Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

lunedì 5 dicembre 2022

Videogiochi in arrivo: indie bidimensionali, metroidvania e pixel art; realtà virtuale; horror; platform


Per decidere gli acquisti non leggo recensioni da anni. Non ne perdevo una quando c'erano le riviste cartacee, anche dei giochi che non mi interessavano e non avrei mai avviato neanche se me li avessero regalati o prestati. Al tramonto delle riviste ho iniziato a leggere quelle online, più per avarizia, avendole gratuite.
Col tempo ho smesso di leggere anche quelle. Qualche volta mi affido ai consigli degli amici ma principalmente mi bastano i trailer di lancio (seguo solo il canale YouTube ufficiale della PlayStation). Neanche i gameplay o le videorecensioni che tanto vanno su YouTube, con quei pochi secondi che superano a malapena il minuto riesco a capire se il titolo possa fare per me e anche se mi piacerà. 9 volte su 10 (anche di più ma voglio contenermi) ci azzecco. C'è da dire anche che pagandoli poco (in offerta o dopo qualche anno dall'uscita), mi accontento di poco, deve fare proprio schifo per farmi ammettere che ho sbagliato.
In questa rubrica raccolgo tutti gli ultimi trailer visti di titoli che hanno catturato la mia attenzione e decido se inserirli nella mia lista della spesa o meno.


The Darkest Tales è un indie bidimensionale a scorrimento laterale con un orsetto come protagonista. Ricorda Ghouls 'n Ghost alla lontana. Dritto in lista anche se ha un po' troppa azione per i miei gusti.
Disponibile.


Return to Monkey Island è il remake del secondo capitolo della famosa saga ma con 'sto design demmerda per me può restare là. Se mi viene voglia preferisco l'originale.
È uscito l'8 novembre.


The Dark Pictures: Switchback VR è simile a Rush of Blood (che ancora devo giocare ma che ho comprato da un po'), uno sparatutto su binari, solo che questo è per VR2 e legato alla saga Dark Picture, mentre l'altro era uno spin off di Until Dawn. Lo prenderò sicuramente... tra 5 o 6 anni.
Esce il 22 febbraio.


Hello Neighbor VR: Search and Rescue (sia per PS VR che per PS VR2) è un innovativo gioco horror di enigmi in VR in cui dovrai entrare nella casa del tuo inquietante vicino per salvare una persona a te cara.
Lo metto tra i forse, mi piace l'idea ma temo possa essere troppo snervante.


Non ci ho capito molto ma è riuscito ad attirare la mia attenzione. Peccato la prima persona.
Esce il 21 febbraio.


Level Zero è un multiplayer online in cui puoi prendere comando di uno degli scienziati o in quelli del mostro. Non mi piace il genere però il trailer è bello da vedere, per l'ambientazione fantascientifica horror.


Ghost Song è un metroidvania indie. Non sono un amante del genere ma con questa grafica potrei dargli una possibilità.
Disponibile.


Aeterna Noctis - Physical è un altro metroidvania, con grafica ancora più bella del precedente e molto più frenetico. Ripeto, non mi fa impazzire il genere ma questo potrei prenderlo non appena venisse scontato (ora sta a 30 euro).
Lo metto in lista!
Disponibile.


River City Girls 2 è un picchiaduro a scorrimento laterale in pixel art che ricorda Double Dragon. Potrei prenderlo solo per questo motivo e per giocarlo con mia moglie, dato che rigiochiamo spesso ai vecchi DD.
In arrivo presto.


Endling - Extinction is Forever è un bidimensionale a scorrimento laterale che mi ha ricordato il bellissimo Season After Fall, anche se il trailer è piuttosto palloso.
Lo metto in forse perché sembra una lagna.
È uscito il 3 novembre.


Project: The Perceiver è un titolo cinese open world e sembra un po' Tenchu e un po' Dinasy Wariors.
Lo metto tra i forse perché voglio valutarlo meglio. Mi piace che si possa camminare sui tetti ma fosse stato stealth lo avrei preferito, invece è azione a tutti gli effetti.


Heidelberg 1693 è un metroidvania in pixel art.
Graficamente mi attira tanto ma vorrei provarlo prima di decidere, mi preoccupa molto la giocabilità.
Disponibile.


The Devil In Me è il quarto capitolo della saga The Dark Pictures Anthology (io ancora devo giocare al primo, che mi era stato anche dato su Plus l'estate scorsa) e chiude la prima stagione.
Disponibile.


Joe Wander è un platform tridimensionale con un archeologo come protagonista, un Indiana Jones buffo.
Devo aggiungere altro? Dritto nella lista!
Esce il 3 febbraio.


Anche per stavolta è tutto, appuntamento alla prossima carrellata di trailer!

4 commenti:

  1. attenzione: Return to monkey island non è il remake di Monkey island 2 ma un nuovo gioco della serie. Il remake di Monkey island 2, con la stessa grafica diquesto, è già uscito da un po'. Poco tempo fa era in regalo nell'epic Store, l'ho preso, l'ho iniziato, l'ho disinstallato e ho iniziato l'originale sul tablet tramite SCUMMVM.
    Ormai i metroidvania vengono un euro al chilo, ne escono in continuazione, io li adoro ma come si fa a stargli dietro?
    Il primo River City Girls non era niente male per me che sono un amante dei picchiaduro a scorrimento, interessante questo seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so, l'ho fatto per vedere se eravate attenti... 😅
      La versione sincera: sapevo di stare sbagliando ma confidavo nella correzione di qualcuno, non ho avuto tempo di informarmi perché dovevo uscire, ho pubblicato anche senza copertina (che ho fatto la sera).
      Sapevo solo del remake del primo ma non ho mai approfondito e penso che manco lo farò, soprattutto per la grafica.
      È vero che ne escono tanti di metroidvania ma almeno sono giochi da poche ore, non gli open world del cazzo da un centinaio di ore. Non essendo uno dei miei generi preferiti, faccio una stretta selezione e per mia fortuna non ne ho molti da recuperare.
      River City Girls sullo Store PS sta a 18 euro, scontato del 40%, perché altrimenti costa 30... per ora può restare là, non ci spenderei mai più di 3 euro.

      Elimina
  2. Tutti quelli in prima persona a me, gli altri lascio a te. Ma quelli in VR solo VR o anche senza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, OK, ci sto!
      Sì, quei due sono fatti apposta per la VR ma se ti interessa quello del vicino inquietante mi pare siano usciti altri capitoli senza visore. Se ricordo bene ne esistono 2 (questo VR sarebbe il terzo) e sono disponibili anche su cellulare o su Steam (mi pare che tu lo usi).

      Elimina