martedì 9 luglio 2019

Ugo il Re del Judo

Cartone animato nippo-statunitnese, composto da 104 episodi e prodotto dalla Tatsunoko nel 1970 (gli stessi di Coccinella, dove appare in un episodio).

Ugo Gatto è un buffo ragazzo di campagna che decide di recarsi in città, a Tokio, per imparare l'arte del judo da un amico del defunto padre. Lì stringe amicizia con la figlia di quest'uomo, Kiku, già abile combattente grazie al padre e col loro gatto, Miao Miao, capace di fare capriole e giravolte in aria.
Nonostante sia un farfallone, ha un debole per Kiku, la quale, a sua volta, è corteggiata dall'odioso secchione e occhialuto Zippo, l'antagonista che non avendo doti fisiche, si difende usando l'astuzia.

IL RICORDO
Per me era la versione scadente di Nino il Mio Amico Ninja per la comicità e una parodia di Judo Boy ma nonostante ciò non perdevo un episodio, sia per mancanza di alternative e sia per le risate che mi faceva fare.
Anche se veniva trasmesso tutto l'anno, ne conservo un ricordo prettamente estivo, come per altri cartoni che venivano trasmessi nelle reti locali. Per la precisione io lo guardavo su T.R.E. (poi Super 3), un canale del Lazio. Sempre lì, nel salone di casa, nelle ore calde prima che si potesse tornare fuori.
L'essere pasticcione, il mettersi a ballare come un ubriaco ogni volta che sentiva la musica e il restare spesso seminudo nel suo perizoma rosso, erano le caratteristiche che non mancavano quasi mai ad ogni episodio e che me lo hanno fatto amare.
Nonostante lo abbia visto e rivisto, conservo ricordi molto vaghi e sulla storia, a parte ciò che dice Wikipedia, potrei aver commesso qualche errore.

Poi la sigla era dei Cavalieri del Re (e per re, si intende quello delle sigle italiane dei cartoni animati, altro che tutti quelli venuti dopo, nonostante alcuni errori nei loro testi ma conosciamo tutti i motivi!) e già prima che iniziasse l'episodio, ti gasavi, cantavi e ridevi!

Ve lo ricordate? Lo guardavate?

10 commenti:

  1. Ricordo benissimo la sigla ma non tutto il resto!
    Anche io lo vedevo su qualche canale locale, probabilmente anche io in estate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente aveva una trama dimenticabile 😝
      In rete ho trovato anche immagini di T9, canale nazionale.

      Elimina
  2. Ho vaghi ricordi...comunque c'era tutto un filone di ragazzini strambi che si cimentavano con lo sport e si rivelavano campioni, vedi anche Gigi la Trottola o Teppei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, lo stavo per citare. Lo ricorda perché oltre che sportivo, era innamorato di Anna, aveva un rivale (il cane Salomone) ma faceva il farfallone con tutte le altre ragazze.

      Elimina
  3. Io lo seguivo non in estate, ovviamente sulle reti minori.
    Gli ho sempre preferito Teppei, che è molto simile nella trama :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come detto a Orso, ho notato che lo passavano anche su T9, rete nazionale ma io lo ricordo più sulle reti locali.
      E come detto a Fabrizio, è vero, ricorda molto anche Gigi (Kappei, non Teppei 😄).

      Elimina
  4. Ricordo qualcosa, ma non mi piaceva granché, comunque bene che conservi bei ricordi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era il massimo ma durante la mia infanzia li guardavo TUTTI, anche quelli che odiavo, pur di non fare i compiti! E poi c'erano gli orari, mica 24 ore al giorno come oggi.
      Ricordi vaghi ma piacevolissimi 😍

      Elimina
  5. Mai visto, però la sigla la conosco molto bene (lo stile dei cavalieri del re è unico).

    P.S. Piccola curiosità sulla sigla: Inizialmente il testo doveva essere usato per il cartone "Forza Sugar" ma i produttori preferirono il pezzo dei Rocking Horse, quindi come accadeva spesso all'epoca il testo venne modificato e ripresentato per "Ugo re del judo" (e questa volta accettato).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che spesso sigle indirizzate ad un cartone, poi finivano in un altro ma di questo mi pare sia la prima volta che lo sento.
      Grazie per l'aneddoto molto interessante!

      Elimina