Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

lunedì 27 aprile 2020

Topolino e la Casa dei Dipinti Che Fingono (di Casty)

Era un po' che non leggevo il Topo ma grazie alla recensione di Fabrizio di Cent'anni di nerditudine (abbonato e che puntualmente ogni settimana, il giorno dopo o il giorno stesso dell'uscita, posta la sua recensione), ho voluto leggere almeno la storia d'apertura, alla quale è dedicata la copertina del n. 3361 dello scorso 22 aprile.
Per fortuna che c'è Casty, fedelissimo ai topi ('fanculo i paperi!).

Pippo trova in offerta una casa sul lago, ideale per trascorrere le vacanze, a soli 20 dollari. Dove sta la fregatura? Va bene che si tratta di un fumetto di un fumetto Disney e che i bambini non conoscono i prezzi del mercato edile ma avrei alzato un po' più il prezzo, 200 o 2.000 sarebbe stato comunque assurdo per la vendita di una casa, ma anche 20.000!
Inizia il mistero. Perché costa così poco? Cosa c'è dentro la stanza chiusa a chiave, che l'agente immobiliare, Charlando Tintorto, non ha voluto mostrare agli acquirenti. Il titolo è un bello spoiler ma l'autore riesce comunque a incuriosire e incollare alle pagine.

Mi ha fatto sorridere il solito politicamente corretto un po' esagerato, unico neo, con Pippo che compra una fionda per colpire i corvi, Topolino gli fa la morale e lui risponde che usa solo palline di carta ma non va bene comunque, il moralista continua con "Non importa! Non si colpiscono gli animali!"...
Una bellissima storia misteriosa e a tratti inquietante. Il tema di trovare un altro mondo all'interno di un quadro, ma anche di uno specchio o di una foto (tipo la scena a It con Pennyworth che si muove e sale sul palo della luce), è un tema che mi ha sempre affascinato e l'ottimo Casty lo ha affrontato in modo sublime. Anche la maestria di trattare un tema horror ma adatto anche ai bambini, è notevole.
Bravo!

18 commenti:

  1. Casty è un grande, non c'è niente da dire!
    Purtroppo il politicamente corretto è imposto agli autori, io sono sicuro che Casty, Faraci, Vitaliano e altri ne farebbero volentieri a meno, come i loro maestri, d'altra parte.
    Ah, Casty mi piace molto anche come disegnatore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, tra gli autori di ultima generazione (o forse dovrei dire penultima), per me è il migliore! Anche se non mi piace quando fa cosoblot, non ricordo il nome.
      Immaginavo fosse imposto.
      Ottimo disegnatore che non rompe col proprio stile 😝

      Elimina
    2. Darkenblot, ma lo disegnava Pastoricchio :D

      Elimina
  2. Casty è veramente bravo, poi ha costruito una valida storia autoconclusiva senza ricorrere alla solita prima parte/seconda parte...anche il paese di nome "Rosega" (se non sbaglio) mi ha fatto sorridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, anche con una sola pagina in più, si sarebbe allungato il brodo. Benissimo così! Al di là che non sopporto le storie a puntate.
      Rosega sembra una parolaccia mascherata 😝

      Elimina
  3. In effetti è molto incuriosente già dal titolo. Sembra un po' quellevstorie misteriose alla Romano Scarpa, tipo vandalo del plenilunio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è una bella storia di oggi, scritta come facevano negli anni d'oro.

      Elimina
  4. Hello! great entry. I hope I understood everything well, because my language is Polish: D I think you have a really great blog full of passion! Pictures are great too :) best regards from Poland!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hello Ayuna! Welcome and thank you so much.
      Greeting, see ya soon!

      Elimina
  5. Ne ho sentito parlare, devo ancora leggere però ;)

    RispondiElimina
  6. Ma Pennyworth è Alfred XD
    Comunque, storia che ancora non leggo ma trama interessante: anche io amo quando si attraversano specchi o quadri, peraltro Mickey l'aveva già fatto in un suo celebre corto^^
    P.s. si dice DIPINDI :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah con 'sti cazzo di penny mi confondo sempre! Ho pure cercato con Google, non sono l'unico stronzo a sbagliare se me lo ha dato tra le opzioni di ricerca 😆
      A me affascinava il momento della donna che si pettinava nello specchio, nella VHS di The Ring (idem per quello comico di Scary Movie) ma non c'era dalla nostra parte, figuriamoci 😁
      Ti si è incantato il disco con 'sti "dipindi". Accento afro? 😝

      Elimina
    2. Boh, mi piace la parlata marchisciana... i dipindi, quindi :p

      Moz-

      Elimina
  7. Ma il titolo è ispirato al film su le finestre che ridono di Avati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso, si somigliano un po' ma dato che non hanno molto in comune nella trama...
      Però ho scoperto il film di recente da Riky e non l'ho mai visto. Potrei ricordare male e dire una cazzata 🤔

      Elimina