Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

giovedì 21 maggio 2020

Bronze Age Boogie #1

Torna dopo un po' la rubrica dedicata ai numeri 1 che ho deciso di non proseguire. Questo lo avevo recuperato a luglio dello scorso anno non ricordo per quale motivo, forse per la copertina colorata, forse perché credevo si riferisse alla Bronze Age dei comics, chi se lo ricorda?!

Storia: Stuart Moore
Disegni: Alberto Ponticelli
Copertina: Alberto Ponticelli
Casa:  AHOY Comics
Prezzo: $ 3,99 0,99
Pagine: 30
Data d'uscita: 3 aprile 2019
Acquistabile in digitale su ComiXology

La sinossi chiede: "cosa ottieni quando combini tutti i più amati temi dei comics degli anni 70: scimmie, mostri, kung fu, sword-and-sorcery e avventura cosmica?"
La mia risposta è: "un gran mal di testa!"
Ma non è solo questo il motivo, non ci ho capito molto anche perché viene messa troppa carne al fuoco per un primo numero che dovrebbe essere introduttivo. Si inizia con un prologo nel 1975, con una scimmia anziana su sedia a rotelle, madame Ape, una mummia rinsecchita, Go-Go Golem e uno scienziato, questo pare normale, al quale viene assegnato il compito per una consegna.
Si passa poi al 1975 a.C., 3949 anni prima, ed ecco spiegato il titolo, nel bel mezzo di una battaglia tra dei barbari umani e orde di morti viventi, dinosauri e altre creature che potete ammirare nella splash-page qui sotto, animate dai maghi del castello, con l'aiuto del gioiello che vedete sullo sfondo, in cima alla torre.
Dal cognome di padre e figlia, che cambia secondo il genere, deduco che sia un popolo russo ma di loro hanno poco, anche se ammetto di essere ignorante sulla loro storia, poi questa usanza non credo abbia tempi così antichi.

La sera, dopo la battaglia, la ragazza apre una scatola con roba anni 70, tanto che ho pensato che non fosse la vera figlia ma una viaggiatrice del tempo. Invece no, ad esserlo è un suo amico scimmia, in abiti umani e scimmia, che viene da un'era in cui le scimmie sono la forma di vita dominante dell'intera galassia. Le racconta del futuro e questo forse spiega perché Brita chiami "pizza-face" uno zombie. La chiacchierata viene interrotta da un attacco marziano, la ragazza viene catapultata nel 1975 d.C., grazie a un ciondolo a forma di globo da discoteca, e si ritrova nel medesimo attacco, una invasione attraverso il tempo!

Conclude l'albo una storia d'appendice nel 1958, con un orso usato come cavia da spedire nello spazio, che per un malfunzionamento acquisisce la parola: il maggiore Ursa.

Come si intuiva dall'inizio dell'articolo, un bel minestrone confusionario che dovrei leggere in una lingua non mia, per quanto capisca bene l'inglese. Grazie ma no grazie!

Mi consola il fatto che stamattina, prima di leggere questo, ho letto un altro numero uno che però proseguirò decisamente, quindi niente post al momento, aspetto la fine del primo arco narrativo. Anticipo solo: bande di ragazzini in stile anni 80 che affrontano zombie!

10 commenti:

  1. Alberto Ponticelli è sempre uno dei migliori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, lo conosci. Credo sia la prima volta che mi capita un suo fumetto ma, anche se non ne ho parlato (tendo a tagliare quando mi allungo troppo), è davvero bravo! Nulla da obbiettare.

      Elimina
  2. Sarà un gran mischione, ma è super la battaglia tra barbari (antenati di He-Man XD) e zombie che cavalcavano dinosauri zombie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una gioia per chi ama il fantasy ma ti deve piacere tutto il "mischione" se vuoi leggere l'intero fumetto.
      A 'sto punto cerchi qualcosa solo fantasy e l'offerta è pure vasta! Non sai quanti ne scarto quando "sfoglio il catalogo" 😝

      Elimina
  3. Ecco, vedo che non solo io ci ho visto MOLTO dei Masters.
    Comunque... paradossalmente questo a me potrebbe invece piacere molto XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma voi siete più esperti, io degli antenati di He-Man non ricordavo proprio nulla, quello che so è grazie ai tuoi post.
      Se arriva in Italia, ti faccio un fischio ma comincia ad essere vecchiotto, quindi ne dubito.

      Elimina
    2. Certo, gli antenati di He Man, He-Ro e company...c'erano i dinosauri usati come cavalcature!

      Elimina
    3. Non li ricordo anche dopo aver letto i post di Moz.
      Gli unici dinosauri da cavalcare per me erano i Dino-Riders!

      Elimina