Work in progress

WORK IN PROGRESS...
STO CAMBIANDO GRAFICA
SCUSATE PER IL DISAGIO CAUSATO DALLE CONTINUE MODIFICHE

domenica 4 marzo 2018

Superman Vol 4 #31-32 Breaking Point

Continua il recupero DC, oggi tocca al mio supereroe preferito, con la sua seconda testata che non leggevo e commentavo da qualche mese! Ma sarò brevissimo!
Breaking Point l'ho letto senza grandi pretese per via dello scrittore, James Bonny, che non conosco e ho inizialmente ritenuto un filler ma che alla fine mi ha fatto ricredere con una bella storia di giornalismo investigativo e perché ha dimostrato di conoscere bene il personaggio, meglio di tanti autori acclamati (Centennial Park,
l'alternativa a Central Park, famoso parco che ospitava statua e tomba di Superman, era stato sostituito ai tempi di One Year Later, 2006, con un banale Metropolis Park ma lui se ne frega! Oppure ricorda bene che Lois si infastidisce se l'Uomo d'Acciaio è troppo protettivo e non le lascia spazio, come avveniva negli anni 90 in molte scene, quando aveva rotto il loro fidanzamento) e tira fuori un'eccellente storia con antagonista Deathstroke (è un caso che il personaggio che appare dopo i titoli di coda di Justice League, abbia un ruolo importante in queste due parti uscita tra settembre e ottobre?).
L'unica cosa che mi lascia perplesso è il finale... a cosa cazzo mira 'sta maledetta stronza che da oltre un decennio non fa che combinare guai più di Lex e Joker messi insieme?
Disegna Kirkman, un gradito ritorno che ho avuto modo di apprezzare su Action Comics, sempre affiancato dal colorista pastelloso.

Note:
- l'entrata in scena iniziale dell'Azzurrone mi ha fatto chiedere perché abbia dovuto distruggere qualcosa... non poteva entrare in silenzio?
- durante lo scontro con Slade perché accusa i suoi colpi? La protezione dell'assassino mica gli dà anche potenza d'attacco...
- rivedremo lo scienziato dell'inizio? Sembrava più complessa la sua situazione.
- questa storia me ne ha ricordata una vecchia degli anni 90, col Joker che avvelena Lois e l'unico modo per salvarla è uccidere il cattivo (Action Comics #719).

8 commenti:

  1. Deathstroke è un cattivo molto interessante...e non mi dispiace neanche nella versione 'buono' della serie Arrow. Anzi era una delle poche cose buone prima che diventasse un cattivo iperpompato :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui appare come un assassino spietato ma con una morale (mentre un gruppo prova ad ucciderlo salva un bambino che si trovava nel mezzo), però è un personaggio che ho letto pochissimo e quindi non conosco bene.
      Nella serie scommetto che è un ventenne super fico che fa bagnate le adolescenti in calore 😝

      Elimina
    2. Vieni a ripassare chi lo interpreta nel mio post :P

      Elimina
  2. Nella serie è il quasi 50enne Manu Bennet, palestrato si ma neanche troppo.. quello che poi in Shannara fa il druido Allanon!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisco Manganiello anche se per me lui doveva essere Superman!
      Non lo conosco come attore.

      Elimina
  3. James Bonny è stato il coautore di Deathstroke prima della Rinascita insieme a Tony Daniel.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco perché si è mosso benissimo!
      Grazie per la nozione 😉

      Elimina