Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

giovedì 20 giugno 2019

Young Justice Vol 3 #1-6 Seven Crises (bentornato Conner Kent)

Chi mi segue su Twitter e chi segue il canale Telegram del blog, ha già avuto modo di conoscere le mie prime impressioni, numero per numero ma alla conclusione del primo story arc, ecco il mio giudizio completo!
Dopo un attacco da parte degli uomini di Lord Dark Opal, alcuni dei vecchi membri della Young Justice, che si trovano casualmente tutti a Metropolis, vengono catapultati dentro il Gem World, insieme a due nuovi personaggi, Jinny Hex, pronipote di John, e Teen Lantern. Inizia un'avventura in questo mondo, dal sapore fantasy-medievale.

Il giudizio su questo primo story arc è spaccato a metà.
Da una parte c'è l'ambientazione legata al lato magico della DC, che ho sempre mal tollerato e che di conseguenza mi ha fatto leggere a fatica tutte le parti che trattavano i vari regni, i loro sovrani, le alleanze forzate, ecc. Molto noioso nonostante l'indubbia bravura di Bendis. Ovviamente è un mio problema.
Dall'altra parte, rivedere insieme questi personaggi, alcuni scomparsi da molto tempo, scoprire cos'è accaduto loro nel frattempo, rivederli finalmente interagire ponendosi delle legittime domande, è stata un'emozione continua!
Ci sono ancora molte domande ma sono certo che le risposte arriveranno presto.
Consiglio la serie a chi ama questi personaggi, a chi ha avuto modo di apprezzarli nella Young Justice  (Vol 1) di Peter David prima e nei Giovani Titani di Geoff Johns dopo. Un gradito ritorno che poteva avvenire anche prima.

NOTE
- Bart/Impulso non è conosciuto, tanto che per farsi riconoscere, deve dire a Meggie Swayer di essere Kid Flsh. Invece i suoi ex compagni la ricordano. La cosa non viene giustificata.
- Stessa cosa per Cassie/Wonder Girl che non viene riconosciuta da molti.
- Scopriamo che fine avesse fatto Conner ma, anche per lui, non il perché sia stato dimenticato. Anzi, pare che lo avesse dimenticato solo Tim, il quale è coerente con le vicende di cui avevo parlato al suo ritorno dalla prigionia di Mr. Oz.
- La YJ dovrebbe essere il passo di formazione prima di far parte dei Giovani Titani, quindi mi fa strano questo passo indietro, con personaggi cresciuti (a parte Bart, sembrerebbe), mentre nell'altro gruppo sono quasi tutti acerbi, capitanati da un poppante (Damian).
- Si accenna a sette crisi, come nel titolo, quelle avvenute dall'85 in poi ma l'argomento per ora non viene approfondito.

Bentornati Conner, Bart, Tim e Cassie, ci eravate mancati!

4 commenti:

  1. Sette crisi tra cui sulle terre infinite?
    Comunque questo fumetto ha tutto per non farsi leggere da me^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quella è la prima 😉
      Manco le storie amorose? Pensa che Conner ha moglie e prole in questo mondo (viene risolto tutto prima della fine) e la vicenda tra Tim e Stephanie sembra uscita direttamente da Piccoli Problemi di Cuore 😍

      Elimina
  2. Non ho mai proseguito oltre il primo...
    La cosa di Bart come l'hanno spiegata? Il Bart new 52 era un altro personaggio da quel che so.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è stata ancora spiegato 😓
      Quello New 52 era Bart Torr, sempre dal futuro, dal 30° secolo.
      Invece hanno fatto i vaghi sul Superboy New 52.

      Elimina