venerdì 21 dicembre 2018

Comics e Natale, i fottuti perbenisti colpiscono ancora (con Super Santa Claus)

Anche se ho postato questa mattina, devo recuperare alcune caselle del bloghendario dell'Avvento che non ho aperto, quindi:
C'era un tempo in cui gli speciali natalizi della DC avevano in copertina la parola "Christmas" ma poi i fottuti perbenisti hanno rovinato tutto per non offendere la sensibilità dei credenti di altre religioni. Voi conoscete davvero un ebreo o un musulmano (esclusi i talebani scemi) infastidito da un fumetto che tratta il Natale? Conosco degli atei o semplice gente a cui il Natale non dice nulla e che fanno? Se ne sbattono e comprano lo speciale, se è di loro interesse, senza che quella parola
faccia da kryptonite!
Così è diventato "Holiday Special", comprendendo anche storie sull'Hanukkah (ne ricordo una su Batwoman, che è ebrea e lesbica), che non hanno affatto urtato la mia fede da ex cattolico.
Quest'anno, con mio grosso stupore, lo speciale è stato ulteriormente modificato, diventando DC Nuclear Winter Special... ma perché?!

Ogni speciale ha circa otto racconti e non voglio parlare di tutti perché servirebbero più post, quindi mi limiterò a quella che mi è piaciuta di più, dallo speciale del 2007!
La navicella del piccolo Kal-El atterra al polo nord, questo lo fa diventare il nostro Babbo Natale.
Un racconto malinconico che merita di essere letto!
Avrei voluto approfondire di più ma la mia copia è sparita nella libreria che ho lasciato dai miei e online non sono riuscito a trovarlo.

10 commenti:

  1. Vedere Superman in versione Babbo Natale mi ricorda SuperPippo in versione Babbo Natale XD.
    Comunque sono d'accordo, che non si possa usare la parola Natale è veramente una cosa triste...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine sono due personaggi simili, come Paperinik è un misto tra Diabolik e Batman 😁
      Triste e patetica!

      Elimina
  2. ahha Batman che bullizza Super-Santa è spettacolare! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! 😂
      Comunque ho fatto una gaffe, le immagini non sono della storia che ho descritto, lì Superman aveva i capelli bianchi e col tempo assumeva l'aspetto di Babbo Natale, compresa la barba.
      Non si trova un cazzo in rete... il 25 cerco il fumetto dai miei e aggiorno con delle foto mie!

      Elimina
  3. Che poi mi sembra di aver letto una dichiarazione di qualche Imam presente in Italia che diceva che a loro non da minimamente fastidio il Natale e le altre cose natalizie, certe cose ce le siamo messe in testa noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non è il primo che lo dice. Esatto, è la solita pippa mentale dei buonisti e perbenisti!

      Elimina
  4. Ma non è che magari fanno questi titoli generici perché così sono meno vincolati a scrivere (o inserire) storie troppo attinenti? Cioè, se scrivono "holiday" anzichè "Christmas" magari ci possono fare anche storie di Capodanno. E se scrivono Winter ci possono fare storie di Superman che va a sciare a gennaio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima osservazione ma potrebbe valere solo nell'ultimo caso, per quanto riguarda il passaggio da Christmas a Holiday invece è una cosa risaputa, fu proprio per la religione.

      Elimina
  5. Purtroppo in America il problema del politically correct è molto sentito e risolto con molta stupidità in america.

    C'è un elemento che urta la sensibilità di una massa di persone? Semplicemente si elimina senza analizzare e contestualizzare il personaggio/cosa/festa ecc. Ultimamente ne sta facendo le spese il nostro Cristoforo Colombo reo di offendere i nativi americani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su ogni singola parola. Mi lamento della situazione italiana ma gli americani stanno messi molto peggio!

      Ma poi che c'entra Colombo? I danni li hanno fatti i conquistadores e gli inglesi. Bah!

      Elimina