Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

mercoledì 27 maggio 2020

Superman: Man of Tomorrow #6

What Make a City - Part 2
Storia: Robert Venditti
Disegni: Paul Pelletier
Copertina: Pelletier
Casa: DC Comics
Prezzo: $ 0,99
Pagine: 16
Data d'uscita: 25 maggio 2020
Acquistabile in digitale su readdc.com

Clark Kent è stato attaccato ma approfitta del caos e dei testimoni distratti per allontanarsi e cambiarsi in Superman, tranquillizzandoli che ha portato il giornalista "ferito" all'ospedale. Stanco di questo Grande Fratello, il supereroe inizia a distruggere le telecamere di sicurezza della LexCorp.

Con questa seconda e ultima parte viene resa giustizia al titolo, coi cittadini di Metropolis che fanno la differenza e che dopo essere stati salvati molteplici volte dall'Uomo del Domani, riescono ad aiutarlo grazie all'unione che fa la forza.
A fare il pignolo ho trovato un po' troppo "comunista" la frase del supereroe contro le macchine, che non potranno mai sostituire l'uomo (credici).
Un gran bel momento con una bella morale, che si era già vista non solo nelle pagine dell'Azzurrone ma anche in altre serie a fumetti o film.
Bellissimo il finale, con Luthor che viene assicurato alla giustizia ma tutti sanno che riuscirà a farla franca grazie ai suoi soldi e al suo potere. Ho trovato questa decisione un buon compromesso per questo genere di storie autonclusive o, come molti le definiscono, in stile Topolino. Se lì ci dimentica dell'arresto di Gambadilegno o la banda Bassotti la settimana successiva, per mancanza di continuity, qui il cattivo lo si ritroverà libero ma per altri motivi!
Non ne avevo ancora parlato ma negli ultimi 3 numeri la cover è presa pari pari da una tavola interna. Per questo e il quarto viene presa la prima pagina del numero, mentre per il quinto è stata presa la seconda tavola. Va bene che è una serie digitale che costa "solo" 99 centesimi ma mi sembra una "poracciata". Eppure nei primi 3 numeri non è stato così...

Via lascio all'anteprima delle prime 3 pagine:

7 commenti:

  1. Oddio, io più che comunismo ci vedo la gente che va a distruggere le antenne 5G :D
    Comunque non mi dispiace la serie "alla Topolino", dove tutto torna normale la volta dopo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahha grande Moz. Sono d'accordo anche io e confermo le mie impressioni: questa serie di Superman è interessante anche per un non seguace della saga dell'"azzurrone". Le trame mi sembrano semplici e allo stesso tempo "gustose".
      Spero non le infarciscano di clyffhanger e di tragedie!
      Ah, il disegno della "trasformazione" è stupendo!

      Elimina
    2. Ahahah na no, quelli contro il 5G sono matti complottisti, Superman invece da una parte ha ragione, perché affidando la sicurezza alle macchine, c'è stato questo errore di giudizio, prendendosela prima con un semplice ladruncolo che non aveva pagato il conto e poi con il supereroe solo perché aveva i superpoteri e quindi considerato un super-villain. Mi è sembrato comunista perché mi ha ricordato gli operai che in passato protestavano quando calava la richiesta della forza lavoro a causa delle macchine.
      Dopo il mega romanzo di Bendis, inizio anche io ad apprezzare le storie "topolinesche", è bello fare ragionamenti e ipotesi sulle trame intricate ma alla lunga ci si stanca. Coi fumetti vorremmo anche rilassarci!

      @Riky: esatto! Sono accessibili a tutti e non sei costretto a leggere tutti i numeri per capire, basta sapere le basi, chi sono Superman/Clark, Lois, Jimmy, Perry e Lex Luthor, basta, mentre del nemico di turno ti viene detto tutto nella stessa storia. Oltre che allo stile "Topolino" o anche quello dei Bonelli classici, mi dà l'impressione di guardare un episodio qualsiasi della serie animata dell'Azzurrone, di Dini e Timm.

      Elimina
    3. E' bello fare ragionamenti e ipotesi sulle trame intricate ma alla lunga ci si stanca. Coi fumetti vorremmo anche rilassarci!

      Ecco, io aggiungo, ragionamento valido anche per le serie tv!

      Elimina
    4. È per quello che ne seguo poche di serie TV e la maggior parte quando sono concluse, così faccio le maratone e non rischio di dimenticare nulla. Invece le sitcom me le spero quando voglio, proprio perché hanno poca continuity e trame leggere.

      Elimina
  2. Episodio molto carino, sopratutto considerando il prezzo irrisorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato che per ora la serie sia sospesa.
      Spero riparta presto!

      Elimina