Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

martedì 16 luglio 2019

The Walking Dead Volume 2 Il Lungo Cammino

Storia: Robert Kirkman
Disegni: Charlie Adlard
Casa: Image Comics (SaldaPress per l'Italia)
Prezzo: € 13,90
Pagine: 135
Data d'uscita: agosto 2006
Acquistabile sul sito SaldaPress

Sono ormai passati mesi da quando Rick Grimes, "sbirro di provincia", si è destato dal coma per scoprire che il mondo che conosceva non esisteva più. Nel "nuovo mondo", i morti camminano sulla terra e sopravvivere significa dover quotidianamente fare i conti con la propria umanità. Rick e i suoi nuovi compagni decidono di lasciare i dintorni di Atlanta alla ricerca di un posto dove ricominciare a vivere. Lungo la via li aspettano il freddo e la fame, la delusione e la perdita. Ma, anche di fronte alla disperazione più cupa, la piccola comunità di sopravvissuti troverà la forze per reagire e ripartire ancora una volta.

Allerta spoiler (anche sulla serie TV)!

Questo secondo volume prosegue le vicende cha abbiamo amato nella prima stagione della serie televisiva ma ha qualcosa in più, ovvero il gelido inverno, tema che nella versione con attori, abbiamo dovuto aspettare la nona stagione per vederlo affrontare.
Ricordate il campeggio estivo nei pressi di Atlanta nei primi episodi della serie? Qui arriva subito l'inverno (la storia parte in autunno), con freddo e neve che mettono a dura prova il gruppo di Rick Grimes. In viaggio verso una nuova meta, il gruppo incontra Tyreese (da qui in poi Tereso), con sua figlia e il fidanzatino.
Minacciati dal gelo, si rifugiano tutti in un complesso residenziale ma a causa della neve, sfugge loro un cartello che li avvisa della minaccia dei morti viventi.
Chi ne paga le conseguenze è Donna, la mamma dei gemelli e moglie di Allen. Da qui in poi il marito non sarà più lo stesso.
Una delle migliori parti del fumetto per la quale ancora oggi non mi capacito dell'assenza nella serie TV!
Fuggiti dal comprensorio, il gruppo giunge alla fattoria di Hershel, dopo che Carl viene colpito per errore da Otis.
Tutto sembra filare liscio, pare che Rick abbia trovato un nuovo posto dove stare ma non è così! Il vecchio Hershel non vuole nuovi inquilini dato che le risorse sono limitante per la sua famiglia, inoltre tiene gli zombie nel fienile, perché giustamente non ha prove che siano effettivamente morti.
Dopo il casino del fienile, Rick e i suoi lasciano la fattoria.
Alla ricerca di un nuovo rifugio, il gruppo pare che trovi ciò che faccia al loro caso, un penitenziario ricco di recinsioni!

EDIZIONE ITALIANA
Unico errore ma grandissima cazzata della Salda Press, ovvero il "te lo detto" a pagina 92.

DIFFERENZE CON LA SERIE TV
  • Lori scopre di essere incinta prima delle vicende alla fattoria, subito dopo aver lasciato l'accampamento di Atalanta e la morte di Shane. Questa cosa quasi sconvolge Rick, che fin da subito sospetta di non essere il padre.
  • Tutta la vicenda nel complesso residenziale innevato non compare.
  • Tereso appare prima della prigione, con figlia e fidanzato, senza sorella.
  • Quando Carlo viene colpito da Otis, c'è Tereso con Rick, non Shane.
  • La famiglia di Hershel è più numerosa.
  • Gli zombie nel fienile sono annunciati fin da subito dal proprietario e non c'è Sophia (che qui non scompare).
  • Glenn abbandona il gruppo e resta nella fattoria per amore di Maggie.

6 commenti:

  1. Penso che sia questo il volume con cui ho proprio perso la testa per la serie, mi è piaciuto ben più del primo ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo!
      La parte nel complesso residenziale è stupenda! La prima volta che l'ho letta, ho stretto le natiche fino a che non sono scappati via. Cosa rara che un fumetto mi faccia questo effetto.

      Elimina
  2. I primi volumi piacevano molto anche a me, sebbene io li leggessi in formato bonellide.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il formato non ha importanza con storie del genere!
      Certo, con 96 pagine gli story arc venivano spezzati ma pazienza.

      Elimina
  3. Mi fa schifo, te lo detto!! XD
    Scherzi a parte (mi fa schifo davvero) pure i disegni sono brutti-kun! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😄
      I disegni (e il b/n) anche a me non hanno mai fatto impazzire, però poi mi ci sono abituato.
      Comunque da qui e fino alla fine, il disegnatore è Adlard. Non è lo stesso del primo volume 😉

      Elimina