Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

lunedì 30 marzo 2020

Samuel Stern n. 5

La Fine della Coscienza
Soggetto e sceneggiatura: Gianmarco Fumasoli e Massimiliano Filadoro
Disegni: Luca Colandrea
Copertina: di Maurizio Di Vincenzo, con Valerio Piccioni e colori di Emiliano Tanzillo
Casa: Bugs Comics
Prezzo: € 3,50
Pagine: 96
Data d'uscita: 28 marzo 2020

Quando la medicina incontra una fede mal riposta, la mente umana può vacillare e dar vita a orrori inimmaginabili. Il male trionfa quando finisce la coscienza.

Ancora una volta cambia il tema principale, seppur mantenendo le possessioni almeno sullo sfondo. Col quinto numero di Samuel Stern, come è facile intuire già dalla copertina, si vira verso l'horror macabro, quello che al cinema abbiamo avuto modo di vedere con titoli come Hostel o Saw, con il sadico intento a mutilare la vittima, spinto da un movente del tutto discutibile. Quindi tanta adrenalina e nessun salto per lo spavento (sarebbe impossibile per un fumetto).
Non sarà il massimo dell'originalità ma viene contestualizzato benissimo nell'ambiente demoniaco della serie.
L'idea di variare fin da subito gli argomenti da trattare, anziché dare un'impronta fissa col rischio della monotonia, è stata ben ponderata dagli autori, come ci racconta Fumasoli nell'editoriale, e non posso che esserne lieto. La serie funziona benissimo così ed è una piacevole sorpresa ogni mese!
Torna la trama orizzontale che piace a me, quella che guarda al passato, svelandone un pezzettino alla volta, a differenza del numero precedente in cui si è data più importanza al futuro.

Nessun colpo di scena questo mese ma va bene così, non ce ne era bisogno e si evita di diventare ripetitivi.
Mi sfugge la scelta di usare il termine homeless, cosa che mi piacerebbe chiedere agli autori. Perché? Senzatetto faceva troppo Italia? O traduci tutti i termini o li lasci tutti in inglese. Il parlato mezzo italiano e half english non l'ho mai understood.

L'unica cosa che proprio non riesce a ingranare, sono i disegni. Nulla da dire sugli sfondi, gli ambienti, a non convincermi sono i personaggi, ancora una volta, tirati via e dall'aspetto brutto. Qui il protagonista sembra più vecchio, un po' mastro Geppetto. Sarà per la barba troppo folta, non solo la sua ma anche degli altri personaggi che la portano?
Per i flashback si usa di nuovo uno stile diverso, quello a "pastello" (su scala di grigi), cosa che ho apprezzato di nuovo.

Un ottimo numero che si rifà dopo il calo che avevo avvertito nel precedente, dettato prettamente dal gusto personale. Con un tema che ho apprezzato molto e nuovi flashback sul passato del protagonista, pochi e scontati ma decisamente apprezzabili. C'è ancora da lavorare sull'aspetto grafico ma va bene anche così, almeno fino a che non c'è nulla di inguardabile.

12 commenti:

  1. Ormai con la lettura dei Samuel Stern mi hai superato :D Domani provo andare in edicola anch'io e ti so dire comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah se non fosse stato per la quarantena, viaggerei ancora in differita di almeno un mese 😅

      Elimina
  2. Anche io ho apprezzato tantissimo questo "di più" (finalmente!) sul passato di Samuel... anche se tante cose sono ancora poco chiare.
    Inoltre, mi piace che vogliano differenziare quanto più possibile...!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci arriveranno piano piano (ma non troppo, secondo me dovrebbero dire tutto entro il primo anno/numero 12).
      Che differenzino è una cosa che mi piace fin dal secondo numero. Mi fa ancora più piacere la conferma, giunti al quinto numero! 👍

      Elimina
  3. Uao, la scena splatter sul malcapitato a cui portano via lo scalpo è fantastica!
    Mastro Geppetto, ahhaah, in effetti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ce ne è un'altra ancora più macabra, verso la fine e sempre con lo stesso personaggio, in cui si toglie il lenzuolo del lettino coi denti e si vede che è senza braccia e senza nulla dalla vita in giù!
      Gli mancava la sega e il grembiule per sembrare il babbo di Pinocchio! 😅

      Elimina
    2. ahah mamma mia splatterissimo :D

      Elimina
    3. Pure raccapricciante! Le mutilazioni mi hanno sempre inquietato...

      Elimina
  4. Andata anche questa🤓👍le scene splatter mi hanno fatto senso eh🤢Geppetto Samuel🤭😂.
    Thank you!🤗 o lo devo scrivere in italiano?😜😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andata ma non troppo, dato che inizia a stufarti.
      Geppett Stern!
      Devi scriverlo mezzo e mezzo, o thank a te o ringrazio you 😉

      Elimina
    2. 😂😂😂Ringrazio you😜 dai non mi ha stufato 🤓 avrei voluto qualche colpo di scena in più 😁 aspetto il prossimo😎

      Elimina
    3. Eeeh va be', se per una volta non vi sono stati colpi di scena, pazienza 😉
      Stavolta dobbiamo aspettare un mese intero, dato che abbiamo recuperato tutti gli arretrati 😎

      Elimina