Comunicazione di servizio

Dal 2 aprile 2022 non faccio più recensioni su fumetti, serie TV e film (salvo eccezioni). Non vengo pagato e non ricevo nulla in cambio, quindi torno alle origini, commenti da forum o da bar su ciò che ho letto o guardato, fregandomene del lato tecnico e obbiettivo o cercando di far capire qualcosa anche a chi non conosce l'argomento trattato.

giovedì 21 maggio 2020

I mitici giocattoli della mia infanzia: Army Gear

Altra linea di giocattoli, distribuita in Italia da GiG, che avevo trattato lo scorso dicembre attraverso il catalogo GiG è Bel del 1989, che voglio riproporre preso singolarmente.
[...] li avevo completamente rimossi ma qualcuno lo aveva quel maledetto viziato di mio cugino Nicolò. Ricordo benissimo la sua Pistola Uzi, che spettacolo! Erano una sorta di antenato di Polly Pocket o Mighty Max, con un oggetto di guerra che una volta aperto, diventava una base con tanto di mini soldatini. Li voglio tutti, cazzo!

Ho sempre adorato i soldatini, dopo la versione con cowboy e indiani, dove la parte che preferivo erano i fortini, i militari in miniatura erano tra i miei giocattoli preferiti. Con quelli classici, verdi e grigi per differenziare le fazioni, mi divertivo a creare trincee nel prato, una specie di giungle del Vietnam anche se non avevo mai visto film di quel genere, la mia unica conoscenza di guerra credo fosse quella della trilogia di Rambo, anche lui immerso nella natura. In alternativa, l'estate me li portavo al mare e l'ambientazione diventava, ovviamente, il deserto.
Prima di Army Gear dovevi usare l'immaginazione per l'ambientazione ma con questi soldatini, molto più piccoli di quelli classici, finalmente avevi dei cambi di battaglia e delle basi. Un orgasmo!

Riguardando questa immagine, mi sono ricordato che Nicolò aveva anche il fucile M16!

E voi? Li ricordate? Li avevate? Ci avete giocato?

10 commenti:

  1. Certo che li ricordo, essendo pubblicizzati sul mitico catalogo..
    Io non amavo molto i soldatini (Tranne i Gi-Joe), ma certo questi Army Gear brutti non erano...
    Il fucile-base era una figata!
    Un amico aveva il binocolo e la pistola.
    Meglio Army Gear di Mighty Max!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo del tuo disinteresse per i soldatini. In effetti questi erano soldatini con una marcia in più, non il desiderio di tutti tanto da richiederli appositamente (io stesso non li ho mai chiesti e adoravo il genere), però apprezzabili da chiunque.
      Il fucile era ricco ma trovo bellissimo anche il machete, che diventava una torretta 😍
      Meglio anche Polly Pocket di MM 😝

      Elimina
    2. Esatto, anche io preferivo Polly Pocket, aahha!

      Elimina
    3. Iniziavamo anche ad essere grandicelli quando è arrivato Mighty Max.

      Elimina
  2. Me li ricordo. Un natale ne avevo anche regalati un paio ad uno dei miei fratelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratellino fortunato!
      Ma non mi posso lamentare, quello che non avevo io, ce lo aveva mio cugino.

      Elimina
  3. Armi giocattolo no, a parte una pistola, che non era però Gig.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma queste erano armi solo all'apparenza 😍
      Neanche io impazzivo per le armi, a parte in tenerissima età col l'immancabile fucile preso alla festa di paese che era la gioia di tutti i genitori per il casino che faceva. E la classica pistola ad acqua.

      Elimina
  4. No, non li avevo, ma come per tutte le cose PICCOLE e TRASFORMABILI, li adoravo, anche solo nelle foto.
    Bellissimi!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le foto nei cataloghi e nelle pubblicità sono state una valida alternative per noi che avevamo una fantasia illimitata, quando non si poteva avere qualcosa, manco tramite l'amico, il vicino o il fratello/cugino!
      Le cose trasformabili le preferivo anche io piccole! Non che quelle più grandi le disdegnassi ma erano più... faticose 😝

      Elimina