giovedì 25 luglio 2019

Giocattoli vintage: Tartarughe Ninja al mare

Da un'idea che mi ha dato Riccardo (de Il bazar del calcio), la linea con le amate Tartarughe Ninja in versione "tipi da spiaggia".
Ammetto che le avevo completamente rimosse ma appena Riky me le ha nominate, mi sono tornate subito in mente.
Era il 1992 e la linea di giocattoli dedicata ai 4 fratelli impazzava, tanto che ne uscivano versioni di tutti i tipi, spesso che non c'entravano nulla con la serie animata e, se non erro, la Sewer Spitting (che potremmo tradurre con "spruzza fogne", anche se non mi convince) fa parte di queste.

Viva il tarta-cocktail! Fonte Pinterest
Come potete vedere dalle immagini, oltre ad avere un aspetto estivo da località balneare, erano dotate di un sistema per spruzzare l'acqua, rendendolo un simpatico giocattolo estivo!
Riky ne aveva un paio, invece io ricordo solo qualcosa vista nei negozi e forse in TV, non mi pare che li avesse neanche nessun conoscente, compreso mio cugino che ne ha possedute davvero tante.

28 commenti:

  1. Confezioni coloratissime. Impossibile non resistere! Alla fine avevo i due peggiori: Raffaello cicloturista è il più figo e Leonardo almeno ha la spada. Io comprai invece Mike e Don, che però avevano pistola e fucile! Ma Mike ha grande valore affettivo, me lo comprò mio padre durante la nostra vacanza in Corsica in un supermercato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che per me Raffaello è il peggiore 😆 quello meno da spiaggia.
      Michelangelo vince solo per il cocktail 😝
      Di Donatello è fico il tema ma quella rete minuscola...
      Leonardo è stato il mio primo preferito, prima di passare a Mike e all'arancione. Peccato non abbia attrezzature da guardaspiaggia.
      Il legame affettivo con un giocattolo è il più bello... ho amato certe schifezze solo per questo motivo 😝

      Elimina
    2. Ma secondo te cos'è quella cosa che ha Michelangelo in mano (non il cocktail, l'altro oggetto)?

      Elimina
    3. All'inizio mi era sembrata una macchinetta fotografica ma poi riguardandola meglio (su altre immagini di Google) non si capisce proprio! Boh?

      Elimina
  2. Mancano due virgole prima di durante e dopo Corsica ahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era comunque chiaro 😉
      Sarà che sono tirchio di virgole 😄

      Elimina
    2. Sembrava fossi andato in vacanza in un supermercato e basta :D

      Elimina
    3. Ahahah anche tu hai ragione ma a forza di leggere e cercare di capire gente che pare non abbia finito le elementari, la mancanza di due virgole neanche le noto 😜

      Elimina
  3. Una delle varianti almeno simpatiche, specie per lo sputacchio.
    Le af delle tmnt non erano niente di che, ma davvero come per i Ghostbusters ne fecero valanghe di varianti anche assurde...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti facevano ridere 😁
      Lo sputacchio è un po' cafone però 😝
      Vero, anche coi (secondi) Ghostbusters ce ne erano tantissime ma per fortuna ne ricordo molte di meno. Non erano tra i miei preferiti.

      Elimina
    2. Come dico spesso, io avevo tra gli altri: il Raffaello calciatore..il Donatello detective con la maschera con baffoni da mettere sopra la faccia vera..il Leonardo poliziotto e Raffaello pompiere.
      Mi piacevano tutti un sacco XD

      Elimina
    3. Mi sono dimenticato di rispondere a questo commento!
      Donatello detective ce lo aveva un mio amico ed era fenomenale! La maschera l'avevo rimossa ma ora rido ripensandola 😄
      Il pompiere lo ricordo vagamente, mentre il poliziotto non mi è mai capitato. Il calciatore forse.

      Elimina
  4. Ho avuto solo quelle classiche ( credo fossero Raffaello e Leonardo), ma ero già quasi fuori target ed in effetti sono stati gli ultimi giocattoli che mi feci comprare. Potevo avere sui 12/13 anni, e solo perché ero un grande fan del videogioco e del cartone animato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine quelle classiche erano le migliori.
      Brutto quando arrivi al limite massimo... una parte di te vorrebbe ancora tanti giocattoli, l'altra sa che finiribbero a raccogliere polvere. Comunque quella è stata anche la mie età di rottura, anche se ho avuto la fortuna di qualche altra parentesi negli anni successivi, grazie ai cugini più piccoli.

      Elimina
    2. Il punto di rottura fu proprio il fatto di chiedermi se non ero troppo grande per chiederli, anche se tutto sommato fino a 15 anni giocavo ancora con il Subbuteo o comunque simulavo partite di calcio in solitaria sul tavolo in cucina con le figurine dei calciatori, quindi in qualche modo, l'infanzia me la sono portata addosso ancora per qualche anno.

      Elimina
    3. Anche io amavo simulare partite di calcio, col subbuteo e non solo :).
      Invece il passaggio dai giocattoli all'adolescenza l'ho vissuto bene grazie al boom dei videogiochi XD

      Elimina
    4. @Pirkaf: almeno a te lo hanno chiesto... con me hanno smesso e basta. Ricordo verso la seconda o terza media, un pomeriggio in cui "giocavo" coi LEGO (in verità ero lì a fissarli senza fare niente, la magia era finita) e mio padre "ancora giochi?" ma poi si è ripreso dicendomi "fai bene, continua fino a che ne hai voglia" o una cosa del genere.
      Io me la sono portata addosso coi cuginetti, altrimenti da solo ho smesso da quella vicenda con mio padre o poco dopo.

      @Riky: ci avrei scommesso che la tua vicenda avesse a che fare col calcio, chissà perché? 😝
      Sul lato videogiochi, non ho mai smesso. Come per i fumetti non li ho mai considerati per un pubblico infante... e guai a chi provava a dirlo, me lo mangiavo! Quindi mai visti come passaggio ma un intrattenimento per tutti, da 5 a 90 anni!

      Elimina
    5. Per me l'abbandono dei giocattoli (come detto più volte) fu naturale :).
      Anche accompagnato dagli amici: il mio amico Alberto passò ai videogiochi per primo e zac; mi portò sulla "cattiva" strada :D

      Elimina
    6. Una volta mio fratello che è più grande di me di sei anni uscendo dalla stanza dove in genere si rintanava mi disse la tua stessa frase mentre ero intento a giocare a simulare una partita di calcio, credo di aver avuto 15 anni o giù di lì, ed ammetto che la sua frase mi ha colpito e anche ferito, perché mi sono un po' vergognato come se fossi stato visto in fragrante a fare qualcosa di sporco. :-P

      @Riky: in pratica usavo le porte del subbuteo, le palline di plastica o di vetro che si vincevano con le macchinette microguida fuori dei bar/chioschi e le figurine dei calciatori Panini e facevo dei veri e propri campionati di calcio.

      Elimina
    7. @Riky: i videogiochi sono la retta via, altro che cattiva strada! 😝 Anche se oggi sono cambiati un po' troppo.

      @Pirkaf: l'ultimo periodo mi vergognavo anche io a farmi vedere. A parte quando a 15 anni "facevo giocare" i cuginetti (in realtà mi divertivo più io che loro), coi pupazzi dell'Uomo Ragno e di Batman tAS.

      Bellissime le macchinette microguida! 😍 Quasi quasi ci faccio un post per giovedì prossimo...

      Elimina
  5. Possedute nessuna, però tanto simpatici ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai azzeccato l'aggettivo: tanto simpatici 😉

      Elimina
  6. Secondo me non avevano senso, per carità le abbiamo comprate ugualmente, però ora che me le hai ricordate è stata pura strategia commerciale. Si hai ragione le avevo sempre io ahahah

    Nico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevano alcun senso ma eravamo drogati! E i produttori ci marciavano su, vero!

      Elimina
  7. Onestamente le trovo orribili, meglio quelle a tema Horror :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, dai! 😄
      Quelli horror non ce li ho presenti...

      Elimina
  8. Risposte
    1. Erano sicuramente simpatiche 😁
      Ciao e benvenuto! 😉

      Elimina