giovedì 9 aprile 2020

Saluti da Hellville di Thomas Ott

Pensavate che avessi esaurito le batterie saltando il post di oggi... in parte è così ma ho solo rimandato alla sera visto il tema trattato. Solitamente le pubblicazioni dopo le 18 hanno meno visualizzazioni e vengono rimandate al giorno dopo. Vediamo se con la quarantena, con gli orari sballati, è cambiata qualcosa.

Thomas Ott è un fumettista svizzero che predilige la tecnica dello "sgraffito", che consiste nel ricoprire di nero la tavola e poi "grattarlo via" con un pennino, lasciando emergere il disegno.
Ad essere neri non sono soltanto i suoi disegni: cupe, angoscianti e soffocanti sono anche le storie e le atmosfere che crea. Le sue tavole, non poche volte, sembrano fotogrammi di un mesto film d'autore in bianco e nero. Fonte presa e riveduta da Wikipedia.

Greeting from Hellville è una raccolta di storie brevi prive di dialoghi, né baloon e né didascalie, dalle illustrazioni mute ma che hanno comunque da dire.

The Job
Un killer professionista adempie al suo compito ma il centro della storia è la sua particolare ricompensa.
Nulla di che e piuttosto senza senso.

10
Un inserviente di colore di un hotel è vittima del Ku Klux Klan. Non giocate con la magia nera, vi si potrebbe ritorcere contro!
Poco chiaro e si deve risfogliare più volte per capirlo.

G.O.D.
Un tizio che lavora in una fabbrica, che si chiama come il titolo, durante la notte ha la visione di un arcangelo. Non si sa per quale motivo, diventa timoroso e copre la finestra. Allorché una donna si insospettisce e fa una soffiata...
Eh? Non l'ho capita!

Goodbye
Un aspirante suicida cerca di porre fine alla sua vita in vari modi ma gli dice male, anche in una tentata impiccagione che ricorda quelle di Paolo Villaggio.
La storia migliore, soprattutto per il finale beffardo!

Ottimi i disegni e lo story telling, che non è sempre facile riprodurre su di un fumetto privo di dialoghi. Ottimo anche il macabro. Basta. Il problema è che lasciano troppo alla libera interpretazione, con un risultato deludente.
Consigliato solo agli amanti dell'arte visiva. Sconsigliato agli amanti del fumetto classico.
Bellissima la pausa tra una storia e l'altra, una intera pagina che sembra un canale del vecchio tubo catodico, sulla vecchia antenna (senza digitale), quando non si sintonizzava o saltava il canale.

6 commenti:

  1. Comunque sembra interessante, anche per via del tratto.
    Nel commento sopra mi hai fatto ribaltare. Aahahaha
    Preso dalla curiosità ho tradotto, sembra una pubblicità di prodotti idrici arabi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senz'ombra di dubbio è interessante, quello sì!
      Ahahah solitamente li cancello ma di tanto in tanto rispondo a tono a 'sti spammatori. Avevo immaginato perché ho cliccato il link e c'è qualche immagine. Se fosse stato solo testo, avrei usato Google traduttore anche io 😄

      Elimina
  2. Disegni bellissimi, trame un po'..così.
    Sarei curioso di leggere quella stile Ku Klux Klan.
    Ahah, il paragone con Fantozzi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, potevano impegnarsi un po' di più.
      Appena riprendo l'hard disk esterno, te la giro quella, tanto sono poche pagine 😉
      Dai, la corda per impiccarsi che cede, è quanto di più sfigato possa esserci 😆

      Elimina