giovedì 13 dicembre 2018

I Giochi di Sapientino: "Attenzione!" (Clementoni)

Non è un segreto che da bambino fossi un piccolo stronzetto viziato, tanto che un Natale di tanti anni fa, probabilmente nell'89, i miei zii, fratello di mamma e moglie, quando mi regalarono un Sapientino della Clementoni e mi chiesero se mi piacesse, risposi con un secco "no!".
Non era un giocattolo accattivante (eppure impazzivo per il Grillo Parlante - che cazzo vi siete persi, maledetti giovinastri!) e ho detto ciò che pensavo ma du' schiaffi, no? Eppure ne ho presi tanti da mia madre...
Ricordo che ero sul divano all'entrata di casa dei nonni materni e ho un'immagine sfocata della delusione nei volti dei miei zii ma potrebbe essere un comune ricordo modificato dalla mia psiche per il senso di colpa che mi perseguita da circa 30 anni. Mi pare di ricordare anche
una giustificazione da uno di loro verso i miei genitori, un "pensavamo potesse piacergli" ma ripeto, il ricordo è probabilmente modificato (e lo dico raramente perché la mia memoria non sbaglia quasi mai).

Nonostante l'insoddisfazione, ho iniziato a giocarci per tutto il giorno, fino a che poco a poco ha iniziato a piacermi. Ho continuato a usarlo per molti mesi a seguire e oggi lo considero uno dei migliori regali ricevuti nella mia infanzia.

Attenzione!, come molti Sapientino aveva i due aghi elettrici che emettevano due suoni diversi a seconda se avessi fatto bene o male.
Cerano varie situazioni, ognuna rappresentava da una scheda con disegno e tu dovevi rispondere se il protagonista stesse facendo la cosa giusta o quella sbagliata, una specie di quiz per la patente ma io lo vedevo come un libro illustrato interattivo.
La mia scheda preferita, che ho consumato, ovviamente era quella con un bambino che si sporgeva dal finestrino di un treno (ho mai detto quando adori i treni?) con un palo in dirittura di arrivo (ahhh i finestrini che si aprivano...), una bella scena splatter se fosse stata un'animazione!

16 commenti:

  1. ahhaha ma poveri zii :D.
    Beh, eri stato sincero. Comunque non era un brutto regalo e infatti con il tempo l'hai rivalutato..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che a Natale farò leggere loro questo post 😆
      I bambini sono sinceri ma in certe situazioni andrebbero rimproverati!
      Un bel regalo ma forse troppo educativo per uno che ha appena iniziato le vacanze natalizie 😁

      Elimina
  2. Sapientino!!! Ricordo lo slogan con CLEM CLEM.. :D E comunque il Grillo Parlante era una figata, ora alle fiere vogliono dai 30 euro in su per uno funzionante, mortacci loro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ricordo lo slogan e ce l'ho avuto in testa per tutto il tempo in cui ho scritto il post 😝
      Il Grillo Parlante ce l'ho ancora e dovrebbe anche funzionare, almeno credo perché non viene acceso da circa 25 anni. Speriamo perché lo farò usare ad un eventuale figlio, al posto dello smartphone! 😡
      Comunque quanto era bello farlo incazzare sbagliando apposta? 😂

      Elimina
  3. Solo da piccolissimo accettavo questi oggetti come regali: appena ho conosciuto i Lego (1982) e poi i Masters (1983) ogni regalo doveva corrispondere solo a queste due marche! :-D (al massimo accettavo Playmobil, ma dietro liberatoria!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare io neanche da piccolissimo li accettavo 😆
      Dietro liberatoria è stupendo! 😁
      I giochi educativi o quelli da tavolo tipo Memory perdono miseramente coi giocattoli che hai citato, tanto che te li aspetti giusto dalla prozia che vedi una volta ogni 4 anni o dal compagno di classe che probabilmente lo ha riciclato.

      Elimina
  4. Ma nooo, hai distrutto gli zii XD
    Almeno dopo ti è piaciuto ahahahahah
    Anch'io avevo il Sapientino, quello con la penna parlante se non erro! ma pure mia cugina (nata nel 2004 o nel 2006, non ricordo bene) ha sfondato un Sapientino XD non passano mai di moda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lasciamo perdere... se avessi la macchina del tempo mi prenderei a ceffoni!
      Il Sapientino ha avuto lunga vita anche se ora con 'sti cazzo di smartphone per me è morto, infatti la Clementoni si è messa a fare smartphone e tablet giocattolo 😓
      Del tuo ricordo bene la pubblicità, anche se ero grande la trovavo una bella trovata.
      Tua cugina è una vandala 😆

      Elimina
  5. Volevo anch'io almeno qualcosa di Sapientino, ma non ho avuto mai niente...e in verità meglio così, perché mi capitò una volta qualcosa per le mani e non mi fece nessun effetto positivo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso tu sia uno dei pochi che lo desiderasse 😁
      Come scritto nel post, dopo un po' ci si abituava e non si riusciva a farne a meno.
      Però se a te non ti è piaciuto neanche quando lo hai provato dagli amici, allora non era proprio un gioco per te 😁

      Elimina
  6. Ahahahahah i giochi Sapientino, me li ero scordati giuro anche se li avevo quasi tutti, li adoravo! Sapientino più, Grillo parlante (sfasciato dopo 15 minuti), belli belli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il solito teppista! Il Grillo io ce l'ho anfore intatto!
      Comunque non ci abbiamo giocato molto insieme perché non me li ricordo più di tanto da te... insieme giocavamo ad altro 👍🏻

      Elimina
  7. Visto che alla fine il gioco ti ha preso penso che i tuoi zii si siano ripresi dalla delusione. I bambini sono molto scostanti con i giudizi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 2018 21:47
      Spero proprio che sia andata così! O almeno che i miei genitori abbiano riferito loro quanto ci abbia giocato nei mesi a venire 😉
      I bambini sanno essere dei perfetti piccoli bastardi!

      Elimina
  8. Devo aver avuto anche io qualcosa del genere, forse uno sula geografia, boh... comunque ho deciso che lo regalerò a qualche mio nipote sperando che mi dica che non gli piace! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho provati pochi ma riguardando le confezioni secondo me questo era il migliore.
      Ahahah sai che non è male come idea? Farò anche io uno scherzo simile ma poi dopo tirerò fuori il vero regalo 😄

      Elimina