martedì 12 ottobre 2021

[FUMETTI] Andy Capp - Birra e Pupe (1983)

Collana: Comics Box De Luxe n. 63 (Andy Capp n. 57)
Editore italiano: Editoriale Corno
Prezzo: L. 2.000
Pagine: 96
Data d'uscita: novembre 1983

Un uomo che adora passare le serate al bar e ubriacarsi, amante delle belle donne, nullafacente e con una moglie rompipalle ma che ama... no, non è un fumetto ispirato a me (e poi mia moglie rompe ma non è un cesso a pedali!), bensì un'opera che ricorda lo stile di vita di quelli della generazione di mio nonno materno. Un fumetto che leggevo per caso quando ero giovanissimo, probabilmente su qualche diario o non ricordo dove.

Questa raccolta mi è capitata per caso e per il bel ricordo che avevo del personaggio dal successo mondiale, creato nel 1957 dall'inglese Reg Smythe per strisce umoristiche, conosciuto in Italia anche come Le Avventure di Carlo e Alice (o solamente Carlo e Alice), non ci ho pensato due volte prima di accaparrarlo!

Purtroppo è stata una totale delusione! Lo ricordavo molto più divertente e invece ha saputo strapparmi qualche sorriso giusto in poche strisce, manco una sola risata!
Sono tutte strisce singole, una per tavola, senza nessun legame l'una dall'altra, così ho pensato di riportare le X migliori per me, non solo le più simpatiche ma anche quelle in che ho sentito vicine alla mia vita o al mio carattere.

p.s. il post era in bozza dal 16 giugno, quando ho letto il fumetto, mancava solo la conclusione le la raccolta delle vignette.

4 commenti:

  1. Carlo e Alice si leggevano nella Settimana Enigmistica, a me le strisce divertivano.. Carlo (o Andy Capp) sul divano mastro di vita :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ecco. È molto probabile che mi siano capitate lì allora.
      Occhio che anche io ne avevo un ricordo divertente e quelle che ho riportato sono all'apice.
      Divano e bar, il mio stile di vita preferito! 😍😝

      Elimina
  2. Da bambino avevo a casa un paio di quei volumetti DeLuxe dell'editoriale Corno. Me li ricordo molti belli. Forse non valevano i soldi che ci chiedevano (e il formato quadrato era un po' discutibile), ma svettavano nettamente in mezzo ai tutti gli altri giornalini. Andy Capp in particolare m strappava ben più di un sorriso, anche se non so se sarebbe lo stesso oggi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non erro è la prima volta che intervieni qui, quindi benvenuto!
      Il formato quadrato non è il massimo, o quello rettangolare orizzontale come Lupo Alberto, ad esempio. Esce fuori messo insieme ai formati rettangolari classici. Però è quello che si adatta meglio ai fumetti a strisce.
      Riguardo la qualità e il ricordo che ne hai, leggendo le tavole che ho riportato dovresti trarne le conclusioni. Poi magari ho beccato un numero fiacco. Ne ho altri due che vorrei leggere per constatare ciò.

      Elimina