Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

martedì 1 febbraio 2022

Sons of Anarchy (sesta stagione)


Ho visto questa stagione tra il 7 e il 13 giugno, concludendola finalmente per la prima volta, perché alla mia prima visione nel 2017 mi sono bloccato durante le prime puntate e poi ho mollato.
Come accade spesso ultimamente, ne parlo con qualche mese di ritardo... be', stavolta tanti mesi di ritardo. Nel frattempo sono arrivato al quinto episodio dell'ultima stagione e... non fatemi spoiler!

SPOILER FREE
Recensione priva di spoiler scoperti. Quando ci sono avviso sempre prima e copro il testo!
Ma per me lo spoiler (to spoil: rovinare) è quando riveli qualcosa di importante, non se Jax ha cacato la mattina. Se non avete visto le precedenti stagioni, leggendo questa recensione, inevitabilmente qualcosa la venite a sapere ma non mi azzardo mai a rivelare eventi importanti e soprattutto le morti!

La stagione si apre con questo nuovo personaggio, Lee Toric, ambiguo come lo era stato il procuratore federale Lincoln Potter, anche se questo non gioca secondo le regole. E poi parte un tema conosciuto bene negli States, ovvero studenti/armi/scuola .
Entra nel cast un attore che tutti quelli della mia generazione amano, Peter Weller, conosciuto più semplicemente come Robocop! Qui, ironia della sorte, come ex poliziotto corrotto.
Ma non è l'unica guest star, perché quando entra in scena la trans Venus Van Dam, interpretata dal grande Walton Goggins (quasi irriconoscibile), c'è da ridere ogni momento, soprattutto quelli che riguardano Tig.


Mentre in primo piano continua la battaglia di Jax per far uscire il club dal traffico della armi, sullo sfondo si susseguono varie vicende. Le più interessanti sono quelle legate a Tara, che cerca la soluzione migliore per il bene dei figli, e di Clay, arrivato ormai alla frutta.

Seguono annotazioni varie che vedono la morte di alcuni personaggi, quindi copro tutto!

La buona volontà del protagonista è stata alla base di questa serie fin dalla prima stagione ma dopo 5 anni e senza un traguardo all'orizzonte, è inevitabile sentirsi un po' presi per il culo. Nessuno pretendeva che la strada dovesse essere facile ma i continui imprevisti alla lunga hanno iniziato a stancare, roba che manco Paperino quando si affida a Paperoga!
Non mi fraintendete, questa stagione è ottima quanto le due precedenti ma il tira e molla è ormai un fattore ripetitivo.

Per le stagioni precedenti, clicca l'etichetta in basso col nome della serie ↓

Nessun commento:

Posta un commento