Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

martedì 28 dicembre 2021

Torno Per Natale (stagione unica)


Serie originale Netflix del 2020
Dopo un'audizione deludente, Bastian torna nella città natale di Eifel per le vacanze. Lì, una rivelazione scioccante causa un alterco con il fratello.

Miniserie tedesca di soli 3 episodi per un totale di 141 minuti che la rendono più un lungo film. Infatti di serie televisiva non ha nulla se non che è divisa, e infatti sembra più un film per la TV.
L'avevo scaricata lo scorso anno ma non ho fatto in tempo. Quest'anno, grazie all'abbonamento, sono riuscito a guardarla tutta d'un fiato, ieri sera per l'esattezza.

I temi affrontati, in questo contesto natalizio, sono più di uno.
Partendo dal protagonista ultratrentenne non ancora realizzato, un Siani tedesco, e che lavora in un call center di Berlino, che ha un fratello minore (credo) medico pediatra, e nonostante ciò non vede l'ora di tornare a casa per le vacanze. Si aggiunge la delusione amorosa che non riesce a superare ma rappresentata in modo esilarante!
La mamma apprensiva e il papà burbero arricchiscono il cast, soprattutto quando danno di matto.
E poi ci sono gli amici di vecchia data, ognuno con una storia molto interessante, coi quali si riunisce ogni sera nell'unico pub del paesino (il 23, il 24 e anche il 25), a bere birra come se non ci fosse un domani! Mi ricorda qualcuno, paesino a parte, che ora sta ticchettando sulla tastiera al di là del monitor.
La cosa più importante è il lato sentimentale da commedia divertente, quindi alleggerito e digeribile anche da uno come me che non lo sopporta! Dico solo che è molto scopereccio!
Solo una cosa mi ha fatto storcere un po' il naso, una situazione che sarebbe dovuta venire fuori poco a poco ma che invece è evidente fin dall'inizio, almeno allo spettatore, perché il solo a non arrivarci è il protagonista. Magari era voluta ma avrebbero potuto gestirla meglio.
Questi ultimi due aspetti mi hanno ricordato molto un film americano che adoro, con un ricco cast e che riguardo ogni anno, con l'unica differenza è che in questa serie non c'è una famiglia numerosa. Lo copro perché se avete visto uno e non l'altro, potrebbe essere uno spoiler:

Il marchio tedesco è evidente. Secondo me non sono granché nella cinematografia, nonostante cerchino di scopiazzare le commedie statunitensi.
Oltre ai luoghi, ai nomi, alla fisionomia degli attori, ad essere evidenti sono le usanze che finora non mi erano mai capitate, come ad esempio andare a messa alle 15 della Vigilia.



Non ci si trova certamente dinnanzi un prodotto che verrà ricordato ma il "nataliziometro" è alto, soprattutto per il luogo freddo, dove non nevica a causa del surriscaldamento ma qualche fiocco non manca. O la ricerca dell'albero, che come in molte altre pellicole si fa all'ultimo (per via delle tempistiche di sceneggiatura) ma si esce con la motosega!
Oltra ad una trama intrigante che ti aiuta a proseguire di minuto in minuto, di episodio in episodio, ci sono i momenti divertenti che strappano più di una risata, che mi hanno fatto rimanere davanti il televisore nonostante le pause pallose in cui Bastian (contrario, no, scherzo) canta. Odio quando cantano, che si tratti di musical o di un aspirante cantante.

Da guardare almeno una volta se apprezzate le qualità che ho elencato, non tutte, anche una minima parte.
🎅🎅🎅🎅/5
Per l'esattezza è un 3.75 o un 4-, come per Dash & Lily.


E se apprezzi le serie TV natalizie, non perdere:


2 commenti:

  1. Mi hai incuriosita🙂 messo nella lista da vedere 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava. Delle tre serie di quest'anno è quella che potrebbe piacerti di più. Ma meritano tutte e tre 😉

      Elimina