Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

mercoledì 26 gennaio 2022

Resident Evil: Damnation (2012)

L’agente speciale degli Stati Uniti Leon S. Kennedy decide di recarsi in un piccolo paese dell'est europeo per verificare delle voci che danno per certo l'impiego di ami bio-organiche (BOW) in una guerra civile in atto. Subito dopo il suo arrivo, il governo USA gli ordina di lasciare immediatamente la zona. Deciso a scoprire la verità, Leon ignora l'ordine ed entra nel campo di battaglia, in cerca di prove, per porre fine alla catena di tragedie causate dalle BOW.

È il secondo film in CGI dedicato alla saga, prodotto da Capcom e Sony Pictures Entertainment Japan uscito in versione digitale su PlayStation Network e Xbox Live il 15 settembre 2012, in DVD e Blu-ray Disc il 25 settembre 2012 (il 3 ottobre in Italia), mentre verrà proiettato al cinema a Shinjuku dal 27 ottobre, diretto da Makoto Kamiya e prodotto da Hiroyuki Kobayashi.
Questo film precede gli eventi del sesto (e dimenticabile) capitolo della saga videoludica.

Ne avevo già parlato a suo tempo, in pratica a pochi giorni dall'uscita in italiano ma è un vecchio post che non ho manco riletto. Lo trovate qui.

Come ho ribadito in passato, Resident Evil è diventato troppo politico, con un cenno ai sostenitori della cospirazione che qui hanno la conferma delle loro tesi. Stavolta si lascia da parte il lato cospirazionista e ci si concentra più su quello politico e delle guerre batteriologiche, dove il protagonista ci si trova invischiato nel bel mezzo. Quindi non stanno facendo solo esperimenti per poi indirizzare il prodotto ai governi, qui sono già in commercio.

Come per il precedente film, anche questo può essere diviso in due, con la prima parte più survival horror e la seconda tutta azione, con armi e bombardamenti esagerati.
Si comincia in cunicoli sotterranei, con corridoi stretti in cui non si sa cosa possa capitare dopo il prossimo angolo, che ricordano tanto i primi videogiochi, comprese alcune inquadrature che quasi quasi sembra di comandare il personaggio.
Presto però si va verso una via di mezzo, come quella vista nel quarto capitolo del videogioco, che ha tanta più azione ma anche tanti momenti di paura. Ed ecco che arrivano "zombie" che parlano e usano armi (bianche), che non esclamano "cabron" o "matar" (non mi ricordo di preciso) ma roba più simile ai vecchi film trash in cui pronunciavano "cervellooo", anche se qui si limitano al "prendiamolo", se non ricordo male (non ho annotato). Tornano lenti e goffi ma hanno quelle teste mostruose che si trasformano in modo più simile a Silent Hill che ad un'arma bio-organica.
Alla fine diventa, di nuovo, una esagerata battaglia contro il mostruoso "boss finale", troppo esagerata e che sfinisce più lo spettatore che i personaggi che ci combattono contro. Se devo paragonarle, non mi piacciono entrambe ma decisamente meglio quella di Degeneration. Idem per il lato drammatico dell'antagonista, anche se sono scontati li ho apprezzati entrambi ma leggermente migliore quello del 2008.

Non mancano gli omaggi anche stavolta. Qui abbiamo un bel licker che cammina sul soffitto e fa gocciolare la bava. Leon deve vivere di molti deja vu!
Stessa cosa vale per le musiche, con quelle note suonate al pianoforte, proprio come quelle dei videogiochi.
Ottimo il doppiaggio e la scelta delle voci, senza quelle di Friends. Quella di Leon azzeccata ma anche tutte quelle degli altri personaggi.
Peccato solo per Ada (gran e gradito ritorno) che viene pronunciata come si scrive e non "eida". A 'sto punto chiamiamolo "léon" anziché "lion", no? E invece lui è pronunciato bene.


A distanza di 9 anni e mezzo mi ritengo soddisfatto come la prima volta, si poteva fare di più, dando più spazio alla paura a meno all'azione ma va bene anche così, sempre meglio dei film con la Jovovich e dei capitoli 5 e 6 del videogioco. La trama coinvolge e si arriva piacevolmente alla fine.
★★★★/5
 

Alla prossima, col terzo film!


Per leggere tutti i post legati a questa saga o temi analoghi, non ignorate le etichette qui in basso ↓

8 commenti:

  1. Denis: in Resident Evil 6 gli zombie si chiamano J'Avo e la copertina del gioco è pure subliminale il 6 e fatto da una tipa che fa un servizietto a un tipo.
    Concordo meglio questi film in cgi che i film con Milla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Java script 😝
      Non ho capito, la tipa ha ottenuto il lavoro a suon di pomp-- di favori?
      A me gli "zombie" non sono più piaciuti dal 4. Per fortuna ci sono stati i remake. E pensare che ora dovrebbero fare un remake del 4 in VR. Dato che è un titolo frenetico e che la VR causa nausea anche solo muovendosi lentamente, mi chiedo il mal di mare che provocherà questo rifacimento in cui bisogna correre di continuo per scappare dai nemici, nascondersi, barricarsi nelle case in fretta e aspettare che questi irrompano da qualsiasi buco...
      Se ti interessa, la prossima settimana dovrei trattare il terzo film e poi la miniserie Netflix 😉

      Elimina
    2. Denis: no, proprio l'immagine del numero 6 della copertina è un'immagine subliminale.

      Elimina
    3. Ahahah oddio, non ci avevo mai fatto caso. Roba da test di Rorschach. Lui però ha la testa da giraffa 😆

      Elimina
  2. cos'è un liker che cammina sul soffitto e gocciola bava?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scritto male, sarebbe Licker, il "leccatore", perché questa arma bio-organica, apparsa per la prima volta nel secondo capitolo del videogioco, viene chiamata così per la lingua lunghissima che può tagliare in due un corpo umano o un arto. Nella prima apparizione all'interno del distretto di polizia di Raccoon, i protagonisti fanno la sua conoscenza mentre vedono gocciolare dal soffitto, guardano in alto e c'è lui/esso appeso che fa cadere gocce di saliva.

      Un liker invece suppongo sia uno che mette tanti mi piace sui social network 🤣

      Elimina
  3. a me questa trilogia è piaciuta molto e ho amato in particolare questo film^^
    da mostrare a chi vuole una continuazione vera della saga videoludica al cinema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il terzo non mi ricordo se l'ho visto ma tanto in settimana è in programma e avrò la conferma. Poi la miniserie uscita di recente.
      Esatto, questi film in CGI bastano e avanzano per i più appassionati. I film con la Jovovich non sono Resident Evil, il nuovo film lo guarderò ma con basse aspettative, idem per la serie TV con attori in carne e ossa.

      Elimina