Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

sabato 9 maggio 2020

Paperino pervertito e le pubblicità su Topolino n. 1115 del 1977

Stavo cercando pubblicità vintage quando mi sono imbattuto in questa immagine realizzata per la rubrica "Qui... Paperino quack!", dedicata alla posta se ho capito bene e, nella seconda pagina, alla fine c'è questa immagine che ho riportato! Con quello sguardo inebriato, mentre guarda il posteriore di Paperina, che ti verrebbe voglia di chiamarlo Donald Fuck! Una cosa del genere oggi non passerebbe di certo inosservata e verrebbe bandita  avita, il disegno, chi lo ha realizzato e il responsabile che lo ha approvato!

Passiamo alle pubblicità. Scusate la lunghezza che crea tanto scrolling ma nel '77 non ero nato e dedicare dei singoli post ad ogni prodotto, sarebbe stato inutile dato che non avrei avuto qualcosa da dire.
Patatina e Angelino. Mi salta all'occhio Cico clown, il pagliaccio. Non sono coulrofobico ma un bambolotto del genere è da anni di terapia!
Pistole dei corsari, impensabile oggi!
Un antenato delle Micro Machine?

Mafia... su Topolino...

Pubblicità con un bambino pellerossa... anche se a me sembra più sudamericano.

18 commenti:

  1. Qualche blogger più anziano di me sverrà su questo post :D.
    I Lego erano veramente rudimentali, in effetti erano più allettanti le scatoline di Playmobil!
    Del Subbuteo avevo preparato un post con le immagini dal catalogo di quegli anni, prese del Guerin Sportivo, ma è stato cancellato tutto dal mio cambio account :D.
    Però appena mi torna sotto mano quel Guerin Sportivo, lo imposto nuovamente e lo pubblico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Paperino pervertito: per me è semplicemente il disegno"fatto male", volevano fare Paperino soddisfatto per potersi riposare.

      Elimina
    2. Per me guarda i fiori che sta cogliendo Paperina, certo gli è venuto fuori male :D

      Elimina
    3. Spero di aver fatto cosa gradita agli amici blogger poco più grandi di noi 😃
      I LEGO li avevo scambiati per i Playmobil all'inizio... erano costruzioni in tutto e per tutto, anche nei corpi delle persone. Solo la testa era veramente una testa 😅 Però hanno lo stesso il loro fascino 🙂
      Se ti serve l'immagine senza il "marchi", te la giro privatamente 😉

      Mah, per me è ciò che volevano far credere ma il messaggio subliminale è voluto! 😝

      Elimina
    4. E' vero, nei primi anni '80 i Playmobil spaccavano, infatti io resto sempre un po' basito dal fatto che siano rimasti un po' ancorati agli anni '80 e successivamente rimpiazzati in toto dai Lego.
      Io avevo un amico che ne aveva un'infinità di Playmobil ed infatti eravamo spessissimo a casa sua a giocare.

      Elimina
    5. Io ho sempre avuto un debole per i Playmobil, messi sotto ai LEGO di un piccolo gradino!
      Forse hai ragione che non sono andati avanti ma lo hanno fatto oggi e avrei preferito non lo avessero fatto. Con 'sti cazzo di capelli/parrucchini che sembrano tutti usciti da un manga o da Final Fantasy!
      Mio cugino aveva il galeone dei pirati e ci giocavamo ogni volta che andavo da lui, non ho saltato una volta!
      Ma anche io non mi potevo lamentare!

      Elimina
  2. Ho visto tante di quelle chicche..ma la Breil faceva anche orologi per bambini una volta? Alcune cose sono impensabili oggi: bambolotti clown, pistole giocattolo, pantoloni Mafia (Ma come gli è venuto in mente?), la presa in giro della maniera di parlare dei tedeschi con "tetesca di Cermania" che poi riprendeva Villaggio se non sbaglio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla Breil non ti so dire, i primi orologi per bambini che ricordo sono i Flik Flak...
      Quando Topolino se ne sbatteva del politicamente corretto 😍
      Ahahah non ci avevo fatto caso alla parlata tedesca. Ma è geniale! 😂 Diciamo che oggi se la prenderebbero solo con chi stereotipa (o come si scrive) africani o asiatici, per gli europei ancora ci si passa sopra.

      Elimina
  3. Ahah è vero, immagine certamente ambigua :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me volutamente 😈
      Dai, come fai a non accorgertene e farla modificare prima della pubblicazione? Con Paperina chinata?

      Elimina
  4. I pantaloni Mafia erano un cult.
    Ma... ci cago e me ne vado?? XD
    Bello come si stesse andando già verso gli anni '80, anche se il bello doveva ancora arrivare :)
    Paperino guarda... il cespuglio di fragoline!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai sentiti i Mafia...
      Ahahah mi era sfuggita la cagata... chi si è occupato della pubblicità, nella testa pronuncia la città in modo errato come fanno in TV, "scicago", quindi non si è accorto del doppio senso 😅
      È vero, c'è quel qualcosa degli albori degli anni 80.
      So io quale cespuglio sta guardando 😝

      Elimina
    2. O meglio, quale fragolina... :p

      Moz-

      Elimina
  5. Io bramo ancora adesso le "Pistole dei corsari". Dici che il concorso è ancora valido? Quasi quasi ci provo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giocattolo perfetto per te! 😁
      Prova perché sono sempre stato tentato di partecipare ad un vecchio concorso ma non ho mai osato, magari dentro la cassetta per spedire c'è un buco spazio-temporale che la fa tornare al 1977 😝

      Elimina
  6. Pantaloni Mafia... ma che roba è??
    L'immagine del tipo che non deve farsi venire la testa a pallone è ben particolare. Inoltre il corpo è fatto tutto con un'unica linea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure Moz ha scritto che erano un cult...
      Fa un po' impressione quel tizio. Non avevo notato la tecnica dell'unica linea, che occhio!

      Elimina