato nulla di tenero tra i due personaggi.

Potrebbe interessarti anche:
- Justice League Of America The Atom Rebirth
Justice League Of America: Killer Frost Rebirth, Rebirth; Vol. 5 # 1-4

22 commenti:

  1. Me lo segno, che ci stanno un paio d'argomenti che mi hanno incuriosito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono dimenticato di dire che è anche un po' fantasy. Nel viaggi finiscono anche in un mondo di centauri, ad esempio.
      Comunque ha il difetto della trama orizzontale che va avanti dall'estate '16, potresti non cogliere alcuni passaggi nei dialoghi (relazioni e problemi dei personaggi, cosa sta succedendo... la DC è una soap opera).

      Elimina
  2. Mi pare ci sia qualcosa di simile al micro-verso in casa Marvel, nel film Ant-Man viene svelato che la Wasp originale è dispersa nell'infinitamente piccolo, un po' come Ray Palmer in questo arco narrativo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forte, non lo sapevo. Per me l'uomo formica era la versione schiappa di Atom dato che il nome suggerisce che possa rimpicciolirsi fino alle dimensioni di una formica 😝
      Purtroppo il Microverso viene sfruttato poco, ricordo solo un'altra volta a fine anni 2000 e sono quasi certo venisse chiamato palmerverse o qualcosa di simile. Non sono un grande conoscitore del personaggio.
      Peccato perché è un universo sconfinato da cui poter attingere.

      Elimina
    2. Confermo sul Microverso Marvel, e si inizialmente Ant-Man poteva rimpicciolorsi alle dimensioni di una formica, col tempo le cose sono cambiate ma per lui/loro rimane molto pericoloso andare oltre perché appunto rischiano di non tornare indietro. Invece io non sapevo che Atom potesse ingigantirsi.

      Elimina
    3. Anche per il secondo Atom e il resto della squadra è stato molto rischioso, il mezzo che li ha portati lì è stato distrutto non appena arrivati e la cintura che lo rimpicciolisce rischiava sempre di rompersi ogni volta che riduceva ulteriormente le dimensioni.
      Per Palmer invece no e non ho capito perché, tanto che si è ridotto ulteriormente, cavalcando letteralmente un protone o qualcosa di simile (faccio schifo in fisica).
      Credo di aver visto Atom ingigantirsi solo in qualche tavola/omaggio di Alex Ross.

      Elimina
  3. Gary Frank è impegnato a "omaggiare" Watchmen su Doomaday Clock per un annetto. Ray Terril sarebbe The Ray?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ma è tornato attivo dopo mesi che non si vedeva, copertine a parte. Mi pare dallo speciale DC Rebirth e forse qualcosa di Suicide Squad.
      Comunque non mi sono dimenticato del tuo articolo sul secondo numero, passerò non appena lo avrò letto.
      Sì esatto, lui (il secondo dei 3 che hanno usato questo nome, quello sulla destra dell'ultima pagina). Detto Raggio in Italia.

      Elimina
    2. Ah ecco, sappi che nella terza stagione di Legends of Tomorrow hanno introdotto The Ray ed è gay. Mi domandavo proprio se fosse l'ennesimo cambio o se lo era anche nei fumetti, ora lo so.
      Su Doomsday Clock continuo ad essere cattivo eh :P

      Elimina
    3. Pare una novità recente, prima non era affatto gay... sarà per il solito politicamente corretto che va tanto di moda. Rimpiango il bigottismo degli anni 80 e 90!
      Fai bene ad essere cattivo, sono le recensioni che preferisco!

      Elimina
  4. La mia domanda è: chi è Ray Terrill :D?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah è il secondo The Ray/Raggio. Su Wikipedia trovi tutti i dettagli 😉

      Elimina
  5. Anche nel capitolo a lui dedicato della Justice League America Rebirth si diceva che The Ray fosse gay.
    Forse per far rima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benritrovato Francesco, è sempre un piacere leggere i tuoi commenti quando tratto DC.
      Questo fatto mi era del tutto sfuggito e ora mi hai fatto venire voglia di rileggere quell'albo.
      La motivazione credo sia solo per una questione di politically correct, colpa del perbenismo che da qualche anno viene imposto.

      Elimina
    2. Figurati!
      L'albo con le origini di The Ray non mi aveva colpito particolarmente (anche se migliore di quello di Killer Frost).
      Per il resto questa storia la sto aspettando in italia ma penso che terminata questa storia smetterò di seguire la serie ma leggerò volentieri le tue impressioni per capire in che direzione andrà!

      Elimina
    3. Eh ma anche io penso che arriverò fino alla fine di DC Rebirth/Doomsday Clock, poi mollerò parecchie serie e questa è già candidata, anche se mi piace.
      Comunque sarò qui a rispondere ad ogni tua curiosità 😉

      Elimina
    4. Dovrebbe chiudere con il 29 in America!

      Elimina
    5. Ottimo, mi dai una gran notizia! Chiude "di sua spontanea volontà", senza essere tagliata da me.

      Elimina
    6. Il problema è cosa succederà perché "chiude" anche Justice League. Entrambe ad Aprile.
      Ci sarà un minievento settimanale a Maggio scritto da Snyder.
      A giugno sicuramente riaprirà Justice League e potrebbe riaprire una JLA con un altro roster.

      Elimina
    7. E va be', se interrompono per poi riprendere, affari loro, stavolta non riprendo nulla a meno che non sia strettamente legata all'Azzurrone (la JL Rebirth inizialmente lo era).
      Ma tornare con un solo gruppo come ai tempi di Morrison? Questa distinzione tra Lega della Giustizia e Lega della Giustizia d'America ha veramente rotto!
      Preferire più una cosa anni 90 JLA/JLI.
      Non essendo un amante di Snyder, penso proprio che passero il minievento.

      Elimina
    8. E' che questa JLA ha dimostrato che non aveva niente da raccontare. Mentre JL poteva starci ma anche lei aveva poco da raccontare.
      Io resto curioso. Se è lo Snyder dello Specchio Nero, della corte dei gufi e di Morte della Famiglia può fare bene.
      PS pare che chiudano anche Titans!
      E pensare che mi piaceva tanto e stavo seguendo lo spillato italiano di Justice League per Titans (e Cappuccio Rosso)

      Elimina
    9. Alla lunga questi super gruppi diventano ripetitivi, dovrebbero dedicarsi a miniserie annuali, solo quando hanno grandi idee. All'inizio JL mi piaceva perché erano tutti diffidenti verso questo nuovo Superman, poi è avvenuto Reborn e amici come prima.
      JLA aveva delle buone premesse e anche originali ma poi, dopo il primo arco, hanno fatto solo da sfondo (molto lontano).
      Comunque il troppo stroppia, non lo capiscono.
      Per Titans, nonostante mi piaccia molto la serie, mi dispiace solo per Wally... ma una serie tutta per lui? Manderei definitivamente e per sempre a cagare quella di Barry (non sopporto né la serie e né il personaggio).

      Elimina