giovedì 6 settembre 2018

Manina appiccicosa delle patatine


Uno dei giochi più semplici ma allo stesso tempo più divertenti per ogni bambino degli anni 80, 90 e pure 2000! Per quelli di oggi non lo so, dato che a 2 anni già hanno in mano lo smartphone dei genitori.
Non era venduto separatamente ma lo si poteva avere solo come sorpresa delle
patatine.
Temuto dalle mamme per i vetri puliti e dagli insegnanti perché ci agitava troppo.
Se l'appiccicume svaniva per via della polvere, bastava lavarla col detersivo per i piatti e tornava quasi come nuova! E quando non c'era più nulla da fare, ti fiondavi al primo bar e con 1.000 lire prendevi un nuovo pacchetto di patatine.
Purtroppo in rete non ho trovato un pacchetto di fine anni 80/primi 90
Il ricordo più bello che ne ho è quello della mia aula delle elementari che aveva il soffitto pieno di queste manine appiccicose, finite li per sbaglio o apposta per decorare o per fare un dispetto a un compagno (ero un bullo ma questo non lo facevo, rispettavo i giocattoli di tutti e non facevo a quelli degli altri ciò che non volevo fosse fatto ai miei). Essendo troppo alto, non c'era più nulla da fare, rimanevano lì sopra fino alla fine dell'anno, quando il bidello si decideva di prendere una scala e ripulire.

Molto probabilmente gli amici blogger che fanno post nostalgici, già hanno tratto questo argomento ma non da quando li seguo io. Quindi sentitevi liberi di linkarmi il vostro post nei commenti!

26 commenti:

  1. Questa sì che è una bella giornata.
    La manina appiccicosaaaa!! 😍😍😍
    La ricordo benissimo, e ne avevo diverse.
    Però, non ho mai pensato a lavarle. Quando non attaccavano più ne prendevo delle nuove.
    Comunque evviva.
    Un commento con cognizione di causa.
    È sempre un'emozione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai! Un post dove non passi solo per scrivere cazzate. Ovviamente scherzo ma mi fa piacere di aver trattato qualcosa che ricordi.
      La faccenda del lavarle non so dove sia nata, sicuramente da mia madre.

      Elimina
    2. Tanto ormai si è capito che sono la cazzara del gruppo. Ahahah
      Ma mi volete bene lo stesso.. 😎
      Prova a negarlo.. Ma tanto piacere! 😜😗

      Elimina
    3. Più che altro la ciaciarona! 😄
      Dove passi, c'è casino! 😁

      Elimina
  2. RIcordo anch'io la caduta dal soffitto dell'aula delle manine appiccicose, da noi si staccavano da sole dopo mesi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora il lancio sul soffitto non era una prerogativa della mia classe! 😁
      Forte la faccenda che da te si staccasse. Forse da me era solo più resistente.

      Elimina
  3. Muzunna, ma da voi a scuola vi facevano entrare con i giochi?

    Da noi era VIETATISSIMO. Una volta a un mio compagno sequestrarono un'innocua micromachines (non di quelle piccole random, era più grande, ma ovviamente era pur sempre una micromachines). Figuriamoci queste manine!

    Le ho amate anche io e ovviamente erano superpubblicizzate su Topolino con dei fumetti che ovviamente mostravano usi improbabili, visto che 'sti acchiappatutto non acchiappavano un caz :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giocattoli li dovevamo nascondere nello zaino, mentre per le sorprese delle patatine o degli ovetti, non ci dicevano nulla.
      Solo una volta, portando un giocattolo puzzolente (era una linea che faceva roba di mondezzai, con pasta/pongo puzzolente) mi venne preso dalla maestra, su spia di un mio compagno (nonché mio migliore amico, nonché bullo) e lanciato fuori dalla finestra.
      Se oggi lo facessero a mio figlio, la maestra finiribbe male (ed era una che mi adorava).

      Nelle pubblicità del topo non le ricordo, ricordo solo un set da spionaggio in cui al posto della manina, ti daano una zampa da anatra che era la stessa identica cosa. Quando è capitata nel settimanale, l'ho riposta in un cassetto. Anni dopo era tutta rovinata, nonostante fosse rimasta dentro una busta di plastica.

      Elimina
  4. Ma sai (tribà africana, sempre) che forse non sono i vetri il vero problema, ma... I MURI.
    Sui muri lasciano quell'alone di sporco che non se ne va se non con l'imbianchino... cazzi da cagare punto com e sberle punto it :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ho pensato mentre scrivevo il posto, qualche flashback su un intonaco staccato ce l'ho ma non ne sono certo.
      Anche l'alone lo ricordo e quello era motivo di sbaerle!

      Elimina
  5. Ahhhh... La mitica manina! Ne avevo 2, una rossa e una verde, nostalgici o non è un argomento che ci sta!! E poi ognuno lo tratta a modo suo ... E poi bello ricordare i soffitti delle aule decorate dai ghirigori delle manine! Mitico 😎 ciao Ema, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addiritttura i colori ricordi! Io ne ho avute talmente tante che neanche li ricordo, sicuramente blu e rossa.
      Questo È un blog nostalgico, quindi chi viene se lo deve far piacere 😝

      Elimina
    2. Io nostalgica 😎

      Elimina
    3. La nostalgia a me spesso ha fatto male, portandomi quasi alla depressione ma da quando la tratto regolarmente nel blog, da poco più di un anno, ho iniziato a prenderla nel modo giusto e ogni post è per me terapeutico!

      Elimina
  6. C'era anche il piede.
    Io ricordo che spesso avevo il vizio di masticarla. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piede ammetto di non ricordarlo. Avevo la zampa di Paperino però.
      Ma eri un animale! 😄
      A me faceva abbastanza senso per poterla mettere in bocca.

      Elimina
    2. Feci anche di peggio...
      Dal nervosismo ero capace anche di mordicchiare e mangiarmi a pezzetti il cinturino dello Swatch. :-P

      Elimina
    3. Quello è capitato anche a me, lo ammetto, un po' come per le penne e le me matite, anche se non ero un rosicchiatore cronico.

      Elimina
  7. Mi hai fatto tornare indietro di 12/13 anni ahahah ci giocavo anch'io, solo che la prima volta che cadevano per terra si riempivano di sporcizia (ci giocavo all'aperto come un pirla, colpa mia) e non si attaccavano più da nessuna parte XD ne avrò perse 2 o 3 in posti impensabili ahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo di accontentare anche un giovinastro come te!
      Qualche volta è capitato anche a me di usarla all'aperto... grossa cazzata! La soluzione del detersivo non serviva a nulla con la sporcizia della strada.

      Elimina
  8. Compravo le patatine solo per la Manina appiccicosa, neanche mi andavano, ma dovevo giocare con quella maledetta manina!
    Ottima anche per controllare il livello di sporcizia grazie al fantastico colore nero che assumeva dopo poco XD
    Con 2 o 3 lanci incominciava a nutrirsi di germi, polvere, resti di dinosauri, peste ecc...gran bel gioco però

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me le patatine interessavano poco, anche perché in queste con le sorprese ne mettevano due.
      Era capace di sporcarsi anche sulle superfici più pulite! 😆

      Elimina
  9. In tutta sincerità la odiavo, tutte quelle cose appiccicose e sporche di quegli anni proprio bleh :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eri un bambino che si schifava facilmente 😝

      Elimina
  10. Ahahah l’inferno abbiamo creato!

    RispondiElimina