martedì 10 luglio 2018

The Man of Steel #3-4 (di Bendis)

Continua la mia lettura di questa mini, l'unica DC che riesco a fare ultimamente, mentre la roba da leggere mi si accumula su pile che farebbero impallidire l'obelisco di Balzar (sì, lo so che in originale si chiama torre di Karim)!

Rogol Zaar, il nuovo cattivo, irrompe nella Fortezza della Solitudine e si appropria di Kandor, la città kryptoniana in bottiglia. Mentre a Metropolis si indaga su un possibile piromane seriale, con l'aiuto di Batman, Kal-El e sua cugina Kara, rintracciano l'alieno che ce l'ha coi kryptoniani.

Questo numero non porta avanti di molto la faccenda, nonostante l'ennesima copertina bugiarda... vediamo un Superman ancora ignaro di tutto e che fa ancora lo gnorri su cosa sia accaduto a Lois e Jon! Quindi?
Durante le prime pagine, nella Fortezza c'è ancora Kandor imbottigliata, di nuovo, che palle! La saga di New Krypton è fuori continuity...
Gammill District... in onore del disegnatore Kerry Gammill, uno dei miei preferiti del periodo che precedeva la morte? Se così fosse, ben fatto!
Sullo sfondo di Metropolis, continua l'indagine sul possibile piromane e con l'aiuto di
Batman, si sospetta del candidato sindaco.
Disegna Ryan Sook, artista che adoro ma che qui trovo un po' fuori luogo confrontandolo allo stile dei suoi colleghi.
Il brevissimo flashback invece è sempre per mano del bravissimo Jason Fabok.
Anche quella del terzo numero è una copertina bugiarda, dato che ancora non si ha la certezza se questo nuovo tizio sia il responsabile della distruzione del pianeta verde!

I cugini, gli ultimi figli di Krypton, combattono contro Rogol Zaar, che ha la meglio su di loro e la vicenda si ricollega a ciò che è stato narrato su AC #1000 (ultima storia, ultime righe del post), con la tizia che ancora continua a ripetere che ha rimesso gli slip rossi.
Dopo la battaglia arriva Hal Jordan, coi capelli a spazzola, come mai avuti... e dato che ultimamente ha chi lo sostituisce sulla Terra, che cavolo ci fa qua?
Durante le ultime pagine, un Kal incazzato Attenzione Spoiler: fa saltare in aria la Fortezza!

Finalmente si sa qualcosa in più riguardo ciò che è accaduto a figlio e consorte ed è tutto collegato alle trame di Jurgens! Attenzione Spoiler: Jor-El è ancora vivo e Superman ha mandato la sua famiglia con lui per metterli al sicuro.
Ai disegni c'è un irriconoscibile Kevin Maguire (ricordate il mio primo fumetto di Superman?) per le vicende nel presente e come al solito il fantastico Fabok per il flashback.

Non perdete la conclusione, col mio giudizio sul primo vero lavoro di Bendis alla DC, tra 48 ore esatte su The Reing of Ema!

10 commenti:

  1. Ma me la spieghi in due parole la faccenda della Kandor in bottiglia?
    Roba che c'era pure in Nembo Kid... mai capito perché una città fosse imbottigliata... e non le traffico :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Braniac, l'alieno cattivo di Colu, è un pazzo collezionista di civiltà di tutto l'universo, di ogni pianeta rimpicciolisce la città più importante e poi distrugge il resto. Fece lo stesso con Krypton, poco prima che fosse distrutta per cause naturali.
      Se poi ti interessa ti racconto con altre 2 parole come finì nel pre-Crisis e nel post (prima di Flashpoint e il Merd 52).

      Elimina
    2. Mi interessa il pre, visto che c'era pure in Nembo Kid... Mica lo sapevo che c'entrasse Braniac! :o

      Moz-

      Elimina
    3. È una storia uscita durante la Silver Age, a quei tempi Superman aveva la superintelligenza e di tanto in tanto studiava un modo per riportarla a grandezza naturale. Alla fine ci riesce e lo fa su un pianeta che ruota attorno ad un sole rosso (quindi i kryptoniani restano senza superpoteri), come su Krypton e dentro la stessa città in bottiglia (infatti quando Superman entrava era sempre senza poteri, spesso adottava l'identità di Nightwing, insieme a Jimmy che era Flamebird, con mini propulsori per volare e altri gadget - Nightwing e Flamebird sono due leggende del passato di Krypton e Dick quando ha adottato quell'identità lo ha fatto conoscendo la loro storia). Il nuovo pianeta decidono di chiamarlo Rokyn, che nella loro lingua significa "regalo da Dio".

      Elimina
  2. Io ho vaghi ricordi di sta città in bottiglia, roba di fumetti di anni e anni fa :) fa piacere che dopo tutto sta ancora là!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma... fa piacere sentirne riparlare ma no che ogni volta venga cancellato tutto e torni in bottiglia, sia nel pre-Crisis che nel pre-Flashpoint (il reboot del 2011) era tornata grande, trasferita su un nuovo pianeta. Vederla per la terza volta imbottigliata di nuovo, francamente mi ha rotto il cazzo!

      Elimina
  3. Si la città in bottiglia di Kandor è una roba vecchia, come dice @fperale, una delle poche cose della Silver Age che sono sopravvissute ai vari restyling periodici che la DC ha attuato al suo personaggio più conosciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roba vecchia ma che purtroppo viene rebootata ogni volta (leggi risposta a Fabrizio).
      Negli anni 90 però era diventata una città con varie razze aliene, rimpicciolite dal mago Tolos e non da Brainiac. Lui rapiva solo gli alieni, non le varie città.
      Nei 2000 invece è tornata quella classica, con New Krypton, la gradevole saga di Jhons.

      Elimina
  4. Città in bottiglia..quindi praticamente la storia di Superpippo e dell'alieno che "rapiva" le città ha tratto ispirazione da questo elemento della mitologia di Superman..anche se le città non erano custodite in bottiglie :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco la storia di Super Pippo ma è molto probabile. Mi chiedo dove le mettesse una volta rapite...

      Elimina