Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

lunedì 24 settembre 2018

Chiude la Telltale Games

Altro lunedì videogiochi con un post che per me è un rammarico, dopo aver appreso che il mio sito preferito ha chiuso, ho appena appreso che anche una software house che stimavo, ha fatto la stessa fine.

La Telltales Games si occupava di avventure grafiche, le eredi del classico punta e clicca, in cui si puntava col cursore sull'oggetto (per cercare indizi) o sul punto in cui si voleva mandare il proprio personaggio. Invece per queste moderne si controlla direttamente il personaggio, facendolo interagire con persone o oggetti, semplicemente avvicinandosi.

Questa casa, creata nel 2004 da alcuni sviluppatori della Lucas Arts (un marchio di garanzia per le avventure grafiche), vanta titoli popolari come CSI: Crime Scene Investigation, Jurassic Park, Back to the Future, The Waling Dead (che ha dato loro il successo), Life Is StrangeTales from the BorderlandsGames of ThronesThe Wolf Among Us. Senza dimenticare le collaborazioni con DC e Marvel, occupandosi di
Batman e Guardiani della Galassia.
Fonte: everyeye.it
Il motivo della crisi è forse dovuto alla mole di lavoro, come dicono su EveryEye.it, una piccola realtà che probabilmente ha strafatto assumendosi un tale impegno che non è riuscita a gestire, finendo col trascurare la qualità, soprattutto a discapito delle sceneggiature che hanno subito un calo. Complici anche gli scarsi incassi e altri aspetti che fa notare il succitato sito, si è giunti a questo danno che ha portato alla chiusura.

PER QUANTO MI RIGUARDA
Ammetto di non aver mai finito un loro gioco, anzi, ne ho provato solo due non superando neanche il primo capitolo. Nel 2014 ho iniziato TWD, abbandonato/rimandato a causa della mancanza di doppiaggio italiano, con i "cari" e vecchi sottotitoli che procedevano ad una velocità a cui manco Superman riuscirebbe a stare dietro (con l'aggiunta di averlo iniziato accanto alla mia ragazza che, in quanto donna, non riusciva a stare zitta tanto da portarmi a lanciare il controller per la disperazione), però giuro che prima o poi lo avrei ripreso. Poco tempo dopo ho provato The Wolf Among Us, ancora non tradotto, quindi in inglese con sottotitoli in inglese, rimandato in attesa del rilascio della versione tradotta, dato che mi era piaciuto molto per il forte lato investigativo classico (col detective che va in giro a fare domande in una realtà urbana statunitense).
Oltre questi due titoli, ho nella mia lunghissima lista d'attesa Life Is Strange e Back To The Future (Ritorno Al Futuro), quindi rinnovo il mio grosso rammarico per questa chiusura (per le centinaia di dipendenti licenziati, se mi conoscete un po', sapete che non me ne fotte un cazzo, è la vita lavorativa!).

22 commenti:

  1. Ma non sarai tu che porti un po' iella?
    Tutte le cose che ti piacciono chiudono..
    Il mio blog ti fa schifo.
    Il mio blog ti fa schifo.
    Ripeti con me. 😂😂😂😂😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci avevo pensato ma non credo, ci sono tante altre cose che mi piacciono e vanno alla grande. Anche se i fummetti della DC sono stato costretto ad abbandonarli dal 2011 al 2016 perché erano diventati una merda 😝

      Elimina
  2. Sorrido perché apprendo ora non solo della loro chiusura, ma anche del fatto che esistessero :D. Però non faccio testo, nel senso che in quell'epoca il mio essere videogiocatore era circoscritto a Fifa (2004 e 2005) e Pes (i tre anni successivi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era tra le più conosciute anche per chi bazzica occasionalmente i videogiochi, figurati che io l'ho conosciuta proprio con TWD intorno al 2013.

      Elimina
  3. Conoscevo di fama qualche titolo di questa compagnia, si parlava della sua chiusura giusto sabato sera all'evento dove sono stato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti aveva puntato su titoli di richiamo che giungevano all'occhio e all'orecchio anche di chi non è un giocatore abituale.
      Stavolta parlo di una chiusura recente, non sono arrivato con oltre un anno di ritardo 😆

      Elimina
  4. Stavo pensando di buttare giù un post quando ho appreso della notizia. Vedo se il tempo è compatibile con la mia intenzione.
    Telltale Games ha avuto qualche merito in questa industria ed è un peccato che sia andata in bancarotta, a prescindere dai "gusti" di ognuno.
    Non mi dispiaceva lo stile e le meccaniche di raccontarti una storia. NE ho giocati e terminati diversi e ne ho ancora alcuni da iniziare (spero di poterli scaricare ancora da Steam e da PSN). Dei tre che ho terminato:
    The Wolf Among Us è stupendo ed è il migliore di quelli che ho finito. Guardiani della Galassia riprende perfettamente lo spirito caciarone di quella banda di sbandati e disadattati galattici. Batman è bel fumettone interattivo.

    C'è un errore: hai citato Life is Strange. Non è di Telltale Games, ma dei francesi Dontnod Entertainment (gli stessi di Remember Me che ho recensito un po' di tempo fa. Hanno fatto due giochi in tutto, infatti). Come dicono a Roma "Puoi magna' tranquillo" in questo caso.
    Back to the Future è di Telltale ma appartiene a un design e meccaniche più vicine all'adventure old-style. E' molto diverso da TWD e dai titoli che lo hanno seguito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se deciderai di scriverlo, lo leggerò volentieri!
      Se non ci fosse stato quel problema dei sottotitoli a razzo, magari ne avrei finito qualcuno anche io ma riprenderò comunque appena possibile.
      Mi fa piacere di The Wolf Among Us, perché è uno di quelli a cui vorrei giocare prima, mettendo anche da parte TWD.
      Quelli dei supereroi invece stanno in fondo alla lista.

      Ops! Vado a correggere subito l'errore. Sbaglio o anche questo era uscito a puntate? È quello che mi ha fatto sbagliare. E poi perché scrivo gli articoli affidandomi troppo alla memoria 😝

      Elimina
  5. Sì è stato pubblicato prima a episodi e, alla fine, dopo che hanno superato ampiamente il break-even point, l'edizione limitata su supporto fisico. La pubblicazione a episodi non è stata "inventata" da Telltale Games ma è stata questa società a dimostrarne l'efficacia con l'avvento della distribuzione digitale. La distribuzione a episodi è ormai uno standard.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno ricordavo bene!
      A me non piace il rilascio a episodi perché in italiano li ho trovati solo a stagione conclusa, prima solo in inglese (magari è un problema mio che li ho recuperati per vie piratesche).
      Ignoro completamente il pioniere di questo metodo.

      Elimina
  6. Peccato, anche se poi in verità solo a Tales of Monkey Island ho giocato, vorrei recuperare Tales from the Borderlands ed ora che ho saputo Guardians of the Galaxy: The Telltale Series anche quest'ultimo ;)
    Comunque nel nome hai messo una "e" in più e Life is Strange non c'entra (per fortuna) niente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco di Tales of Monkey Island non ne sapevo nulla e finisce dritto nella lista!
      Bordrlands non l'ho mai seguito, intendo il gioco principale, quindi non mi ha mai detto nulla questo Tales from.
      Come dicevo a RedBavon, quelli sui supereroi sono gli ultimi della lista, quindi non penso li recupererò mai.
      Hai ragione sul titolo, ho corretto subito appena me lo hai fatto notare. Mi era uscito alla napoletana, "non conosci la télletèils, uaglio'?"
      Life Is Strange l'ho lasciato barrato perché è un altro errore che mi ha fatto notare sempre RedBavon (leggi proprio i commenti prima del tuo), per non far sembrare scemi quelli chi me lo fa notare, ho preferito lasciarlo 😉

      Elimina
  7. È una gran brutta notizia. Io speravo prima o poi in un loro ritorno su Monkey Island (anche se il punta e clicca classico non era più nel loro stile). Hanno prodotto ottimi titoli nel corso del tempo ma probabilmente si sono troppo accaniti nella produzione di titoli su licenze popolari ma costose che alla fine non hanno premiato come incassi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena appreso da Pietro che esiste un loro capitolo dedicato all'Isola Scimmia, almeno per questa serie possiamo accontentarci, anche se come dici, non è più un punta e clicca (cosa che a me ha un po' allontanato dalle avventure grafiche, vedi da Broken Sword 3 in poi).
      Il costo delle licenze non è un elemento da sottovalutare, hai ragione!

      Elimina
  8. Cazzarola, chiude la casa di Life is strange...
    Stranissimo, credevo andasse forte! :o

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che Life Is Strange lo devo cancellare del tutto! È stato un mio errore, corretto da RedBavon (e suggerito anche da Pietro), l'ho lasciato barrato per coerenza ma mi sa che era meglio toglierlo.
      Comunque, come mi dice il buon bavone, la casa di Life Is Strange ha fatto solo due giochi, questo e Remember Me, quindi non posso sapere quanto andasse forte.

      Elimina
  9. Mai piaciuti i giochi che hanno finali differenti in base alle scelte del giocatore, sto giocando a Batman The Telltale Series e non è male ma penso che ci giocherò solo una volta, la maggior parte dei giochi che hanno prodotto (se non mi sbaglio quasi tutti) non hanno traduzione, sono in inglese con sottotitoli in inglese, cosa che incide moltissimo sul mercato delle nuove generazioni. Non gli auguravo di chiudere ma purtroppo devi stare al passo con i tempi sennò non ce la fai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti io li finisco solo una volta, l'ultima volta che ho visto tutti i finali è stato Silent Hill 2 ma ne è valsa davvero la pena.
      TWD è in italiano, mi pare anche The Wolf Among Us. Sono in inglese quando escono i singoli episodi, credo, nella versione retail aggiungono l'italiano.

      Elimina
  10. Non ne ho mai giocato uno, non è il mio genere ma mi domando come abbiano fatto a fallire nonostante i loro titoli andassero bene, o almeno in apparenza, ne leggevo sempre un gran bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ho idea. Leggendo l'articolo di EveryEye pare che la causa sia il calo di qualità (a livello di trama) avvenuto negli ultimi titoli.

      Elimina
  11. Life is strange è bellissimo, ma mi sa che non è loro... :-)
    The Walking dead anch'io l'ho iniziato e non finito, ma solo perché era la solita storia di Zombi e mi aveva già rotto nei primi dieci minuti.
    Mi riservo di provare ancora almeno Back to the future e The wolf Among Us, e magari anche quello di Batman. Certo, avrò bisogno di giornate di 27 ore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E 3 (a farmelo notare)! Mi sa che devo proprio cancellare quella parte che ho solo barrato. Avevo deciso di tenerla per correttezza ma forse era meglio cancellarla.
      A me gli zombie non hanno rotto, anzi, non ne sono mai sazio dato che è il mio tema horror preferito, quindi è solo un problema di sottotitoli a razzo.
      Non parliamo di mancanza di tempo che mi deprimo! Sto per prendere la PS4 poco prima dell'arrivo della 5, penso che la 5 la prenderò quandi ci sarà già la 7 😓

      Elimina